Visualizzazione post con etichetta libri. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta libri. Mostra tutti i post

venerdì 19 luglio 2019

Le letture di Mamma Avvocato: "Il ladro gentiluomo" di Alessia Gazzola e "Un'estate d'amore"

Le letture di Mamma Avvocato: "Il ladro gentiluomo" di Alessia Gazzola e "Un'estate d'amore"

Torno a scrivere di libri, dopo qualche appuntamento con il venerdi del libro saltato per mancanza di letture degne di menzione.
Oggi, in compenso, vi consiglio due romanzi, entrambi adatti ad un periodo in cui prevale la voglia di riposo e leggerezza.

"Il ladro gentiluomo" di Alessia Gazzola, ed Longanesi 2018, pag. 299




Per chi ancora non conoscesse Alessia Gazzola ed i suoi romanzi: si tratta di storie ambientate prevalentemente a Roma, tra l'Istituto di Medicina Legale diretto dalla cattivissima Wally, in cui lavorano sia la protagonista, la giovane specializzanda Alice Allevi, sia l'affascinante dottor Claudio Conforti, ed il commissariato di zona.
Alice è una dottoressa sveglia ma pasticciona, sempre alla prese con il suo rapporto di amore – odio con il suo mentore Claudio e, prima ancora, con il reporter avventuroso Arthur.
La saga prende avvio con "L'Allieva" (ma successivamente è stato pubblicato anche "Sindrome da cuore in sospeso", che credo descriva i fatti accaduti prima dell'inizio della specilizzazione), per poi proseguire con "Un segreto non è per sempre", "Le ossa della principessa" , "Una lunga estate crudele", "Arabesque" e "Un po' di follia in primavera") raccontando la vita di Alice nell'Istituto, le sue vicende amorose e, soprattutto, le sue indagini.
I cadaveri che giungono per l'autopsia ai medici legali, infatti, sono il fulcro dei romanzi, attorno a cui si costruisce l'indagine della polizia e quella parallela portata avanti da Alice stessa (che ben presto diventa una sorta di anomalo consulente del simpatico commissario di zona), nonchè le vicende personali dei personaggi.
Vi è sempre un assassino, che si scopre solo alla fine, ma la parte divertente dei romanzi è proprio l'intreccio di indagini e vita privata che porta alla soluzione del caso.

Anche in "Il ladro gentiluomo", al momento ultimo romanzo della saga di Alice Allevi, è cosi' ma, questa volta, proprio mentre il rapporto amoroso tra insegnante e allieva scorre finalmente sereno, Alice viene "esiliata" in una Domodossola fredda e nevosa dalla antipatica Wally e si trova, sua malgrado, nuovamente coinvolta in una indagine per omicidio, in cui le apparenze ingannano.

Non posso svelare nulla di piu', per non rovinare il piacere della lettura ma posso affermare che questo romanzo è divertente, ben scritto e appassionante quanto i precedenti.


***

"Un'estate d'amore" di Katie Fforde, pag. 349

 


Una storia d'amore di quelle a lieto fine, senza morti e gravi patemi, ogni tanto ci vuole, non trovate? Per me, un pizzico di romanticismo non guasta, almeno nelle letture della "bella stagione".
Se poi la protagonista, una madre single, è anche una donna autonoma e di carattere, se la vicenda si svolge in una calda estate, tra fioriti giardini inglesi e tazze di té, allora è ancora meglio.
Tra l'altro, si sorride anche molto e si sogna il principe azzurro delle favole, tra le righe.
Un romanzo scorrevole, piacevole e ben scritto, che vi consiglio per un po' di romantica evasione.

venerdì 5 luglio 2019

Le letture di Mamma Avvocato: "Dentro soffia il vento"

"Dentro soffia il vento" di Francesca Diotallevi

ed. Neri Pozza, Beat, pag. 222

 

Tra le montagne, nel piccolo borgo di Saint Rhèmy durante la Grande Guerra, vivono, tra gli altri, Yann Rosset, con sua madre e sua sorella Agnès, Basil Blanche e il fratellino, l'anziano parroco e la sua giovane governante Marie, il maestro di scuola e la sua malinconica moglie, la selvaggia Fiamma e il ricordo di sua madre.

