giovedì 29 agosto 2013

Il mio secondo Wilbur Smith

So che è un classico, che avrà scritto almeno 50 romanzi, tutti stravenduti. Mia madre ne ha pure due o tre scaffali pieni e anche noi non scherziamo eh (apporto dell'Alpmarito) però sino alla scorsa settimana io non avevo mai letto un libro di Smith.





Poi mi sono trovata in Portogallo con i due libri che mi ero portata finiti e ho dovuto attingere agli ultimi acquisti del'Alpmarito i cui gusti, inutile dirlo, non sempre coincidono con i miei.
Così ho letto "La legge del deserto".
Il mio giudizio? Non male ma niente di eccezionale.
Si legge bene, in modo scorrevole, l'avventura, ambientata in Medio Oriente, con gli arabi cattivissimi e i cristiani buonissimi (ma tanti dialoghi in cui si sottolinea che non è la religione mussulmana da condannare, no, sono solo certe frange estremiste, come d'altro canto ci sono le sette cristiano..quasi l'autore avesse timore di incorrere in qualche censore o temesse denunce e accuse di razzismo...ma per favore!!!) prende abbastanza, i colpi di scena non mancano ed il finale, seppur nell'essenza scontato, non lo è nei modi.
I personaggi principali sono alquanto irreali ma non per questo meno carismatici ed affascinanti però trovo che ci sia un'abbondanza di dettagli truculenti e di scene macabre, un'insistenza sulla violenza e sulla crudeltà che...non so, ma non mi convince.
Nessuna descrizione dell'Africa alla Smith, per pagine e pagine, caratteristica che non mi aveva fatto entusiasmare per "La notte del leopardo" , però, se vi piacciono i romanzi d'avventura, consiglio piuttosto l'inimitabile Andy McNab o il più ripetitivo Clive Clusser.
Per dovere di cronaca, però, sappiate che all'Alpmarito "La legge del deserto" e' piaciuto molto di più che a me.
Questo post partecipa al Venerdì del Libro di Home Made Mamma : www.homemademamma.com


mercoledì 28 agosto 2013

Portogallo + 17 e rientro

Venerdì scorso, ultimo giorno di vacanza, l'ho trascorso in spiaggia, con un nano insolitamente svogliato e cappriccioso, con l'Oceano insolitamente calmo e il sole caldo.
Però avevo la febbre e la tonsillite, di nuovo, e come capita in questi casi, più io stavo male e chiedevo al nano di avere pazienza e fare almeno un sonnellino pomeridiano da un'ora, più lui stava sveglio e non collaborava. E poi sveglia all'alba, anzi prima, attese infinite all'aeroporto, febbre e fatica.
In compenso, venerdì ho avuto il privilegio di vedere il mercato del pesce di quel paesino un po' diroccato ma tanto suggestivo che è Apulia e sono rimasta incantata dalla scena di ordinaria quotidianità.
E, contrariamente a quanto temevo, non ho avuto alcun problema ne' a prendere i voli da sola con nano, passeggino e bagagli, ne' con la Ryanair e le sue restrizioni in tema di dimensioni e peso dei bagagli (e' vero, però, che a bordo ti tempestano di proposte di vendita e che la loro bilancia aggiunge un chilo o due sul peso!!). Al ritorno il nano ha persino dormito tutto il volo, sdraiato nel sedile accanto, visto che l'aereo non era pieno e nessuno si è accorto che lui non avrebbe avuto diritto al posto a sedere....lo so, e' un po' da italiani però sono questioni di sopravvivenza (non mia o del nano, ma del mio braccio anchilosato, eh).
Ora non resta che passare al setaccio le 1400 foto scattate (e non è un numero a caso)!!!!!
Prima di Natale, magari...

