Visualizzazione post con etichetta lettera a Babbo Natale. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta lettera a Babbo Natale. Mostra tutti i post

mercoledì 19 dicembre 2018

Quest'anno per Natale vorrei...lettera di una mamma a Babbo Natale

Premessa: questo non è un post sponsorizzato. Non ho nulla da vendere o pubblicizzare, anche perchè mi pare che ci siano in rete già abbastanza post di quel tipo, per quest'anno.



Caro Babbo Natale,
mancano una manciata di giorni a Natale e, forse, arrivo in ritardo con la mia letterina.
Confido, però, che i Tuoi elfi siano più efficenti delle Poste Italiane e riescano a scovare in rete questa letterina nonostante i giorni di picco lavorativo che sicuramente state vivendo, su al Polo Nord.

Quello che meno dipendeva da Lei. Ci hanno infatti pensato amici e famiglia.

Inutile chiederLe la motivazione di tanta scarsa collaborazione: Ti direbbe che è colpa mia, che ho esagerato esprimendo sogni assurdi, per di più aventi per oggetto prestazioni continuative.
A mia difesa posso ribattere che credere in Voi dovrebbe servire proprio a questo: per tutto il resto, come dice la pubblicità, c'è la carta di credito.

Siccome sono una testona (non per niente faccio l'avvocato, no?), quest'anno ci riprovo ma torno a rivolgermi a Te, come da tradizione, cercando perfino di contenermi.

Dunque, caro Babbo Natale, questo Natale vorrei:

- la neve la Vigilia di Natale (no, non devi per forza metterTi d'accordo con l'universo climatico, basta che soffi un pò della Vostra neve dal Polo in giù, verso l'Italia...non chiedo mica la luna!);

- mangiare tanto e bene senza ingrassare soffrire di allergie alimentari (tranquillo, Ti aiuterò anche io, con una bella dose di antistaminici !);

- riuscire a scattare qualche fotografia dei bambini VERAMENTE BELLA. 
Per intenderci: non mossa, non sfocata, non con i bimbi con la bocca aperta, non di sotto in sù o schiacciata verso il basso, non troppo buia o troppo chiara.. e possibilmente in cui si veda qualcosa, non solo porzioni di piedi, visi e manine, carta da regalo ecc.
No, aspetta, non dirlo: non dipende dalla mia abilità di fotografa e dall'attrezzatura. Dipende da Te: dovrai, infatti, far sì che i bambini stiano fermi almeno un secondo, nella giusta posizione e nel momento opportuno. Un secondo, che sarà mai!!! Sei o non sei Babbo Natale?!?

- non ricevere capppellini, sciarpe, guanti, per me o i bambini, nè accessori per la cucina usare una volta ogni morte di Papa (mi si perdoni l'espressione). Magari neppure pigiami della taglia sbagliata, eh? Bada bene, nè da conoscenti, nè da parenti (Tu sai a chi mi riferisco...)
E su questo non avrai nulla da obiettare no? Bene, bravo, acconsenti.
Ti basta poco, giusto controllare i pacchetti prima della consegna.... però impegnati per favore, altrimenti mi tocca un giro alla Caritas subito dopo Natale e, cosa ancora più gravosa, sfoderare sorrisi di circostanza e ringraziamenti mentre vorrei divorarmi il simpatico donatore di oggetti inutili e sovrabbondanti.

niente malanni per me ed i bambini, almeno il 24, 25 e 26 dicembre e, se riesci, anche il 31 e il 1. Soprattutto, però, niente malanni la settimana del rientro, quella dal 7 gennaio, per capirci. 
Perchè avrò davvero bisogno di riportarli a scuola e tornare al lavoro, credimi fin d'ora sulla parola!

- la casa autopulente, come dissi a Tua moglie due anni fa, sarebbe sempre gradita, sappilo. In alternativa, però, Ti concedo di accontentarmi con un utile elettrodomestico: asciugatrice, robot tipo Bimby, robot lavapavimenti...vedi Tu ma con un'accortezza. Il costo non deve venir addebitato sul conto corrente mio o del marito, altrimenti non ci siamo, capito?!?

