venerdì 20 dicembre 2019

Natale: albi illustrati per bambini

Natale nei libri.
Dopo avervi proposto libri tattili e libri pop - up di Natale per bambini, anche piccolini (dai due anni circa), oggi vorrei consigliarvi una serie di albi illustrati a tema Natale che abbiamo avuto il piacere di leggere in questo periodo.


 "C'est Noel !" di Nadia Berkane e Alexis Nesme

Bébé Koala è una simpatica cucciola di koala che vive con la sua mamma, il suo papà, il suo doudou e un piccolo criceto.
In questa storia, una di una lunga serie di libretti di comodo formato tascabile che incantano per i colori e le illustrazioni e affrontanto tutti i momenti quotidiani della vita di bimbi in età prescolare, Bébé Koala aspetta il Natale con la sua famiglia, preparando l'albero ed i biscottini per Babbo Natale e aprendo, poi, i doni trovati sotto l'albero.
E se non conoscete il francese? Niente paura, l'intera serie di Bébé Koala c'è anche in italiano, edita da Gribaudo

"Il vero Babbo Natale sono io!" di Ingrid Ostheeren, Christa Unzner, C. Trombara

Una storia originale, che spiega perchè Babbo Natale consegni ai bambini i ragali di notte mentre dormono, anzichè di giorno e incontrandoli direttamente.
E' la Vigilia di Natale e Babbo Natale va in città con la sua slitta e le sue renne per consegnare i regali ma...si trova circondato da tantissimi altri finti Babbi Natale!
Una invasione di "Babbi Natali a noleggio", "Babbi Natale" studenti, Babbi Natale davanti ai grandi magazzini e così via.
Un vigile urbano, scambiandolo per uno dei tanti finti Babbi Natale sta per fargli addirittura una bella ammenda  per sosta della slitta  in zona vietata e, alle sue rimostranze sul fatto di essere il "vero" Babbo Natale, lo lascia andare solo perchè lo crede un pò pazzo.
Non può neppure avvicinare i bambini, perchè i genitori temono che sia solo un venditore "travestito" per le feste natalizie o comunque uno sconosciuto di cui diffidare.
Assiste addirittura ad una rapina con banditi vestiti come lui!
Babbo Natale è sconsolato finchè...una vecchietta lo riconosce e, davanti ad una fumante tazza di tè, gli suggerisce il modo per fare contenti i bimbi del mondo e gli restituisce la fiducia nel suo ruolo.
Una storia particolare che ci ha conquistato, come le illustrazioni.


"Vite, Pere Noel !" di Julie Syjes e Tim Warnes

Un albo con illustrazioni semplici ma efficaci, dai colori netti e inconfondibilmente natalizi.
Babbo Natale, anzi, Pere Noel, visto che noi abbiamo letto la versione francese, proprio la sera della Vigilia di Natale...non sente la sveglia!
Quando infine si alza, è già in ritardo e deve correre.
Come capita a tutti noi, però, proprio perchè ha tanta fretta, il caso sembra accanirsi con piccoli contrattempi: le renne che sono andate tutte nel bosco a giocare a palle di neve, la slitta che si incastra nella neve ecc.
Alla fine, però, Pere Noel riesce a consegnare tutti i regali e rientra soddisfatto al Polo Nord ma...ops, è rimasto un pacchettino nella slitta!
Per chi sarà mai? E' un dono inaspettato per Babbo Natale da parte delle renne.
Indovinate cos'è?!

"Le Noel de Barnabé: L'extraordinaire nuit de Noël d'un petit ours en peluche"

di Alex Scheffler e Ian Whybrow



Barnabè è un orsetto di peluche creato nella bottega di Babbo Natale che viene dimenticato alla partenza della slitta.
Barnabè, però, sa che Matthiew, il bambino a cui è destinato, lo aspetta e allora cerca in ogni modo di raggiungere Babbo Natale.
Chi potrà aiutarlo?
Un albo in realtà quasi cartonato, con giochi di movimento e "caselle" da sollevare, per aiutare Barnabè a raggiungere Babbo Natale ed il bimbo che lo aspetta dormendo ignaro nella sua cameretta!