sabato 24 agosto 2013

Dodici anni fa, come in una favola

Si incontrarono appena scesi dalla cabinovia. Come al solito, faceva freddo e c'era una nebbiolina bassa che oscurava la vista.
Lei era pronta a salire ed iniziare il suo turno di lavoro, aveva fretta di arrivare prima del pranzo dei colleghi dipendenti. In spalla, lo zaino da 60 litri che si era comprata con lo stipendio del suo primo turno, anni prima, rosso e nero, come i colori della Valle d'Aosta e riempito all'inverosimile con vestiti di ricambio, un paio di libri e necessario per la toilette, scarpe da ginnastica e, ovviamente, ramponi, imbrago e picca...il ghiacciaio poteva essere un innocuo nevaio o essersi trasformato in una insidiosa pista di pattinaggio crepacciata, non si poteva mai sapere, le condizioni cambiavano in poche ore. Ai piedi, gli stessi scarponi di oggi, nuovi.
Lui era stanco, aveva appena finito il suo turno di due settimane, uno dei tanti di una stagione estiva impegnativa. Aveva la barba lunga, il viso con un po' di acne, una giacca a vento vissuta e un vecchio zaino, pieno, e due luminosi occhi azzurri.
Si scambiarono un saluto ed un commento su come era andata e quali amici erano su a lavorare, non si conoscevano ancora e lei aveva fretta, perciò imboccò presto il sentiero, mentre lui saliva in cabinovia.
Lei si dimenticò all'istante di lui.
Lui no e nel corso dell'inverno successivo chiese più volte al fratello di lei, con cui aveva lavorato nello stesso rifugio, di andare a sciare con lui e portare anche sua sorella. Il fratello però, non la porto' mai, neanche lo disse, a lei, con la scusa che aveva già la sua compagnia di amici.
E poi fu di nuovo estate, quella della maturità, per lei.
Diplomata, salì a fare il suo primo turno e dovette ridiscendere il giorno successivo, con l'elicottero del soccorso: congiuntivite virale ad ambo gli occhi, impossibile aprirli per lo strato pus, un dolore atroce in testa e negli occhi che nemmeno il parto, il terrore di aver subito danni irreparabili alla vista, la notte passata in un incubo continuo. La vergogna di non poter scendere con le proprie gambe e il dispiacere per i problemi di riorganizzazione cagionati al capo. La permanenza in altitudine che peggiora lo stato fisico complessivo e rende più difficili le guarigioni.
Eppure, fu quello il motivo per cui, qualche settimana dopo, si trovo' a lavorare con lui.
Furono chiacchiere, battute, domande, confidenze, fu fatica, poche ore di sonno ma tante risate, furono pasti consumati e coperte piegate insieme, fu la compagnia dei dipendenti, i quattromila svettanti davanti a loro, il ghiacciaio con l suo fascino irresistibile, il freddo, le notti stellate ad inventare le costellazioni.
Fu il rifugio, a cui lei era salita la prima volta a quattro anni, a piedi, con il suo zainetto e la sua bambola del cuore, 1800 mt di dislivello e sei ore di cammino. Il rifugio da cui era partita per il suo primo trekking d'alta quota sulle Alpi, base per tutti i successivi 4000, quelli raggiunti e quelli mancati, che qualche volta bisogna saper tornare indietro.
Furono i suoi occhi azzurri ed il suo saper preparare bene uno zaino da montagna.
Furono piccoli gesti di attenzione e gentilezza, come quel pail azzurro dimenticato da qualche cliente, regalato proprio a lei.
Fu amore.
Lui e lei non fecero progetti, non pensarono a lungo termine; la cuoca e i colleghi, ormai amici, scommettevano in un fuoco fatuo.
Sono passati dodici anni ed il rifugio ha cambiato gestione e personale ed è stato in gran parte ristrutturato.
Per lei,però, non è cambiato niente.
Per loro, e' ancora amore.


venerdì 23 agosto 2013

Chi è, questo ragazzo?