- un figlio settenne che fa i compiti senza protestare e legge ad alta voce frequentemente per il puro piacere di farlo. 
ATTENZIONE: non mi serve il figlio, quello già c'è (anzi, ne ho tre e mi bastano), mi serve che VOGLIA compiere le azioni sovra indicate di buon grado e senza costringermi a minacce, ricatti, urla e senza che pianga, protesti, cerchi di scappare o metta in atto altre simili modalità di reazione.

- riuscire a sciare (mi accontento dello sci di fondo...vedi come sono brava?!?) senza dolori (o peggio) alle ginocchie, sia quello rotto che quello sano, e senza avere il mal di gola due giorni dopo. 
Ho bisogno di attività fisica all'aperto. Tanto. E ti assicuro che accontentando me, farai felice tutta la famiglia.

- un marito presente. Fisicamente e mentalmente presente, per più di due giorni consecutivi. 
Lo so, lo so, che qui Tu puoi fare poco ma un discorsetto da uomo a uomo, almeno? Glielo vogliamo fare? Anche con il suo capo, mica solo con lui.
Sappi che conto su di Te.

- la pazienza di reggere certe situazioni e persone a Natale che...non sto a scrivere di più, tanto immagini. 
Anche un pò di pazienza in più con i bambini non guasterebbe, già che ci sei.

Infine, se la slitta non supera i limiti di peso e volume imposti dall'ENAC (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile), qualche bene materiale di poco valore...
Ad esempio: un'auto nuova (ma anche usata e in ottimo stato) in cui stiano comodamente tre seggiolini dietro (mi serve pure, non è che chieda oggetti futili !); una borsa gialla capiente ma leggera in morbida pelle (no, non mi serve, ma non guasta mai), un nuovo obiettivo 18-55 per la mia amata Canon, scarpe belle e comode (anche queste, in effetti non servono ma di scarpe e borse non se ne ha mai abbastanza), creme idratanti per il corpo morbide e e piacevoli (ma senza aloe vera - o finta - e senza quelle altre mille erbe a cui sno allergica), tanti bei libri, un abbonamento annuale a corsi di yoga on line, la carta dei musei piemontesi ecc.
Anche in questo caso, vale l'avvertenza: "Il costo non deve venir addebitato sul conto corrente mio o del marito, altrimenti non ci siamo, capito?!?"

Infine, se vuoi fare il grandioso, sappi che la lista di due anni fa è sempre valida.

Allora, cosa ne pensi Babbo Natale? Che ho esagerato anche quest'anno?!? E no, dai, non puoi mica sempre sottrarTi alle Tue responsabilità di dispensatore di magici doni...non Ti chiami mica Peter Pan!!!

Auspicando in un Tua positivo riscontro già dalla Vigilia di Natale, Ti ringrazio anticipatamente e molto cordialmente saluto.

 Mamma Avvocato


P.S. IMPORTANTE
Per quanto riguarda i miei bambini, sappi che Ti ho evitato una discreta scocciatura perchè il ricciolino avrebbe voluto domandarTi delle scarpe con le molle "retrattili" da usare quotidianamente per camminare e saltuarimente per saltare in giro..solo una buona dose di diplomazia Ti ha evitato la difficile richiesta.
In cambio, però, Ti chiedo un enorme favore: non portare regali ingombranti e troppo rumorosi, perchè qui siamo già al completo (e fai sparire da sotto l'albero tutti quelli che parenti mal intenzionati - verso noi genitori - vi metteranno la sera della Viglia!!!) e, soprattutto, testali bene.
Devi sapere, infatti, che Orsetto e Principessa, a dispetto delle apparenze, non sono due angioletti di gemelli.
Sono due piccoli e diabolici distruttori di giochi e qualsiasi altro oggetto o arredo incontrino nel loro cammino.
Pensa che, quando non litigano, architettano ingegnosi piani per distruggere.
Non ci credi?
Ti dico solo che in soli diciotto mesi, di cui 12 non deambulanti, hanno smontato il rubinetto del bidet, fatto cadere nel sifone del bidet (lo amano, il bidet!) i loro spazzolini da denti, letteralmente svitato e poi divelto da ambo le parti il cancelletto in legno a protezione delle scale, distrutto un utensile da cucina in acciaio, rischiando poi di cavarsi gli occhi a vicenda, fatto andare in mille pezzi piatti, bicchieri e la candela di Natale preferita del ricciolino, strappato pagine di libri, rotto due carillon, fatto a pezzi un orologio da polso, sparso pezzetti di fazzoletti di carta per tutta la casa, spaccato innunmerevoli giochi e giochini in plastica e molto, molto altro.
Come dici? E' meglio che stipuli una polizza assicurativa da "buon padre - buona madre - di famiglia"? 
Ecco, bravo, magari regalami quella, con i premi pagati per i prossimi vent'anni, però, mi raccomando!!!







