Visualizzazione post con etichetta camminate. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta camminate. Mostra tutti i post

venerdì 12 luglio 2019

In montagna con i bambini: da Gressoney Saint Jean a Gressoney La Trinitè (Valle del Lys)

Sapete quanto io e l'Alpmarito adoriamo la montagna, vero?!

Cerchiamo di andarci una volta tutti i fine settimana estivi, o quasi tutti.
Essendo i gemelli ancora piccoli (due anni compiuti una manciata di giorni fa), dobbiamo però scegliere passeggiate alla loro portata o affrontabili con zaino porta bambini o carrettino/passeggino da trekking.


Non solo. Visto che la Valle d'Aosta è una regione turistica e nel fine settimana ci sono lunghe code di rientro verso casa, non sempre possiamo scegliere liberamente dove andare, perchè rischieremmo di fare due ore di coda per percorrere i 20 km fino a casa.
Quindi, quando decidiamo di stare vicini, scegliamo spesso la Valle del Lys, o Valle di Gressoney (AO), che consideriamo entrambi, per diversi motivi, una seconda casa.

Questa volta, abbiamo scelto la passeggiata che dal bel paesino di Gressoney Saint Jean conduce al paese di Gressoney La Trinitè e ritorno.


Si parte dal centro di Gressoney Saint Jean (m. 1385), attraversando il ponte di legno dinnanzi al parcheggio centrale, ove vi sono anche i bagni pubblici, per spostarsi sull'altra riva del torrente Lys, da cui parte una sterrata che costeggia il fiume da un lato ed il verde campo da golf dall'altra, fino alla fine della piana della frazione Dresal.


Da lì, dopo l'incrocio con la strada asfaltata e la centrale idroelettrica, la strada sterrata diventa sentiero, seppur abbastanza ampio, sale al primo gruppo di Stadel, ovvero la tipica casa Walser in legno e pietra (e si trova una fontana di acqua fresca) e poi ancora, in leggera salita, tra mucche al pascolo, giunge fino ad una collina a picco sul fiume.



Posegue per i prati fioriti fino alla parete rocciosa della località Lysbalma, per poi giungere poco dopo  in piano, con un tratto attraversante la cava di sabbia,  a Gressoney La Trinitè (m. 1624).


Noi abbiamo fatto un pic nic nel grande parco giochi (ove si trovano anche acqua e bagni pubblici), per permettere ai bambini di sfogarsi e giocare in sicurezza così da gustarci un panino in pace.

Però non perdetevi anche un giro del borgo, sempre curato, fiorito e grazioso.



Il ritorno, per lo stesso sentiero, pur essendo in discesa a noi ha richiesto poco tempo in meno, perchè i bambini hanno camminato di più e quindi ci siamo adeguati al loro passo ed alle loro soste.


La passeggiata, ben segnalata, normalmente richiede circa 1 ora e 30 in salita, un pò meno in discesa. 
Noi con Orsetto e Principessa, abbiamo impiegato più di due ore, tra il loro passo, i capricci, le soste per bere, mangiare, osservare le mucche, odorare i fiori, incremare le spalle, raccogliere cappellini e occhiali gettati a terra ecc.   ; -) !


Nessun rischio o difficoltà particolare, a parte la vicinanza per lunghi tratti al torrente Lys, con conseguente necessità di controllare i bambini.
 Anche il dislivello positivo è minimo: circa 250 m.

 

Noi abbiamo usato il carretto per i tratti in cui i gemelli o uno di loro non volevano camminare ma non lo consiglio perchè in alcuni punti comunque abbiamo dovuto farli camminare per forza e l'Alpmarito ha usato la sua abilità per portare il carretto, in altri comunque il sentiero è stretto e non è affatto agevole per un passeggino.
Se però avete un passeggino da trekking singolo, forse sarebbe più agevole.
Nessun problema con lo zaino porta bimbi.



Il panorama, con il MONTE ROSA a far da sfondo, è splendido per tutta la passeggiata e vale anche da solo l'escursione!!!