Questo venerdì, un libro in francese: Qui c'est, c'è garçon ?
Premetto che e' l'Alpmarito il conoscitore del francese, in casa, ed e' lui che parla questa lingua con il nano.
Io, però, nel mio piccolo sono riuscita, anni fa e studiando sodo, a passare l'esame di francese per i concorsi pubblici di livello impiegatizio in Valle d'Aosta e, con il tempo, la mia conoscenza della lingua scritta e' migliorata molto (la pronuncia, invece, rimane uno schifo!!!)
Ogni tanto mi fa piacere, quindi, leggere dei titoli francesi (oltre ai libri per bambini quando non c'è il papà).
Il romanzo di Nicole de Buron è esilarante, ironico, illuminante.
E' la storia di una madre "vecchio stile" alle prese con una figlia adolescente di "un'altra generazione", che parla di sesso, pillola e feste senza alcun imbarazzo ma non riesce a discutere di amore e sentimenti.
E' la storia di amori appena sbocciati, delle prime delusioni con l'altro sesso, delle interminabili ore al telefono a parlottare con le amiche...ma anche della vita di una mamma che lavora in casa, che sta crescendo due figlie femmine un po' ribelli, dell'educazione francese e del rapporto con il mondo della scuola, dei dubbi, delle paure e dei sensi di colpa che chiunque abbia un figlio conosce.
Mi sono ritrovata a tratti in queste due figlie calandomi, per lo spazio mentale ed il tempo della lettura, nei panni di mia madre, ho intuito quanto deve essere difficile vedere la tua bambina crescere e non riuscire a capire cosa le passa per la testa (ho cosa abbia da dire al telefono tutto il pomeriggio alle amiche lasciate cinque minuti prima a scuola...io ero UGUALE!)
E poi ho riso come una matta alle svolte impreviste del romanzo, come la rivelazione che la primogenita hippy che non crede nei titoli di studio e va a vivere da sola a 18 anni, vuole un matrimonio tradizionale in chiesa con abito bianco a bomboniera e tanto di cavallo e carrozza!
Inaspettato e un po' strana, invece, la figura del papà, dipinto come un bonaccione tutto lavoro e ingenuità che tra le pareti domestiche delega qualunque decisione alla moglie che, per quieto vivere, lo tiene praticamente all'oscuro di tutto: mi sembra più un papà italiano della scorsa generazione che uno francese, per come si vedono in giro!!
E la presa in giro dell'inefficenza del sistema scolastico statale francese? Non è la prima volta che ne leggo in romanzi in lingua originale...eppure all'estero lo nascondo bene!
In conclusione: consigliato, soprattutto per mamme di figlie adolescenti!!
Questo post partecipa al Venerdì del Libro di Home Made Mamma: www.homemademamma.com

giovedì 22 agosto 2013

Quando lavorare può far male

Anche qui, in Portogallo.
Questa sera sono un po' giù di morale perché vedo l'Alpmarito ed i suoi colleghi italiani alle prese con "capi" e colleghi portoghesi senza rispetto per loro, invidiosi di essere incapaci di lavorare da soli, impermeabili ai consigli, permalosi e vendicativi.
No, non esagero: oggi, dalla stanchezza, dopo quattro giorni consecutivi di lavoro sotto stress, con poche ore di sonno e tantissimi chilometri macinati, per di più spesso a vuoto per l'incapacita' di questa ditta di organizzare il lavoro in modo fruttuoso, uno dei colleghi italiani dell'Alpmarito ha avuto un'incidente ed ha distrutto il furgone. Lui sta bene, e' al lavoro, come al solito. Come gli altri e come l'Alpmarito, tra mail, file e telefonate.
L'episodio, insieme al resto, la dice lunga ( e non pensiate che tutti i locali lavorino sino a tarda notte, le festività e i weekend, loro no, tranne rare eccezioni).
Oggi l'Alpmarito aveva chiesto un giorno per stare con la sua famiglia, prima della partenza. Loro gli hanno messo i bastoni tra le ruote, rovinandoci la giornata.
Comunque.
Siamo riusciti a visitare, anche se non quanto meritava, Viana do Castelo, veramente carina, con le sue vie principali addobbate a festa ed eleganti, la fortezza (un po' lasciata all'incirca), le viette strette con le case di pescatori ricoperte di azuleias, il lungo fiume (e' sita alla confluenza tra il Rio Lima e l'Oceano)..normale il posto industriale.
Avremmo voluto salire sino al Monastero di Santa Luzia, che domina da una collina la città e la cui basilica, anche da lontano, si capiva bellissima, per poi prendere il traghetto e attraversare il fiume, per giungere alla più bella spiaggia della Costa Verde, seconda la guida. Invece no.
Fortunatamente abbiamo fatto in tempo a salire a bordo di una nave varata nel 1955, attraccata in porto e quasi interamente ristrutturata ma mantenuta nelle condizioni simili alle originali, che ha fatto da rompighiaccio nei mari del Nord, da nave mercantile, da supporto nella guerra per l'indipendenza dell'Angola e molto altro.
Poi, per molti anni, e' stata utilizzata come nave ospedale per soccorrere i marinai feriti durante la permanenza in mare a pescare il baccalà, nel nord Europa.
Era equipaggiata con un intero piano dedicato a blocco operatorio (da brivido!!!!), uno per le visite e le degenze, con tanto di sala radiografie e camera oscura, una cappella e un altare esterno per le messe, tre agli alloggi per l'equipaggio, il personale medico e gli ufficiali.
L'Alpmarito ha apprezzato particolarmente la sala macchine, girata e rigirata, il nano la cucina e la stanza in cui impastavano e cuocevano il pane (ha una passione per le cucine ed il pentolame).
Io? Il panorama, la sala comune, la plancia di comando.
Davvero interessante ed istruttivo, anche per il nano, che saliva e scendeva raggiante scalette a 45 gradi, sotto il mio sguardo preoccupato!!
E poi, finalmente, discesa a piedi dalla famosa (e molto fotografata) scalinata di Bom Jesus do Monte, a poca distanza dal l'hotel, da cui l'Alpmarito si era rifugiato a lavorare nel pomeriggio ( salita in cremagliera, ovviamente, visto che il nano con la sua pazienza se l'era ampiamente meritata).
E poi cerveja (birra) per lui, panache' per me, paste alla crema pasticciera, baccalà con patate e torta al formaggio (troppo dolce, tanto da nauseare, ne avrò mangiata circa un terzo, il nano si è fermato a due assaggi in punta di cucchiaino).
Caratteristico boccale, servito ghiacciato (lo raffreddano apposta) con la birra fredda, ovviamente.
Al mio ritorno, galleria fotografica completa, prometto!!!