***
Rimanendo in tema, sul blog trovate le mie foto ed il mio parere su altri libri per bambini:

Pop-up di Natale:

"Un magico inverno pop - up" di Lara Jones

 "La vigilia di Natale" 

"Natale a sorpresa"

"Shhh !" di Julie Tikes e Tim Warnes

Libri tattili di Natale:

"La valigia di Babbo Natale" di Kate Lee ed Edward Eaves

"Il Vestito di Babbo Natale"  di  Kate Lee ed Edward Eaves

"I topini di Natale"  serie carezzalibri della Usborne

"Natale" della serie "Primi carezzalibri" della Usborne

Libri cartonati di Natale:

"BASTONCINO" di Julia Donaldson e Alex Scheffler (nella versione cartonato e con puzzle)

"Il segreto di Natale"

"Parole di Natale"

Albi illustrati di Natale: 

 "Buona Natale Paolino!" di Brigitte Wenninger ed Eve Tharlet

"Mamma Natale" di Marco Di Tillio.

"La magica notte di Natale" di Clement C. Moore, illustrato da Ted Rand, ed. Nord-Sud

"C'est Noel !" 

Libri gioco / libri sonori sul Natale:

"Primi libri sonori: Natale"

"Babbo Natale" con slitta a retrocarica 

***

Tra le letture per adulti sul Natale, io consiglio:

Andrea Vitali, "Come fu' che Babbo Natale sposò la Befana"

Jhon Grisham "Fuga dal Natale"

Con questo post, partecipo al consueto appuntamento con il Venerdì del Libro ideato da Paola !





martedì 17 dicembre 2019

Addobbi per l'albero di Natale a punto croce: fiocchi di neve colorati fatti a mano!

Ogni anno, al nido dei miei bimbi, viene allestito un albero nell'ingresso e tutti i bambini, le educatrici ed il personale vengono invitati a decorarlo con un addobbo personale.



Lo scorso anno ero in piena crisi bimbi piccoli ed ingestibili e dunque abbiamo portatro due semplici palline rosse acquistate. Quest'anno, invece, una domenica ho realizzato al volo due decorazioni a punto croce, facendo scegliere ai miei bimbi un soggetto semplice e veloce ed il colore:
 

 fiocchi di neve arancio e viola



Per renderle più ricche, oltre al calssico filo mulinè colorato, ho usato alcune piccole perline in tinta, in cui inserire il filo con il medesimo ago per poi cucirle sempre con il classico punto croce (nulla di difficile, quindi, si tratta solo di crocettare!).

Questo lo schemino, rigorosamente preparato a mano ed alla buona!!!



Poi con l'aiuto del ricciolino biondo ho ritagliato due cartoncini, uno più spesso e rigido e uno leggero e di un colore che stesse bene con il ricamo.
In questo caso abbiamo scelto la forma tonda (usando un bicchiere capovolto per la sagoma) perchè i piccoli volevano le palline.

Il retro a lavoro finito...e sfuocato!
Poi abbiamo incollato i lati del ricamo realizzato su tela Aida bianca, ritagliato abbastanza giusto ma con un paio di centimetri da ogni lato per rivoltarlo sul cartoncino rigido, al cartone tondo e coperto il retro incollato con il cartoncino più leggero, anch'esso incollato (con Vinavil).

Infine, con due nastrini abbiamo realizzato il fiocchetto e incollato anche quello.
Lasciata asciugare la colla per tutta la notte sotto un peso, la mattina dopo ho forato con un ago grosso in cui avevo inserito un filo di cotone in tinta con il ricamo, il lavoro e il cartone dietro, per fare l'asola necessaria ad appendere le palline.
Et voilà!


Se volete realizzarli anche voi, sappiate che la parte più difficile è ritagliare il cartone tondo ed incollarvi la tela, perciò potete optare anche per forme esagonali o quadrate, incollando tra due cartoncini la tela, come avevo fatto con i due chiudi pacco/bigliettini che vedete in foto, poi riutilizzati come addobbi per l'albero.


Semplice, veloce (in un'ora saranno pronti) e, per quanto mi riguarda, di bell'effetto !