mercoledì 7 dicembre 2016

Babbo Natale al Ricetto di Candelo (BI): tra storia medioevale, mercatini e magia del Natale

In questi giorni di attesa di Babbo Natale, particolarmente emozionanti per i bambini, sono moltissimi i luoghi dove trascorrere qualche ora immersi nella magia del Natale, tra addobbi, bancarelle, profumo di spezie e luci colorate.



Uno di questi si trova a Candelo (BI), più precisamente nel Ricetto (dal latino "receptum", rifugio) di Candelo, una struttura fortificata risalente al Medio Evo voluta e costruita dalla popolazione del luogo per conservare e difendere i prorpi beni più preziosi, ossia i prodotti della terra.
Ed infatti,  ancora oggi è in parte utilizzato per la vinificazione e la protezione delle granaglie.



Si tratta di uno dei borghi più belli d'Italia, ben conservato ed utilizzato per eventi, manifestazioni e anche come set di molti film (tra cui lo sceneggiato televisivo "La freccia nera" e "Dracula 3D" di Dario Argento), dal quale si gode una magnifica vista sulle prealpi biellesi.



Nei weekend e nei festivi precedenti il Natale (quest'anno il 27 novembre- 4 dicembre, 8 dicembre, 11 dicembre 2016), il Ricetto si anima ed ospita tra le sue viuzze acciottolate il mercatino di Natale, con tanti prodotti alimentari, di artigianato, tessili, oggettistica ed addobbi, presepi nelle chiese, spettacoli e, soprattutto, per i bambini, l'Ufficio postale di Babbo Natale




Noi ci siamo stati con degli amici ed il ricciolino ed il suo amichetto sono stati piacevolmente coinvolti dalla mappa (gratuita, da chiedersi alle casse, una per ogni bambino) speciale consegnata all'ingresso e dalle tappe previste per raggiungere Babbo Natale.


Una cartina con indicati posti-tappa per i bambini, disseminati nel borgo, in cui assistere a letture ad alta voce, spettacoli di marionette, partecipare a semplici giochi con materiali naturali o fare piccole creazioni in appositi laboratori.




Ad ogni tappa, ai bambini veniva rilasciato un adesivo da incollare sul retro della mappa, fino a formare un disegno.


Terminato il giro, ci siamo messi in coda per entrare all'Ufficio Postale (non è obbligatorio completare prima le tappe!!), dove imbucare la letterina per Babbo Natale (da preparare in uno dei laboratori o portare pronta da casa, senza bisogno di affrancarla ma indicando l'indirizzo del mittente, poichè ci hanno detto che arriverà una risposta), per poi finalmente....


... scattare una fotografia con Babbo Natale! (O meglio, il suo aiutante, secondo il ricciolino!)





Insomma, una gita a misura di famiglia perfetta per questi giorni di attesa!

Info utili: vi sono bancarelli che vendono prodotti almentari (anche caldi, come salsiccia, polenta e wurstel) per un pranzo in loco. L'ingresso costa 2,50 per gli adulti, è gratuito per i bimbi fino ai 14 anni. E' sconsigliato l'uso del passeggino, sia per l'afflusso di gente, sia per il fondo acciottolato delle stradine. C'è un deposito gratuito di passeggini all'ingresso del Ricetto, appena entrati nella cinta muraria.


La coda per l'Ufficio postale nel nostro caso è stata lunga, più di mezz'ora, forse perchè ci siamo presentati dopo il completamento della mappa, quasi alla chiusura. Vi consiglio, se possibile, di andarci prima.
I bagni pubblici, per quel che ho potuto vedere, sono privi di fasciatoi. La mia amica, però, non ha avuto difficoltà a trovare un angolo tranquillo in una delle case aperte per i laboratori per allattare e cambiare la sua bimba.
Parcheggi gratuiti nelle apposite zone del paese "nuovo" ed al campo sportivo comunale, dal quale si raggiunge il Ricetto a piedi in pochi minuti.
Unico difetto del mercatino: l'affollamento!