La Porto che non ti aspetti: l'acquario Sea-Life, la spiaggia di Matosinhos e il Parquet de Cidade

Ieri io ed il nano ci siamo diretti nuovamente a Porto, quartiere di Boavista, al confine con il quartiere Matosinhos, lungo Oceano.
Il cielo era grigio, piovigginava appena ma, in fondo, e' il secondo giorno così così in sedici, quindi ne abbiamo approfittato per andare a vedere l'acquario, Sea - Life.




In confronto a quello di Genova, e' certamente deludente (ma Genova e' il top), perché piccolo e "povero" di specie, però è molto ben curato, c'è una sezione allestita come in un castello dei draghi per i pesci che costituiscono la "preistoria" di altre specie più recenti e, soprattutto, ciò che ha incantato il nano: una vasca alta due piani, che si ammira dal basso, attraversando un tunnel ricavato in essa (molto suggestivo) e dall'alto, per vedere razze, squali e lei, la tartaruga marina.
Maestosa ma aggraziata, bellissima!


C'è anche un interessante video e pannelli per giocare alle domande con i bimbi più grandi, una zona gioco ed una caffetteria.


Appena usciti ci siamo immersi nel limitrofo ed enorme Parquet de Cidade...campi da calcio e da Bach volley, fontane, prati, zone picnic, parcheggio libero e panchine ovunque, tre laghetti e spazio verde a volonta', non me lo sarei mai aspettato un parco così in mezzo a schiere di anonimi condomini!
Avremmo dovuto vedere anche un Padiglione con giochi ed esperimenti d'acqua ma...
Questo si, dai portoghesi me lo aspettavo!





E poi tutto il lungo Oceano in monopattino e la lunga spiaggia di Matosinhos, tenuta perfettamente, anche se limitrofa al porto (fare il bagno con le navi di container che ti transitano davanti agli occhi, non è il massimo), con bar, alcuni tratti in concessione, aree giochi e tantissima gente...fino ad un'antica fortezza, da cui si dipartono altre spiagge.
Una zona fuori dagli itinerari turistici ma che svela un'altra anima della città.

martedì 20 agosto 2013

Ancora Portogallo: qualche disavventura, molto Oceano e molto cibo!!!