Ovviamente potete sbizzarirvi con colori e, ovviamente, realizzarli anche senza perline, magari usano le matassine metallizzate o fosforescenti in commercio, per un tocco diverso.

Che dite, vi piacciono?
Avete realizzato qualcosa di simile e avete lo schema? Sono aperta a nuove idee !

venerdì 13 dicembre 2019

Natale: libri cartonati, libri sonori e libri gioco per bambini

Ancora letture di Natale, visto che il 25 dicembre si fa sempre più vicino!
Dopo pop - up e libri tattili ed albi illustrati, ecco allora libri di Natale cartonati per piccolissimi, libri gioco e libri sonori !


"Babbo Natale" con slitta a retrocarica 

  Un libro che non richiede molte presentazioni. Grande, robusto e con scenari magnifici in cui far volare la slitta a retrocarica di Babbo Natale.

Per divertirsi, sognare e attendere insieme la notte di Natale.

"Il segreto di Natale"

 

E' il giorno prima della Vigilia di Natale e Camilla e la sua famiglia si accingono a scegliere l'albero da addobbare per le feste ( sapevate che in alcuni paesi l'albero di Natale si fa solo alla Vigilia? ) ma Camilla ha un'idea speciale: un albero vero, che va a prendere con la sorella Giulia e la mamma.

Portato a casa ed addobbato l'abete, sotto cui le bambine la mattina di Natale trovano i loro doni, Camilla promette che presto lo pianterà, perchè possa crescere ancora.

"Paroline di Natale"

 Un libretto di piccolo formato per manine piccine e curiose, con tanti vocaboli da apprendere e disegni colorati e vivaci. Per i piccolissimi!

"Primi libri sonori: Natale" 

Cinque pagine cartonate doppie, con cinque scenari diversi, per questo libro sonoro molto semplice che però ha conquistato tutti e tre i miei bambini (era stato regalato al ricciolino), anche per le melodie orecchiabili.

Per gli amanti dei suoni e per imparare con i genitori i vocaboli, osservando le scene e gli oggetti e animali rappresentati.


***
Rimanendo in tema, sul blog trovate le mie foto ed il mio parere su altri libri per bambini:

Pop-up di Natale:

"Un magico inverno pop - up" di Lara Jones

 "La vigilia di Natale"  di

"Natale a sorpresa"

"Shhh !" di Julie Tikes e Tim Warnes

Libri tattili di Natale:

"La valigia di Babbo Natale" di Kate Lee ed Edward Eaves

"Il Vestito di Babbo Natale"  di  Kate Lee ed Edward Eaves

"I topini di Natale"  serie carezzalibri della Usborne

"Natale" della serie "Primi carezzalibri" della Usborne

Libri cartonati di Natale:

"BASTONCINO" di Julia Donaldson e Alex Scheffler (nella versione cartonato e con puzzle)

"Paroline di Natale"

"Il segreto di Natale"

 

Albi illustrati di Natale: 

 "Buona Natale Paolino!" di Brigitte Wenninger ed Eve Tharlet

"Mamma Natale" di Marco Di Tillio.

"La magica notte di Natale" di Clement C. Moore, illustrato da Ted Rand, ed. Nord-Sud

"C'est Noel !" 

Libri gioco e libri sonori sul Natale:

"Primi libri sonori: Natale"

"Babbo Natale" con slitta a retrocarica 

***

Tra le letture per adulti sul Natale, io consiglio:

Andrea Vitali, "Come fu' che Babbo Natale sposò la Befana"

Jhon Grisham "Fuga dal Natale"


Con questo post, partecipo al consueto appuntamento con il Venerdì del Libro ideato da Paola !





lunedì 9 dicembre 2019

Ultimamente, aspettando Natale

Ultimamente è passato talmente tanto tempo dall'ultimo ultimamente che non penso di poter colmare la lacuna. E neppure me ne importa.

Ultimamente scriverei solo di escursioni e luoghi da visitare ma sarebbe troppo e allora mi freno.
Ultimamente non ho tempo per scrivere o meglio, il tempo finisco per impiegarlo in altro modo.