Una piccola comunità unita verso gli estranei ma divisa al suo interno, con la giovane Fiamma e, prima della morte, sua madre, emerginate in mezzo ai boschi, perchè ritenute "streghe" per la loro conoscenza delle proprietà curative di erbe, spezie ed infusi. Eppure cercate, al bisogno, amate e odiate nello stesso tempo; con Yann e Basil, che si detestano, perchè il primo a causa di un incidente è rimasto zoppo e ha perso suo fratello Raphael in guerra, il secondo invece ha fatto ritorno, ma pieno di cattiveria verso tutto e tutti.

Il maestro e la moglie conservano gelosamente tristi segreti, l'anziano reverendo mostra tutta la sua ostilità verso il nuovo giovane parroco venuto da lontano e troppo "aperto", la pragmatica Marie è alla ricerca di un findanzato, Agnès sente stretto il mondo intorno a lei, i bambini assorbono le superstizioni e le paure dei compaesani adulti.

E quando nel bosco si ferma una carovana di zingari, una volpe addomesticata viene ferita e il giovane parroco tenta di conoscere il suo gregge ( Fiamma e Yann compresi), tutti i nodi vengono al pettine e i sentimenti, positivi e negativi, vengono allo scoperto, insieme al passato.

Una storia d'amore e d'amicizia ambientata in un ambiente ostile, non solo climaticamente parlando, tra persone abituate ad una vita dura e faticosa e, per questo, apparentemente fredde ma in realtà piene di vita, in cui sensi di colpa, invidia, rimorsi, superstizioni e sentimenti, si mescolano tra loro.

Un romanzo, scritto da una mia quasi coetanea milanese, che mi è stato consigliato dalla bibliotecaria e mi è piaciuto molto, sia per la sua ambientazione, a me familiare, sia per il modo forte ma insieme rispettoso di "trattare" e delineare i personaggi.
Per questo, lo consiglio anche io, nel consueto appuntamento con il venerdi' del libro di Home Made Mamma.

venerdì 14 giugno 2019

Le letture di Mamma Avvocato: "Gli ultimi giorni dei nostri padri" e L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome"

Per la rubrica le letture di Mamma Avvocato e per l'appuntamento con il venerdì del libro di Home Made Mamma, oggi vi consiglio:

 "Gli ultimi giorni dei nostri padri"  di Joel Dicker, pag. 462, Bompiani, 2015

 

e che io ho amato,
dopo "Il libro dei Baltimore", che mi è piaciuto quasi quanto il precedente, 
un pò meno belli dei primi due macomunque apprezzato e consigliato,
 sono tornata a leggere un libro di Joel Dicker, in realtà il primo da lui pubblicato.

Lo scrittore è stato all'altezza delle mie aspettative, anche se con un romanzo dal ritmo decisamente più lento, con meno suspense e molto più triste rispetto a ciò a cui mi ero abituata, ben differente dai tre già citati.
Nessun assassinio da scoprire, nessun segreto nascosto che il lettore vedrà svelato solo alla fine, bensì una storia di amore e di guerra, di spie e affetto filiale, di amicizia e di legami.
Forse è proprio questo il filo conduttore delle narrazioni di Quebert, l'attenzione per i legami sentimentali e il loro riflesso sulle scelte di vita dei protagonisti.
In questo caso, l'accento è posto sulle fragilità e debolezze umane, ma anche sugli atti di eroismo e amore che gli uomini sono capaci di compiere, quando posti di fronte ad un bivio drammatico: restare umani e rischiare la morte o vivere rinnegando la propria umanità.