N.B.
Se siete interessati ad altre escursioni da fare con i bambini in Valle del Lys, alcune anche con il passeggino da trekking, vi consiglio:
- la passeggiata della Regina, dal Lago Gover al Castel Savoia
- il Lago Gabiet da Staffal, anche per arrampicare in quota
- Alpenzu grande ed Alpenz piccolo, da Gressoney Saint Jean, sulla traccia dei Walser;
- l'incantevole Alpe Sitte, da Staffal;
- se amate le ferrate o l'arrampicata, la ferrata di Gressoeny La Trinitè, quella per adulti e quella per bambini, con la mini falesia delle guide;
- l'imperdibile gita da Staffal alle sorgenti del torrente Lys, ai piedi del ghiacciaio del Lys ;
- il Lago Vargno, dai Pian di Coumarial;
- la facile passeggiata da Issime a Gaby; 
- più a bassa quota, da Lillianes a Roussy;
- la poco conosciuta ma molto bella escursione da Gaby a Pian dou Beyli;
- la visita al vecchio castagno di Gaby, partendo dalla stessa Gaby, località loc. Crusmato  o Pont De Trenta.

Qui trovate gli ultimi aggiornamenti sulle gite ad Alpenzu, Issime-Gaby e Lago Vargno, con tante foto dei luoghi.

martedì 2 luglio 2019

In montagna con i bambini: Valle del Lys (Valle di Gressoney), un anno dopo.

L'estate è appena agli inizi ma qualche escursione in montagna siamo già riusciti a farla.
Di alcune delle mete raggiunte, ho già scritto in questo blog: sono tutte in Valle del Lys, ovvero Valle di Gressoney (AO).

Cosa è cambiato?
E' cambiato che, in qualche caso, i bambini sono passati da uno a tre.
In altri, che i gemelli hanno compiuto due anni e ora camminano, seppur non abbastanza da fare a meno di carretto e/o zaino porta bimbi.
E tutto cambia, pur restando sempre uguale.

Intanto, siamo tornati ad Alpenzu, sulle tracce dei Walser.


Una gita  per me classica, da farsi tutti gli anni, o quasi.
Solo che non è adatta ai passeggini perchè il sentiero è quasi sempre ampio ma dal fondo irregolare e, soprattutto, alquanto ripido.

E' breve,poichè  in un'ora si è al pittoresco paesino di Alpenzu, però la salita è ripida.
Con il ricciolino, c'eravamo stati una prima volta portandolo sul porte-enfante, la seconda invece aveva camminato, svelto e agile, lui stesso.

Cosa è cambiato.
Un paio di domenica fa siamo tornati con i gemelli, alternandoli in salita ed in discesa su un'unico zaino sulla schiena del papà (che ad onor del vero ha anche fatto alcuni tratti con una dietro e l'altro in braccio).
Orsetto ha camminato circa un quarto del percorso in salita e quasi tutto il percorso in discesa, ridendo e correndo con la manina in quella del papi.



Principessa invece è stata pigrotta, però messa nello zainetto se la godeva.
In un'ora e 10 minuti, esattamente il tempo indicato dal nuovo cartello indicatore alla base, eravamo sul prato per il pic nic.
Peccato che il cartello di anni fa segnasse 45 minuti!!!

Il percorso alternativo per la salita, nel bosco, da imboccare dopo circa un quarto d'ora, a sinistra, non è più percorribile in tutta tranquillità
Noi lo abbiamo fatto al ritorno ma l'attraversamento della cascata in due punti non è più agevole: o ci si bagna i piedi o si cammina in equilibrio su rocce e tronchi caduti, come nel nostro caso.
Dunque avventuroso, ma sconsigliato con i bambini.



Cosa non è cambiato
Le cascate, all'inizio ed a metà percorso, sono sempre bellissime.

E immergerci i piedi, al ritorno, continua ad essere un piacere semplice ma imperdibile.

 Anche il sentiero, è sempre ben tenuto e segnalato, con i suoi alberi secolari.


Il villaggio di Alpenzu, con la sua candida casetta, è sempre suggestivo e accogliente, fiorito e luminoso.


E c'è ancora il roccione, meta di tante arrampicate infantili di generazioni di piccoli turisti e bimbi locali!!!



Anche l'acqua della fontana è sempre ristorativa e rinfrescante.

Il panorama, sia verso il Monte Rosa che verso la valle, sempre bello da mozzare il fiato.
 
Maledetto palo!


***
E poi siamo stati a  Pian di Coumarial, mt. 1400 s.l.m. ed al Lago Vargno, raggiungibile prendendo l'apposita svolta da Fontainemore, paesino sempre in Valle del Lys.


Cosa è cambiato

Innanzi tutto la gestione del bar/ristoro (questa volta non ci siamo fermati ma che confido sia sempre accogliente come prima).
Poi i colori.
Dai rossi, oro e porpora dell'autunno, al verde sgargiante e l'azzurro dell'estate, i fiori.

La presenza di capre e caprette, anche loro alla ricerca di acqua fresca!