Ed altri tre giorni sono trascorsi...
Ormai siamo agli sgoccioli della quasi-vacanza e, se da un lato sono contenta di tornare a casa, dall'altra c'è la malinconia di lasciare qui l'Alpmarito e l'ansia per ciò che mi attende al rientro: un casa da progettare, scadenze, lavoro, impegni, asilo che ricomincia e organizzazione della sistemazione del nano, macchine da revisionare, montagne di cose da lavare e, soprattutto, la fine dell'estate che un po', come al solito, mi mancherà nel lungo (davvero lungo) inverno che verra'.
Ce la faro' a far fronte a tutto senza la presenza fisica ed anche un po' emotiva (skype e telefono non bastano a colmare migliaia di km e gli orari che non combaciano mai) dell'Alpmarito?
Già tremo al pensiero!
Intanto siamo stati di nuovo a Porto, questa volta dal lato di Vila Nova de Gaia, ci siamo concessi una crociera sul fiume e la visita ad una delle tante cantine, con piccola degustazione.
Bellissima la crociera, perché la Ribeira e l'intero panorama si godono e apprezzano molto di più nella brezza della navigazione e nella posizione a 360 gradi offerta dal fiume, interessante anche se brevissima la visita alla cantina (ma si possono scegliere tour piu' o meno lunghi e ricchi di degustazioni, il nostro era breve perché compreso nel "pacchetto" giro in barca, a 10 euro gli adulti, bimbi piccoli non pagano. se avete intenzione di fare la mini crociera, aspettate a pagare una visita in cantina, e' quasi sempre compresa); deludente l'assaggio...vino non proprio corrispondente ai nostri gusti.
C'è da dire, però, che ne fanno veramente di tanti tipi e anni di invecchiamento e, in più, noi veniamo da zone d'Italia di eccellenza, quindi...
Per il nano e' stata la prima esperienza in barca e devo dire che sembra averla apprezzata molto!
Poi cena in un tristissimo centro commerciale di Braga, solo perché c'è un locale che fa pasta decente e il nano voleva agnolotti a tutti i costi!!!

Ha sempre mangiato senza fare lo schizzinoso perciò per una volta lo abbiamo accontentato, tanto più che qui le porzioni sono più che generose ed il cibo piuttostosto pesante (fritto o carne alla griglia, per lo più, salvo per il magnifico baccalà in tanti modi, comunque tutto buonissimo), quindi noi ogni tanto saltiamo direttamente il pasto.
Il giorno prima io ed il nano eravamo tornati al santuario di Bom Jesus, stavolta salendo e scendendo con la bella funivia idraulica che è piaciuta tanto al nano (2 euro salita e discesa, il bimbo non paga).
Poi, riposino in albergo e passeggiata nei dintorni..easy, insomma.
Purtroppo, ci hanno "fregato" una volta di più: al bar di fronte all'hotel, lo stesso gelato del nano e' costato, la prima volta 0,70, la seconda, capito che ero straniera, 1 euro...son spiccioli ma il gesto fa veramente cadere le braccia e qui ci provano sempre, nei ristoranti eleganti e nei baretti, inizio ad essere stufa.
Oggi ancora OCEANO, questa volta a Vila do Conde, caratterizzata dai resti di uno stupendo acquedotto romano, purtroppo non valorizzato (intorno gli hanno costruito di tutto) come per molte altre opere d'arte e cultura viste in questi giorni...
La spiaggia era pulita, tranne che per le caratteristiche alghe rosse e nere, che però non disturbano affatto perché poche, e la forza dell'Oceano veramente impressionante...si è portato via l'annaffiatoio del nano in un secondo.
Mentre tentavo di avvicinarmi per lavare la paletta, il nano si è lanciato verso l'acqua rovesciando il secchiello con annaffiatoi, formine e l'altra paletta...salvato lui al primo giro e gli altri giochi al secondo, l'annaffiatoio e' stato letteralmente risucchiato...poco male.
Ottimo prezzo d'affitto della capanna, peraltro fatta molto meglio delle altre, del bar (7 euro al giorno e 2 euro un toast, 0,70 il mini gelato) e, per una volta, gentilezza e onesta'.
Niente docce e bagni pubblici, però, come al solito, solo le toilette del bar, a cui chiedere la chiave consumando qualche cosa.
In generale, fate molta attenzione ai pasti: vero che i prezzi sono mediamente più bassi che in Italia ma ci sono anche ristoranti, tipo quello in cui siamo stati la scorsa sera a Braga, in cui un piatto per due, seppur enorme, di baccalà alla moda locale (con cavolo, patate e pane grattugiato), più mezza bottiglia di vino, due caffè ed una porzione di patatine per il bimbo, te lo fanno pagare 45 euro (non meritati, nonostante l'ottimo servizio ed il buon piatto). Direi che la Lonely Planet ha ciccato, questa volta, sul consiglio ( e comunque i prezzi che indica sono sempre più bassi del vero praticato..).
Appena accomodati hanno l'abitudine di portare, senza che sia richiesto, un cestino di pane, olive, due formaggini di capra o salsine, burro o altro stizzichino: buono e gradito, pero' sappiate che non è compreso nel coperto, si paga e, in certi luoghi, anche salato (burrini, 1 euro; olive, 1,5 euro;pane, di solito 3 euro..in un attimo sono sette euro in più). Abbiate il coraggio di rifiutare, se non volete, anche perché poi le porzioni, come ho scritto, sono generose, almeno nel nord del Portogallo, dove siamo stati noi!