Una lettura forte, intensa, che in me ha lasciato il segno e dunque vi consiglio.

e

 "L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome" di Alice Basso, pag. 271, ed 2015

 Ho deciso di cercare questo romanzo dopo le recensioni di  "Datemiunam" e devo dire che non ne sono rimasta delusa, anche se mi aspettavo di più.
La trama è originale, l'ambientazione per me familiare e piacevole (il centro storico di Torino), così come il fatto che al centro ci siano libri e scrittori, visto che io sono una buona lettrice.
La protagonista femminile, Vani Sarca, ed il Commissario sono personaggi accattivanti ed intriganti ed è facile sviluppare empatia per loro, così come è facile prendere in antipatia il belloccio scrittore di successo in crisi da pagina bianca e l'avido capo della casa editrice.
Tuttavia, l'enfasi sulla descrizione del carattere di Vani, che nei fatti si comporta in modo anomalo proprio rispetto a tale descrizione, mi è parsa noiosa ed esagerata.
Ho capito che l'autrice intende sottolienare la straordinarietà degli eventi che la travolgono ma a mio parere non c'era bisogno di insistere tanto.
Il testo è comunque scorrevole, divertente ed intrigante.
Non all'altezza dei libri di Alessia Gazzola, di cui ricorda un pò lo stile, però certamente non male. Cercherò altre avventure della serie.
 

lunedì 10 giugno 2019

La settimana appena trascorsa: #scintille di gioia per vedere il bicchiere mezzo pieno

  La settimana appena trascorsa è stata decisamente negativa e quella che sta iniziando si prospetta molto faticosa (anche se spero non altrettanto brutta).
Tra la visita allergologica, un infortunio che si trascinerà a lungo di uno stretto familiare e il mio compleanno non festeggiato affatto, non c'è stato molto di cui gioire e nervosismo e tristezza hanno spadroneggiato.

Tuttavia, a voler guardare il bicchiere mezzo pieno per tirarsi su di morale, ci sono stati anche momenti positivi e voglio sfruttare l'idea di Silvia, con le sue Scintille di gioia”, per ricordarli.

1- Innanzi tutto, ho ricevuto tanti auguri di buon compleanno, da parenti, amici e anche da conoscenti e amici virtuali. E fa sempre molto piacere. 

Il fratellone gareggia, Orsetto arrampica
Mi alleno anche io!


 
2- Sono andata alla riunione finale di sezione dei piccoli e medi dell'asilo nido di Orsetto e Principessa, nel corso della quale abbiamo chiaccherato con le educatrici, ascoltato le loro idee per il futuro e visto due presentazioni con le foto dei bimbi.
Bellissimo vederli immortalati mentre giocano al nido con gli altri bimbi e interagiscono tra loro e, come ormai il nido dei gemelli (che poi è lo stesso che ha frequentato il ricciolino) mi ha piacevolmente abituata, ancor piu' emozionante, sentir trasparire, dalle parole di educatrici e direttrici e dalle foto stesse, la passione, la dedizione, la cura e l'impegno che ci mettono ogni giorno, che vanno ben oltre il progetto educativo e le attività proposte, pure importanti e pensate;

Mi alleno anche io!
3- ho potuto frequentare la lezione di prova di antigravity yoga, a cui tenevo molto: un'ora di lavoro intenso e profondo, nel quale mi sono concentrata solo sugli esercizi e la respirazione, “staccando la testa dai pensieri”, divertendomi molto e portando a casa, come ricordo, una schiena piu' distesa e rilassata, qualche segno rosso su gambe e braccia e addominali profondamente doloranti per giorni ;-)

Il fratellone gareggia, Principessa arrampica

4- infine, sabato pomeriggio e sera abbiamo accompagnato il ricciolino alla prima gara del campionato vda di mountain bike giovanissimi, baciati dal sole (fin troppo sole, per certi versi!) .
E' stato molto faticoso, perchè Orsetto e Principessa correvano ovunque e ci hanno sfinito con capricci, richieste e rifiuto di dormire.
Tuttavia, ne è valsa la pena per osservare il ricciolino giocare allegramente con i suo compagni di squadra, anche di diverse età, facendo gruppo e divertendosi molto, prima e dopo la gara, cosi' come ne è valsa la pena per il privilegio di poter guardare il ricciolino ma anche gli altri piccoli atleti che conosciamo, sfidarsi con impegno e grinta nel percorso. Che tenerezza e, nel contempo, ammirazione per loro!