Ultimamente le settimane volano, pur essendo pesanti e piene come macigni.
Ultimamente se c'è del tempo libero è tutto per cene o pranzi con amici o famiglia e per andare dal mio migliore amico, ancora in ospedale.
Ultimamente ha iniziato il recupero ma ciò che gli è accaduto ha lasciato il segno e se già dopo i gemelli pensavo che fosse essenziale smettere di sprecare attenzioni e cure per persone o cose non essenziali, adesso sono diventata ancora più selettiva e mal digerisco impegni  o routine "socialmenee obbligatori".

Ultimamente so quali sono gli amici che contano e vorrei esserci ancora di più, per loro, invece finisce che vorremmo invitare tutti sempre e poi non ce la facciamo, perchè siamo sempre in affanno, sempre impegnati, sempre stanchi. Non che la casa sia mai vuota ma vorrei riuscire a chiudere un occhio quando sarebbe da riordinare, pulire e sistemare e riempirla comunque.

Ultimamente giro a mille all'ora, anche per mia scelta, anche per "cose belle", come l'antigravity, lo sci di fondo, il nuoto, il corso di "musica" per i piccoli, lo yoga mattutino ecc., ma poi finisce che arrivo alla domenica sera stremata e con l'angoscia di una nuova settimana.
Non riesco a fermarmi, non voglio fermarmi, però il fisico non regge.

Ultimamente il lavoro è impegnativo, i preparativi del Natale sono impegnativi, i bambini sono impegnativi. Sono stanca e stressata.
Eppure grata e soddisfatta.
Perchè sono circondata dalle persone che amo o mi vogliono bene, famiglia e amici.
Non tutti stiamo bene, ma siamo qui, ora.


Ultimamente abbiamo preparato l'albero di Natale e non è mai come ci si aspetta che sia, il momento, però è stato più facile dello scorso anno e conto che il prossimo lo sia ancora di più, e così via.

Ultimamente lavoro, leggo, pratico yoga, faccio antigravity, nuoto, arrampico, scio ma tutto in modo alternato e/o discontinuo e per ora va bene anche così.
Ultimamente porto in giro i bambini peggio di una tassista.
Ultimamente il mal di stomaco non mi da tregua e il vaccino per l'allergia non aiuta affatto ma io stringo i denti, che i veri mali sono altri.


Ultimamente ci sono nuove nascite in arrivo ed arrivate, nella cerchia di frequentazioni e questo è bello, un inno alla vita, che sorprende sempre.

Ultimamente leggo pochi blog, stufa di post sponsorizzati che dicono tutti più o meno la stessa cosa nello stesso periodo.
Ultimamente non capisco perchè la gente scriva su facebook la qualunque e poi accetti solo "mi piace" o commenti positivi, incavolandosi come non mai e diventando aggressiva per qualunque osservazioni negativa. Al punto da suggerire di "non leggere, se non sei d'accordo".
Io, invece, direi: "Non scrivere, se non vuoi che ti dicano come la pensano, se non sai accettarlo!"
Mi chiedo il senso di quello che cessa di essere scambio e condivisione, per diventare pura vetrina. 
E poi me ne frego, perchè per fotuna è pieno di bei libri da leggere, invece delle "notizie" sui social.

Ultimamente i miei figli crescono alla velocità della luce e io inizio a temere di perdermi qualcosa e allora chiudo, e torno da loro.

Ultimamente sono sempre io, incasinata per scelta e necessità, irrequieta, complessivamente felice,sempre nostalgica ma un po' più attenta a vivere il presente.

Ultimamente osservo di più, mentre vado avanti. Sarà la natura con i ritmi più lenti, sarà il buio presto, sarà l'atmosfera di raccoglimento del Natale. Che poi invece è sempre caotico, anche troppo.


E voi invece, come vi sentite?
Come state, ultimamente?



venerdì 29 novembre 2019

Natale: libri pop - up e tattili per bambini

Il Natale è una festa speciale per i bambini e la lunga attesa la rende ancora più bella, soprattutto se riusciamo a riempirla di magia e di piccoli riti.
I libri per bambini ci possano dare un grande aiuto in questa "missione", perchè sul tema Natale ce ne sono davvero di bellissimi.