domenica 18 agosto 2013

Di grandi passioni e di orgoglio materno

Oggi, giornata dedicata alla grande passione dell'Alpmarito e alla recente scoperta del nano: gli elicotteri.

Avrebbe dovuto essere un giorno di ferie, per noi tre, in Portogallo, e' stata invece una sfacchinata di chilometri su e giù in queste incredibili autostrade, macinando code e asfalto, per raggiungere una base un po' lontana in cui c'era bisogno dell'Alpmarito (che tanto per cambiare ha lavorato).

E domani rischia di essere lo stesso.

Lo sguardo adorante del nano per il suo papà e i suoi occhi che brillano di eccitazione al pensiero di vedere decollare e atterrare gli elicotteri, salirci sopra e, soprattutto, aiutare i grandi a lavarlo (operazione funzionale al controllo e all'ispezione), il suo sorriso soddisfatto e la sua risata contagiosa, con spugna in una mano e tubo dell'acqua nell'altra...be', queste sono cose per cui vale la pena di spendere tempo e soldini e sacrificare i miei interessi.

 

E lo guardo orgogliosa, perché a 21 mesi sa andare in monopattino (quello con tre ruote) e in bici (quella senza pedali), parla con una certa proprietà di linguaggio, capisce perfettamente due lingue (italiano e francese), aiuta a lavare gli elicotteri ed esprime i suoi desideri ed i suoi bisogni senza incertezze.

E poi e' bello, bellissimo, tanto che a volte ancora non ci credo, di averlo fatto io!!!!

Amore di mamma......

E comunque, per la cronaca di viaggio, siamo nell'Alto Douro, ad Aramar, paesino di 1000 anime ed una base di elicotteri, tra le montagne, non lontano da Lamego.

 

Per arrivarci, siamo saliti, in autostrada, sulla cima della montagna più alta del paese (ben 1040mt, quasi mi viene da ridere), per poi ridiscendere a 140 mt e risalire per strade tortuose e incredibilmente ripide...attraverso distese di vigneti e un paesaggio più brullo, ma ancora verde, di quello del Minho.

Non sono proprio le vacanze che avevo sperato e programmato, ne' tanto meno mi sto riposando però siamo insieme, almeno qualche ora al giorno.

E ora, forse, finita l'ispezione alle nove di sera, si va a mangiare e si rientra a Braga, in un paio di faticose ore di viaggio, se siamo fortunati.

Delizie locali

 

venerdì 16 agosto 2013

Santuario di Sameira e Zoo di Maia, oltre a qualche amara riflessione

Come probabilmente avrete capito dai miei post precedenti, il Portogallo mi sta piacendo molto mentre non riesco ad apprezzare i Portoghesi, almeno quelli con cui ho avuto a che fare sino ad ora io.
Le persone gentili si contano sulle dita di una mano soltanto, tutti gli altri cercano di approfittare del mio / nostro essere straniera/i, a nessuno viene in mente di darmi una mano anche solo ad aprire una porta o fare le scale con il passeggino e tutti tentano di fregarti sui prezzi.
Non parliamo poi delle forze dell'ordine, arroganti e prepotenti (250 euro di multa, da pagarsi subito, sul posto - non li avevamo, perciò ci hanno scortato a due bancomat diversi per prelevare il totale- sotto minaccia di una notte in stazione e il nano non si sa dove- solo per aver sbagliato strada, imboccando per 10 metri una strada a senso unico, peraltro non segnalata da dove eravamo noi, subito abbandonata), mentre i portoghesi guidano come folli, agli 80 all'ora in città e ai 160 in autostrada (anche se poi si fermano se devi attraversare, purché sulle striscia, fuori ti stenderebbero).
A parte questo oggi, di nuovo soli, io ed il nano siamo andati a fare una veloce visita al  

santuario di Sameiro, sulla collina sopra Braga, a circa 5 km. 