In gara
5- Infine, in occasione della "festa degli alberi" organizzata dal Comune e dalle scuole, il ricciolino e la sua classe hanno inventato una bella filastrocca sugli alberi e, insieme alle altre classi di scuole della zona, di ogni ordine e grado, l'hanno appesa agli alberi dei giardini pubblici, facendo poi laboratori a tema con le maestre e i volontari. Noi genitori ne abbiamo approfittato per organizzare un semplice pic nic con i nostri bimbi nello stesso parco, così da ovviare alla mancanza del servizio trasporto da/per la scuola durante il pranzo.


Un momento di socializzazione con altri genitori, vedendolo giocare con i suoi compagni, che mi ha fatto piacere.
Le filastrocche sono rimaste appese e domenica, negli stessi giardini, si è svolta la fiera annuale del baratto libri organizzata dalla biblioteca comunale.
Io ho portato a casa un bel bottino di letture, soprattutto per i bambini!   
 
Ne mancano ancora due, che Orsetto e Principessa non hanno voluto mollare

Insomma, cerchiamo di fissare i ricordi positivi e affrontare i problemi giorno per giorno.
 

E voi, avete vissuto momenti da ricordare? Piccole scintille di gioia da conservare?

Se volete partecipare, le regole di Silvia sono queste:

Come fare?
1- utilizzando l'hastag #scintilledigioia condividete con una foto su Instagram, Facebook, Twitter e/o un post sul blog tre momenti felici vissuti la settimana precedente;

2-nominate il mio blog e date le istruzioni su come partecipare;

3- invitate chi volete a partecipare a questo bellissimo gioco;

4- inviatemi i vostri momenti felici alla mail fiorellinosn@gmail.com mettendo come oggetto "Scintille di Gioia", in modo che io non me ne perda nemmeno uno!

venerdì 24 maggio 2019

Le letture del ricciolino biondo: Vampiretto

Dopo un anno e mezzo di scuola primaria e faticose ed obbligate letture ad alta voce, il ricciolino negli ultimi mesi è partito spedito con le letture autonome.

Non ha abbandonato il rito della lettura della buona notte con mamma o papà, però ora si siede anche da solo su letto o divano e legge i suoi romanzi.
La svolta parrebbe derivare proprio dallo sforzo profuso (anche da me e le insegnanti) per fargli fare esercizio: ora, infatti, legge bene ad alta voce e senza fatica in mente, così riesce a gustarsi le storie e si è appassionato ai mondi immaginari ed alle mille vite offerte dalle pagine dei libri.

Immaginate il mio sollievo e la mia soddisfazione.



C'è solo un piccolo particolare: oltre che cavalieri e pirati, lo attraggono anche vampiri, zombi e fantasmi, con i quali, lo confesso, io ed il papà abbiamo poco familiarità.
Così ci è venuta in aiuto la nostra bibliotecaria di fiducia che ci ha aiutato a scovare i titoli giusti, come
la serie di "Vampiretto" di Angela Sommer -Bodenburg


Si tratta di libri non recenti, dal comodo formato tascabile, che consiglierei dai 6 anni, abbastanza lunghi da appassionare lettori più esigenti dei piccioni ma non tanto da tediare o non riuscire a concluderli, neppure se letti autonomamente, in cui sono protagonisti un bambino, Anton, e un Vampiretto, Rudiger, che vivono molte avventure insieme, stringendo una singolare amicizia.
Attorno alle due figure principali ruotano le rispettive famiglie ed, in particolare, i genitori di Anton e la sorellina di Rudiger, Anna La Sdentata (che beve ancora il latte perché non ha i denti per succhiare il sangue).