Peccato che facesse decisamente troppo caldo e che, questa volta, i gemelli non fossero più disposti a starsene tranquilli per la gran parte della camminata nel carrettino.
Aggiungetevi altri due bimbi, di 3 e 7 anni, l'assenza dell'Alpmarito che era a lavoro e l'incremento di peso dei pargoli e capirete perchè, da passeggiata di salute percorribile senza difficoltà nè pericoli
con i bambini più grandicelli o per gli adulti (in quest'ultimo caso, in meno di un'ora), sia diventata una passeggiata di salute percorribile senza difficoltà nè pericoli ma ESTREMAMENTE FATICOSA e LUNGA con i bambini piccoli!

Il ricciolino ed il suo amichetto (7 anni) avranno fatto tutto il percorso due volte, senza particolari problemi (a parte lamentarsi continuamente per la fame nonostante gli spuntini), perchè hanno saltellato avanti e indietro tutto il tempo.


Io e l'altra coppia ci siamo barcamenati tra lo spingere il carrettino nei tratti di salita, portare uno dei tre piccoli a spalla, soddisfare continue richieste di acqua, cibo e riposo, cercare di spronare, motivare e distrarre ad oltranza, resistere ai capricci e raccogliere cappellini ed occhiali da sole gettati al vento.

Senza di loro, non ce l'avrei fatta da sola con i tre, 
invece, seppur con tempi molto lungi,  
questa volta al Lago Vargno siamo arrivati!!!



In pratica, la volta precedente, eravamo a dieci minuti a dir tanto dalla meta ma siamo dovuti tornare indietro per raggiunto limite di resistenza dei bambini (eventualità tutt'altro che rara con i piccoli ma va bene così, fa parte della montagna). 
Domenica, invece, non abbiamo ceduto ai morsi della fame e poi ci siamo goduti il pic nic vista lago!

E ne valeva la pena, viste le sue acqua cristalline e la maggior frescura sulle sue rive.



Senza contare che stare con i piedi a mollo nel fiume, sulla via del ritorno, è stata una rinfrescante e liberatoria esperienza per tutti, grandi e piccini!
 


Cosa non è cambiato

La bellezza dell'ambiente. 
L'azzurro del cielo.
Il piacere di andare in montagna in compagnia di amici.
La vividezza dei colori.
Il tragitto, sempre privo di pericoli, percorribile tranquillamente in passeggino.
Le attrezzature ginniche/di gioco nel primo tratto del sentiero, pianeggiante.



Con il senno di poi, però, posso aggiungere che con i bambini dai 5/6 anni è una passeggiata da un'ora/ora e trenta facile e godibile, con i più piccoli, se bisogna attenderli o pesano molto (tenete conto che io uso un carrettino doppio) e fa caldo, è faticoso, perchè circa un quarto del percorso è costituito da alcuni tornanti in ripida salita su cui al mattino picchia il sole.
Con lo zaino porte-enfante o con un passeggino da trekking singolo e un pò di frescura in più, sarebbe stato già diverso.

***

Infine, eccoci di nuovo a costeggiare le rive del Lys, in Valle di Gressoney (AO), per raggiungere Gaby da Issime e ritorno.

Cosa è cambiato
Al parco giochi di Issime non sembrano esserci più le zecche, che avevano "beccato" Orsetto e Principicessa e altri bimbi la scorsa estate, proprio lì. D'altro canto, prima non c'erano mai state, quindi forse è solo un ritorno al passato, più che una novità.



Poi, il ricciolino non ha camminato ma percorso il sentiero con la sua amata mountain bike, avanti ed indietro centinaia di volte per aspettarci.
E pure i piccoletti hanno spinto a turno la bici senza pedali per qualche tratto.



Infine, l'orto dietro la chiesa era riccamente fornito di ortaggi e patate...un bel vedere.
Non abbiamo preso pioggia, a differenza di un anno fa! 
Orsetto e Principessa hanno camminato, il primo di più, la seconda di meno, ma comunque tanto entrambi, usufruendo del carrettino solo per un riposino pomeridiano.
Le mucche al pascolo, pronte a farsi ammirare da due visetti curiosi!


Cosa non è cambiato.
La piacevolezza del tragitto

La facilità del percorso, quasi pianeggiante




L'assenza di pericoli (salvo appunto la vicinanza al torrente), le aree pic nic, i giochi per bambini a Issime, Gaby e lungo il percorso, la facilità e comodità di quest'ultimo.