Come quelli che vi propongo in questo post: libri pop-up e cartonati con inserti tattili per bambini!





Andiamo per ordine:

Ne "Il Vestito di Babbo Natale"

 il simpatico nonnino dispensatore di doni è alle prese con la noia. Eh sì, la noia del rosso! Non ne può più di vestirsi sempre e solo di quella tinta e quindi prova colori alternativi, con risultati, però, deludenti.
E per fortuna! 
Finirà per rinsavire? Certo!
Un testo semplice alla portata dei piccoli, per imparare i colori, sorridere e toccare tante stoffe e materiali di consistenze diverse, pagina per pagina, in un cartonato robusto.
Dai due anni.

"Natale a sorpresa"

invece, è un pop - up semplice e colorato di sicuro effetto, con Babbo Natale, renne e pupazzi di neve, per un libro allegro che spiega passo dopo passo la bellezza del Natale, dalla neve, alle vacanze ai regali, con un testo in rima.


Testo semplice e colori brillanti lo rendono adatto dai due anni ma con un genitore attento vicino (come per tutti i pop - up, di per sè delicati).

"Shhh !"

In questo tenero pop - up un Babbo Natale un pò pasticcione è in giro per la consegna dei regali ma, vuoi per un festone, vuoi per un pallina lasciata per terra, rischia sempre di fare rumore e svegliare i piccoli addormentati.
Così tutti, dal cane al topolino alle renne, lo invitano a fare silenzio: "Shhh! Non devi svegliare i bambini!"
Tornato finalmente a casa dopo le fatiche natalizie, è Babbo Natale a crollare addormentato e tutti gli abitanti del Polo Nord a cercare di fare silenzio: "Non vorrete mica svegliare Babbo Natale, no?"
La storia è semplice e con un ritornello ripetitivo, quindi adatta anche ai piccolini, dai due anni
ma con un genitore attento vicino.


"I topini di Natale"

fa parte della serie "I carezzalibri" della Usborne, che i miei figli adorano perchè libri tattili robusti, colorati e dalle piacevoli illustrazioni.
In questo caso, protagonisti sono simpatici topolini, alle prese con nastri e pacchetti dei doni di Natale, palline e agrifoglio e altre decorazioni, per prepararsi alla notte di Natale.
Dai due anni. 

 "La vigilia di Natale" 

Non è solo un pop-up, è una vera e propria chicca, peraltro vintage, poichè la mia edizione, del 1988, mi è stata regalata proprio a Natale, ormai molti anni fa.
Lo conservo gelosamente e lo sfoglio con i miei bimbi perchè le illustrazioni ed i giochi pop-up delle figure sono delicati e magici, la storia poetica ed i protagonisti molto simpatici.
In poche pagine, un albo che trasporta nell'atmosfera incantata della magica notte di Natale !
Dai 5-6 anni




"Natale"

sempre della serie carezzalibri della Usborne ma dedicata ai più piccini, con un formato ridotto adatto a mini manine curiose,
è un libro tattile per piccolissimi, robusto, con immagini grandi e inserti tutti da toccare, per imparare il lessico delle feste di Natale !
Dai 9 mesi.



 ***
Rimanendo in tema, sul blog trovate le mie foto ed il mio parere su altri libri per bambini:

Altri Pop-up di Natale:

"Un magico inverno pop - up" di Lara Jones

Altri libri tattili di Natale:

"La valigia di Babbo Natale" di Kate Lee ed Edward Eaves

Libri cartonati di Natale:

"BASTONCINO" di Julia Donaldson e Alex Scheffler (nella versione cartonato e con puzzle)

"Il segreto di Natale"

"Parole di Natale"

Albi illustrati di Natale: 

 "Buona Natale Paolino!" di Brigitte Wenninger ed Eve Tharlet

"Mamma Natale" di Marco Di Tillio.

"La magica notte di Natale" di Clement C. Moore, illustrato da Ted Rand, ed. Nord-Sud

"C'est Noel !" 