Ogni libro conduce il lettore in una storia che può essere letta anche singolarmente ed è proprio il carattere avventuroso delle vicende che ha conquistato il ricciolino, nonché il divertimento di situazioni surreali che vengono a crearsi nella convivenza tra un vampiro ed un umano.
I genitori di Anton, che pensano che egli si inventi storie anche se lui, in realtà, racconta praticamente sempre la verità sulle sue scorribande notturne e le sue frequentazioni; la famiglia di vampiri di Rudiger, che non concepisce il mancato "dissanguamento" di Anton da parte di Rudiger, il guardiano del cimitero, che da la caccia a Rudiger ed ai suoi parenti e non ne cava nulla perché Anton lo aiuta, la tenera Anna, che si innamora del bambino ma, chissà perché, non riesce a convincerlo a farsi dissanguare per poter vivere per sempre con lei ecc.


Nulla di macabro e violento ma tante risate, avventure e, stando a quando riferisce il ricciolino, qualche brivido di paura al pensiero di lasciare le finestre aperte di notte o costeggiare un cimitero al calar del buio.....

La serie ha tanti titoli, noi siamo arrivati al quinto ma abbiamo già prenotato i successivi.
Uso il plurale perché si tratta di storie che piacciono anche a me, che ne posso cogliere l'ironia e le contraddizioni, che invece ancora sfuggono al ricciolino.

Lo scorso fine settimana il ricciolino ha anche visto in dvd un cartone intitolato "Vampiretto", con una trama diversa da quella dei libri letti sino ad ora ma molti punti di contatto, sia nei protagonisti che nel filo conduttore della vicenda, e gli è piaciuto molto.
Credo che sia ispirato alla serie, anche se non direttamente tratto dalla stessa.

Con questo post, partecipo all'appuntamento con il venerdì del libro ideato da Home Made Mamma.


venerdì 10 maggio 2019

Le letture di Mamma Avvocato: La bambinaia francese

E' venerdi' ed io non posso non consigliare un libro per il conseuto appuntamento ideato da Paola.

Dopo aver gustato, su consiglio di Nadia e Mimma, "Il sogno della macchina da cucire" (qui il mio parere)  scoprendo una Bianca Pitzorno che non mi aspettavo (dal momento che la conoscevo "solo" per i suoi romanzi per bambini-ragazzi), ho deciso di cercare qualcosa d'altro di questa scrittrice ed ho trovato:

"La bambinaia francese" di Bianca Pitzorno,  

pag. 495, Mondadori, 2004


Come   "Il sogono della macchina da cucire" anche questo è un romanzo ambientato nel passato, in particolare nella Francia del 1830.

Due lotte fanno da sfondo e filo conduttore della vicenda:  la lotta per l'abolizione della schiavitu' e quella per l'emancipazione femminile.

I protagonisti ed, in generale, anche tutto gli altri personaggi positivi, infatti, sono persone diverse per origini ed estrazioni sociali (una ballerina, la povera figlia di una vedova cucitrice, un ragazzo schiavo cubano, un anziano nobile francese, ragazzi/e figli della nobiltà parigina ecc.), ma uniti nella visione progressista ed ugualitaria dell'essere umano.

Portano avanti le loro idee "moderne" nei modi possibili, aiutandosi gli uni con gli altri in nome degli ideali della Repubblica francese, scontrandosi contro gli antiabolizionisti e la nobiltà ancorata ai propri privilegi ma anche, o forse soprattutto, contro la diseguaglianza tra uomini e donne.

La piccola Sophie, bambina povera ma istruita per volontà del padre, tipografo rivoluzionario, morto durante i moti rivoluzionari, viene accolta e salvata dalla famosa e ricca ballerina Céline Varens, benefattrice anche dello schiavo Toussaint, che a loro volta aiuteranno la figlioletta. 

La trama è incalzante e coinvolgente, grazie alla narrazione esterna che si alternata alle voci dei protagonisti, che raccontano e si descrivano in lunghi scambi epistolari.

I richiami alla letteratura inglese delle sorelle Brönte e della Austen e a quella francese dell'epoca illuminista (Roussou, Hugo ecc.) sono numerosi, talvolta "rivisti" (accade, ad esempio, a Jane Eyre) e catapultano il lettore indietro nel tempo.