La bontà del formaggio e dello yogurt locali, in vendita nello "spaccio" davanti ai giardinetti pubblici di Issime.



lunedì 3 giugno 2019

Con i bambini a veder la fioritura dei rododendri al Parco della Burcina e raggiungere la vetta

La primavera è la stagione dei fiori per antonomasia e, dopo mesi di neve e terra brulla, una bella passeggiata nel verde e nei colori, anche con i bambini, è sempre una splendida idea.



Se poi si possono portare anche i bambini piccoli sul passeggino da sterrato, non passano auto, vi sono tavoli da pic nic e tanto spazio per correre e esplorare, allora è ancora meglio.
Aggiungetevi che è gratuito, che è un'area naturale in cui vi sono specie di alberi e piante di ogni genere, anche rari (e decine di diversi rododendri), che fuori c'è un comodo parcheggio e pure un parco giochi, che vi sono i bagni pubblici e il dislivello da percorrere è minimo...e capirete perchè ci piace con i bambini!


Per questo, è quasi immancabile una giornata al Parco della Burcina, a maggio.


Ne ho già parlato sul blog (qui e qui), però con i bambini non eravamo mai saliti sino alla vetta, a 820 mt s.l.m. (partenza dall'ingresso di Pollone, provincia di Biella, 602 mt s.l.m.), lungo la strada sterrata che attraversa il parco, partendo dal laghetto in cui è possibile vedere tartarughe, girini e rane...

..ammirare la conca inferiore dei rododendri...


...scoprire l'albero dei fazzoletti...e il cipresso calvo, con le sue peculiari radici...

Atmosfera ancora invernale e sfondo innevato. Ricciolino e Orsetto osservano le radici del Cipresso Calvo.

Lo stranissimo "Albero dei fazzoletti"
per poi salire al punto panoramico, ad ammirare le vette tra il biellese e la Valle d'Aosta, ancora innevate...

Coralie in osservazione!
...oltrepassare l'antica  Torre Martini, magari sognando che vi abiti Raperonzolo e raccontando la sua storia ai bambini,
Torre Martini
per poi giungere al boschetto sommitale...




per godere della straordinaria vista sulla piana del biellese e sull'anfiteatro morenico della Serra...


ed infine la splendida conca superiore dei rododendri.


Il tutto senza dimenticare un pic nic all'ombra e un gelato al punto ristoro, nonchè, volendo, una visita agli asinelli.

Il ricciolino è stato soddisfatto della camminata, Orsetto e Principessa si sono dati all'esplorazione, un pò camminando un pò sedendosi sul passeggino, noi abbiamo passato una bella giornata all'aria aperta anche se, in questo pazzo maggio...con i piumini addosso!!!


La fioritura dei rododendri, comunque, vale da sola la visita. Vedere per credere!


E ora, io vorrei proprio andare ad ammirare il parco della Burcina in autunno, per vedere l'esplosione di colori delle foglie, e in una giornata di inverno, dopo una bella nevicata.
Chissà che il prossimo autunno - inverno non sia la volta buona! Ora, però, mi sta bene la primavera.


INFO PRATICHE
Il parco è dotato di servizi pubblici e di due punti ristoro, uno solo però comodamente raggiungibile con la strada sterrata e, dunque con il passeggino. Nei pressi del secondo trovate gli asinelli ed una rastrelliera per parcheggiare le bici.
Vi è un ampio parcheggio a pagamento dinanzi ai cancelli dell'ingresso, nonché una area parco giochi ben tenuto con annessa fontana di acqua fresca, nella piazzetta posta prima dell'ingresso al parcheggio.
Il parco è sito a 15 minuti da Biella (servita dall'autostrada Torino - Milano A4, uscita Carisio), 45 minuti da Ivrea e poco di più dalla base Valle D'Aosta.
I disabili e gli anziani possono accedere al parco con l'auto, in determinati orari, per ammirare le fioriture senza camminare o per un più facile avvicinamento.

La cartina del parco della Burcina

NEI DINTORNI
C'è solo l'imbarazzo della scelta:
la città di Biella, con la caratteristica "Biella alta" e le vie dello shopping nella zona "nuova";
per gli amanti degli animali, il Rifugio degli Asinelli a Sala Biellese;
per chi ama la storia ed i borghi medioevali, il Ricetto di Candelo;
se piove, il Falseum, Museo del Falso e dell'Inganno, oppure il Castello di Roppolo (splendido anche con il sole);
per rimanere all'aperto, invece, una passeggiata intorno al lago di Viverone.

Se invece, siete appassionati di fiori, sempre in Piemonte vi consiglio di andare a Pralormo, tra aprile e maggio, per Messer Tulipano.

Post NON sponsorizzato