venerdì 12 maggio 2017

Le letture di Mamma Avvocato: "L'analfabeta che non sapeva contare" e "Equazione di un amore"


Di nuovo doppio consiglio di lettura per questo venerdì!

 ***

"L'analfabeta che sapeva contare" di Jonas Jonasson, 

ed. Bompiani, 2013, euro 19,00, pag. 482



Difficile descrivere questo romanzo.
Per darvi un'idea, però, posso dirvi che pur essendo quasi 500 pagine, e' tutt'altro che un mattone e in una settimana lo avevo finito.
Si legge infatti piacevolmente e la storia è talmente curiosa, stravagante, insolita e divertente che non si vede l'ora di sapere come proseguirà, portando quindi a divorare i capitoli.
Il punto fermo del romanzo è la protagonista, Nombeko, l'analfabeta sudafricana che sapeva contare (o meglio, che è un genio dell'aritmetica, dall'intelligenza vivace), che incredibilmente, per strani casi del destino, coraggio di mettersi in gioco e una bella dose di incoscienza, si ritroverà dal pulire le latrine della periferia di ...a pranzare con il Re ed il Primo Ministro di Svezia.

Intorno a lei ruotano personaggi stravaganti fuori dal comune, a volte così assurdi nella loro pazzia che si finisce per solidarizzare con loro, altre incredibilmente umani, altre ancora odiosi.

Il tutto condito da uno stile narrativo asciutto e divertente, che fa apparire normale ciò che non lo è e guida in naturalezza il lettore in un'avventura originale e ricca di colpi di scena.


Insomma, decisamente consigliato per molte ore di piacevole svago!

***

"Equazione di un amore" di Simona Sparaco, 

ed. Giunti 2016, euro 18,00, pag. 341


Un romanzo d'amore e, nello stesso tempo, di vita. 
La voce narrante segue infatti la protagonista, Lea, dal liceo fino ad oltre i trenta anni, raccontando il suo amore tormentato con un compagno, le sue scelte di studio e di vita, il matrimonio ed il trasferimento a Singapore, fino all'incontro, inaspettato, con il suo passato, che cambierà il corso del suo futuro.

Poca azione, molti tormenti sentimentali, nostalgia, rimpianti e tragicità a farla da padrone, nello stile lento, retrospettivo e sofferto che piace tanto a scrittori e registri italiani nelle storie d'amore, però con una scrittura scorrevole e coinvolgente. Io l'ho letto in fretta, curiosa di sapere che scelta avrebbe compiuto Lea e come sarebbe andata a finire ed il colpo di scena conclusivo mi ha colpita impreparata.
Di più non posso dire, per non rovinare il piacere della lettura.

Cercato perché consigliato da Mimma, il romanzo non mi ha affatto deluso, però devo confessare che avrei preferito una storia più allegra e che l'indecisione di Lea mi ha irritato, mentre non mi è piaciuto per nulla, neppure a verità rivelate, il personaggio di Giacomo.

Con questo post partecipo al consueto appuntamento del Venerdì del Libro di Paola.