Libri gioco sul Natale:

"Primi libri sonori: Natale"

"Babbo Natale" con slitta a retrocarica 

***

Tra le letture per adulti sul Natale, io consiglio:

Andrea Vitali, "Come fu' che Babbo Natale sposò la Befana"

Jhon Grisham "Fuga dal Natale"


Con questo post, partecipo al consueto appuntamento con il Venerdì del Libro ideato da Paola !





mercoledì 27 novembre 2019

Foliage in Piemonte : Oropa (con il suo santuario mariano)

L'autunno ed i suoi colori stanno rapidamente cedendo il posto al bianco inverno, complice il maltempo di questi giorni che, se da un lato fa disastri, dall'altro in alcune località ha fortunatamente portato molta neve.

Prima di arrenderci al bianco e all'azzurro, però, vale la pena di godersi un po' di colori, quelli caldi delle foglie autunnali.
Dove, in Piemonte?
Io vi consiglio la provincia di Biella, al Parco della Burcina (ne ho parlato anche qui), oppure ad Oropa, a pochi chilometri da Biella.

Oropa ospita un famoso santuario dedicato alla Madonna Nera ed il Sacro Monte (mt. 1159 s.l.m.), riconosciuto Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO dal 2003 e istituito Riserva Speciale della Regione Piemonte, che già di per sè meritano una visita, meglio se accompagnata da un pranzo con polenta e spezzatino.



La sua collocazione ai piedi del Monte Mucrone, mt. 2231 s.l.m. (raggiungibile con sentiero e un tratto con la funivia che parte da Oropa) però, la rendono perfetta anche per escursioni a piedi ed in mountin bike.


Noi ci siamo stati con un piccolo gruppo di genitori e bambini, da Orsetto e Principessa, i più piccoli, a ragazzini delle medie e, visto che il clima lo permetteva, abbiamo accompagnato la passeggiata con l'ultimo pic nic di stagione nei prati.
La bellezza del paesaggio e del fogliame mi ha sorpresa e lasciata senza parole! 




Gli itinerari sono tanti e segnalati da apposita cartellonistica. Noi abbiamo scelto un giro breve, di un'oretta, e con poco dislivello, da cui si godeva un bellissimo panorama sulla vallata sottostante e sul santuario: il Giro del Cucco, passando per il Pian del Lotto, mt. 1316 s.l.m.




Pian del Lotto


Tra l'altro, l'8 dicembre ad Oropa ci sarà il tradizionale mercatino di Natale ed il prossimo 30 agosto, per chi è credente, la V cerimonia di incoronazione della Madonna, che avviene ogni 100 anni. Sul sito ufficiale, comunque, potete trovare tutte le informazioni, se siete interessati.




 Purtroppo non è possibile fare l'intero giro con il passeggino da trekking, però qualche tratto è percorribile, come i primi dieci minuti del giro, fino ad un punto panoramico con vista sulla basilica.




Info pratiche
Nel complesso del santuario di Oropa trovate bagni pubblici, punti ristoro e negozi di souvenir. 
Fontane d'acqua si trovano sia nel santuario che nelle sue vicinanze. Ampio parcheggio libero nei pressi della funivia del Monte Mucrone, che parte dal piazzale dietro la Basilica Superiore, ove si trova anche un parco avventura, che ci riserviamo di testare!!!


Tra l'altro, da giugno a settembre, è visitabile anche un orto botanico, sito all'arrivo della funivia.



Post NON sponsorizzato (anche le caldarroste ce le siamo pagate!)

NEI DINTORNI
C'è solo l'imbarazzo della scelta:
la città di Biella, con la caratteristica "Biella alta" e le vie dello shopping nella zona "nuova";
per gli amanti degli animali, il Rifugio degli Asinelli a Sala Biellese;
per chi ama la storia ed i borghi medioevali, il Ricetto di Candelo ed il suo mercatino di Natale;
se piove, il Falseum, Museo del Falso e dell'Inganno, oppure il Castello di Roppolo (splendido anche con il sole);
per rimanere all'aperto, invece, una passeggiata intorno al lago di Viverone.

Se invece, siete appassionati di fiori, sempre in Piemonte vi consiglio di andare a Pralormo, tra aprile e maggio, per Messer Tulipano.