Un romanzo sulla forza dell'uguaglianza, della libertà e della solidarietà, ricco di romanticismo e idealismo, che si adatta a diversi livelli di lettura, da adulto e da ragazzino.

Una lettura di evasione di sapore ottocentesco per nulla scontata.

Insomma, consigliato!

venerdì 26 aprile 2019

Il ricettario di Giulio Coniglio e 100% yoga des petits: le letture del ricciolino biondo.

In biblioteca abbiamo scovato due manuali per bambini davvero carini: coloratissimi, ben fatti ed abbastanza robusti, in cartonato non spesso ma plastificato.



Il primo è una raccolta di ricette di dolci (se non erro, ben 34), divisi in quattro sezioni: "Ricette da fiaba", "Ricette golose" "Ricette burlone"e  "Ricette natalizie" ed elencate nell'indice finale.
Comprende dolci insoliti per le ricorrenze piu' importanti dell'anno ed altri ispirati alle favole o "divertenti",peraltro quasi tutti con la frutta.

"Le dolci ricette di Giulio Coniglio" di Elisabetta Costa, 

ed. Franco Cosimo Panini



I disegni sono molto belli, le spiegazioni sembrano chiare anche se si tratta, a prima vista, di dolci non banali e il risultato finale sembra strepitoso.
Non abbiamo ancora testato in cucina le ricette, pero', proprio perchè per me la presenza di frutta complica le cose e ce ne è mancato il tempo.

I personaggi illustrati sono gli stessi dei libretti di Giulio Coniglio, molto apprezzati di solito dai bambini.


Io lo consiglierei dai 7-8 anni, con l'aiuto di un adulto, ovviamente, almeno per i primi esperimenti culinari.

*****

Il secondo manuale è invece dedicato ad una delle mie passioni: lo yoga.

"100% Yoga des petits" di Elisabeth Jouanne e Ilya Green, 

ed.  Bayard Jeunesse




E' rivolto principalmente ai bambini della scuola dell'infanzia, dai 3-4 anni in su, ed a genitori ed insegnanti che vogliano avvicinare i piccoli alla pratica di asana (posizioni) e rilassamento, con 45 posizioni, di cui alcune sequenze semplici.
Le spiegazioni sono adatte ai bambini, efficaci e divertenti.
Noi ne abbiamo già provata qualcuna, coinvolgendo anche Orsetto e Principessa (a modo loro).

Il formato permette di tenerlo aperto come un calendario da scrivania, per leggerlo comodamente mentre si pratica, le figure sono coloratissime e ben fatte ed è allegato un cd con cui l'autrice, insegnante di scuola materna e maestra di scuola, illustra le sequenze guidando un piccolo alunno per volta.


La mia edizione è in lingua francese ma i testi sono semplici e le raffigurazioni significative.



Se siete in cerca di altri manuali di yoga per bambini, in passato ho scritto la mia opionione su "Giochiamo allo yoga" di Claudia Porta, "Yoga per mamma e bambino" e "Yoganimo" (in francese ma disponibile anche in italiano).
Per lo yoga in gravidanza, invece,io ho trovato molto utile il manuale: "Yoga per la gravidanza e la nascita".


Con questo post partecipo al consueto appuntamento del venerdi' del libro di Home Made Mamma.

venerdì 12 aprile 2019

Le letture dei gemelli: Pimpa e storie cartonate di animali

Al nido di Orsetto e Principessa, per il progetto "Nati per leggere", ogni settimana hanno una mattinata dedicato alla lettura ad alta voce, al termine della quale i bambini scelgono un libro della biblioteca interna del nido da portare a casa, in una apposita cartellina con il loro nome e simbolo distintivo, per leggerlo con i genitori tutta la settimana e riportarlo alla successiva.