Come il suo vicino gemello Bom de Jesus, di cui ho già parlato, anche questo santuario si caratterizza per la lunghissima ed enorme scalinata attraverso cui, volendo, ci si giunge e per la magnifica vista sulla città sottostante e le colline dei dintorni.


Questa mattina, poi, causa cielo coperto, pioggerellina leggera e nebbia fitta (per la cronaca, siamo passati dai 40 gradi di ieri ai 15 di questa mattina, per poi risalire a 28 ora, di sera), io ho trovato la visita ed il panorama particolarmente suggestivo, con questa cupola chiara che a mala pena emergeva dal grigio latte del cielo e la facciata scura che spiccava nel vapore acqueo....è piaciuta molto anche al nano!



Per il resto, una successione di enormi spianate con cappellette, lumicini ed una riproduzione della grotta di Lourdes, più innumerevoli statue (decisamente grandi)...per un'atea come me, niente altro che simboli un po' pacchiani e megalomani, ma queste sono opinioni personali.



Il resto della giornata, sino alle sette, l'abbiamo piacevolmente trascorso allo zoo di Maia,
cittadina a circa 50 km da Braga e 13 da Porto, per far divertire il nano e...anche la sua mamma!
Niente male, davvero: piccolino e non molto curato nei dintorni, probabilmente perché è in fase di realizzazione un ampliamento, però certamente meritevole di nota per genitori con bimbi al seguito (ingresso, 7 euro per gli adulti, gratis sotto i tre anni, poi mi sembra 3 euro, compresi 0,50 centesimi di sconto sul l'acquisto di un gelato a scelta). Anche gli habitat degli animali mi sembravano ben fatti e lo spazio non eccessivamente ridotto (per quanto possibile in uno zoo).
Molto carino lo spettacolo del leone marino ( alle tre, alle quattro e trenta ed alle 18), bellissimi i due orsi Bruni, le innumerevoli specie di lemori presenti, i porcospini, i canguri, il coccodrillo e le tartarughe marine, nonché i pappagalli verdi...e poi ci sono tre zebre, tre leoni, linci, geki, un rettilario, tartarughe, uccelli, pavoni, gru, caprette nane, cavalli nani, una tigre bianca ed una giovane tigre "normale" nata li due anni fa, galline, oche, piranha e pesciolini multicolori, anatre e un gattopardo...insomma, non c'è di che annoiarsi!

All'interno del parco, anche un'area giochi e tanti tavolini in pietra per le merende, angoli freschi, panchine e un bar (un toast, 2 euro, per dire).
Mi è venuto male al dito a forza di fotografare!!! E questa volta, anche qualche scatto con l'ipad...


Naturalmente, non tutto è filato liscio: il nano ha avuto un'attacco di diarrea e ho esaurito in un'ora i due ricambi completi che mi ero portata, perciò ha girato tutto il pomeriggio in maglietta e pannolino, fra gli sguardi di compatimento che mi lanciavano le altre mamme...per fortuna non faceva freddo, nonostante l'assenza di sole, almeno non per i nostri standard (i loro bambini erano tutto con la maglia e spesso le scarpe chiuse, io in canotta e infradito, il nano l'ho già detto).
E poi alla fine ha anche fatto una delle sue sceneggiate "napoletane" come le chiamano da noi, con pianti e urla e rotolamenti per terra, stile tragedia greca, fra gli sguardi, alcuni costernati ed altri indifferenti, delle mamme portoghesi (e di quelle francesi in vacanza).
Quando capita, mi imbarazzo un po' e, soprattutto, mi domando cosa ho sbagliato, a maggior ragione quando accade dopo una intera giornata dedicata a lui e pensata per svagarlo e divertirlo...forse e' solo stanchezza, visto che poi è crollato, però non so...ultimamente ha anche preso l'abitudine di darmi calci e spinte e di dirmi brutta mamma, così, senza preavviso e neppure dopo una sgridata, salvo poi abbracciarmi e darmi i bacini per consolarmi se mi vede giù per il suo comportamento o se fingo che mi abbia fatto male.
Non so cosa pensare...stiamo entrando nella fase dei terribili due o è un'altra fase ancora o non è proprio normale?????