Post non sponsorizzato.




mercoledì 7 gennaio 2015

La risposta di Babbo Natale

Quest'anno, per la prima volta, il mio biondino ha scritto la letterina a Babbo Natale.
O meglio, lui ha dettato ed io ho scritto, in duplice copia.

Infatti, per essere sicuri che Babbo Natale la ricevesse, l'abbiamo imbucata due volte, l'una indirizzandola al Polo Nord e l'altra a Courmayeur, in  Valle d'Aosta, dove vive  un aiutante di Babbo Natale molto speciale, Rhémy de Noël.


Ebbene.
Poste Italiane ci ha deluso anche questa volta; Rhémy de Noel, invece, ha risposto al nano con una lettera arrivata proprio appena prima di Natale, in cui gli ha raccontato la vita con i suoi folletti, lo ha lodato per i desideri espressi e gli ha raccomandato di continuare a comportarsi bene.
 Insomma, ha dato prova di aver letto con attenzione la sua letterina e di averla apprezzata.

Non vi dico la felicità e l'orgoglio del nano (e la mia emozione, nel vederlo)!!!
Non voleva neppure che mostrassi la letterina a nonni e papà, la voleva conservare solo per lui.



Insomma, il Babbo Natale "alpinist", come lo ha soprannominato il mio biondino per via di picozza, corda e zaino, ci ha proprio conquistati ed il prossimo anno non mancheremo di scrivergli di nuovo e magari, perchè no, di andarlo a trovare a casa sua, tra le sue montagne che sono anche le nostre! 

sabato 6 dicembre 2014

Scrivete a Babbo Natale...potrebbe rispondervi, magari da Courmayeur!!

Avete già spedito la letterina a Babbo Natale o non sapete qual è l'indirizzo giusto?


Per me, questa è stata una settimana di lunghe code in Posta, con un livello di mal servizio senza uguali e costi alle stelle, assolutamente ingiustificati.
Eppure qualcosa di buono c'è, o almeno, ci spero.

Quest'anno, infatti, per la prima volta da quando c'è il nano, ho portato in Posta la letterina a Babbo Natale, che ho scritto sotto sua " dettatura" e lui ha "firmato" (ovviamente ne ho fatta prima una fotocopia, per inserirla nel mio quaderno di ricordi della sua infanzia!)✉️
In realtà, non pensavo di farla ma poi la pressione di parenti e compagni di scuola si è fatta sentire e devo ammettere che ne è valsa la pena, visto il contenuto tenero e generoso della sua missiva!

Tra i miei ricordi di infanzia, c'è un servizio di recapito a Babbo Natale gestito dalle poste.
Chiedendo, mi hanno detto che esisteva ancora e allora...

Non ho dovuto neppure affrancarla: l'impiegata ha provveduto al ritiro gratuitamente, assicurandomi che Babbo Natale avrebbe provveduto a rispondere!
Speriamo! Per il nano, infatti, sarebbe una bellissima sorpresa!!
Pochi giorni dopo, ho scoperto per caso che in Valle d'Aosta, e precisamente a Courmayeur, esiste un aiutante di Babbo Natale molto speciale, Rhémy de Noël.
La storia di Rhemy, vestito di rosso e con la barba bianca ma dotato di scarponi, corda, picca e zaino, la potete leggere, in sintesi, qui.
Se volete scrivergli, potete indirizzare la lettera a Rhemy de Noel, Babbo Natale di Courmayeur, Viale Monte Bianco, 11013 Courmayeur (AO).✉️
Mi hanno detto che anche lui, generalmente, risponde.
Io aspetto fiduciosa e, ovviamente, vi farò sapere!
Infine, se anche voi partecipate, ricordatevi di spedire il/i libro/i ai vostri corrispondenti di Regala un Libro per Natale, in modo che arrivo in tempo!🎁
E voi, avete spedito i vostri pacchetti e le letterine dei vostri bimbi? Se si', a chi?