Capita che loro scelgano libri che già abbiamo e che amano, riconoscendoli, oppure che per settimane portino a casa lo stesso libro o diverse storie dello stesso personaggio. Il ricciolino era un affezionato della Pimpa, ad esempio.
Altre volte, per noi sono scoperte.


Tra gli altri, hanno avuto molto successo un libretto cartonato proprio della Pimpa, molto semplice, che fa giocare i bambini all'amato gioco del nascondino o "cucù", adatto secondo me già dai 18 mesi, con i consueti testi basici e colori brillanti e vivaci




e poi questo cartonato con due storielle di animali, una giraffa e due topoline gemelle, nel nostro caso in lingua francese (ma la collana esiste anche in italiano), brevi ma carine, con belle illustrazioni delicate.


Io mi sono commossa leggendo la seconda storia, perché descrive in poche parole una particolarità dei figli gemelli, ovvero la difficoltà di doversi dividere le attenzioni della mamma, aspettando il proprio turno e non potendo averne mai l'esclusiva a lungo, ma anche il divertimento e la sicurezza derivante dall'avere sempre un compagno di gioco e di vita accanto.
Un testo semplice ma pieno di poesia in questa sua semplicità, adatto ai bimbi dai due anni circa, come indicato anche sul libro.


Con questo post partecipo all'appuntamento con il venerdì del libro di Home Made Mamma.

venerdì 5 aprile 2019

Le letture di Mamma Avvocato: "La scomparsa di Stephanie Mailer"

Ed è di nuovo venerdì....quindi di cosa scrivo? Di libri, naturalmente!

 "La scomparsa di Stephanie Mailer" di Joel Dicker


Io ed i bambini abbiamo patito molto il cambio dell'ora e, faticando ad addormentarci, abbiamo dedicato più spazio del solito alla lettura serale.
Dopo aver sfogliato con Orsetto e Principessa i loro libretti e aver letto ad alta voce uno o due capitoli del libro sul comodino del Ricciolino, ogni sera mi dedicavo al mio e devo ammettere che mi ha rubato molte ore di sonno perchè mi ha tenuta incollata alle pagine.

Il primo centinaio di pagine, a dire il vero, ho faticato ad ingranare con la lettura perchè i personaggi introdotti erano molti e il ritmo della narrazione più lento.
Poi, però, ho cominciato a divorarlo in ogni momento libero, finendolo una sera tardi, perchè non potevo dormire prima di aver scoperto il nome del responsabile dell'atroce delitto con cui inizia la narrazione.

Un nome che, per quanto io non sia una grande esperta di gialli (si contano sulle dita di una mano le volte in cui ho intuito il nome dell'assassino prima che fosse svelato dall'autore), mi ha decisamente colta di sorpresa.

Non posso aggiungere altro, per non "spoilerare".

Sappiate, però, che anche le tranquille cittadine degli Hamptons, meta turistica dei benestanti newyorkesi (nota anche a noi europei grazie agli innumerevoli film, serie e romanzi che vi sono stati ambientati), dove "tutti conoscono tutti", si possono nascondere segreti e delitti.


Come i precedenti romanzi di Joel Dicker,  "La verità sul caso Harry Quebert" e "Il libro dei Baltimore" (che condivide con questo l'ambientazione negli Hamptons), di cui ho già scritto, non mancano i riferimenti agli scrittori ed alla loro vena creativa e il ritmo incalzante è lo stesso, cosicchè la sua corposità (in questo caso, 700 pagine) passa inosservata e si arriva in fretta, purtroppo, al punto finale.

Con questo post partecipo al consueto appuntamento con il venerdì del libro di Home Made Mamma.

venerdì 22 marzo 2019

Le letture di Mamma Avvocato: Bianca Pitzorno e Andy McNab

Per il consueto appuntamento con i libri del venerdì, ideato da Paola, oggi consiglio due romanzi totalmente differenti tra loro:

"Il sogno della macchina da cucire" di Bianca Pitzorno

ed. Sonzogno, 2018, pag. 229



Di questo libro hanno già scritto, peraltro in modo completo, "Datemiunam" e Mimma, a cui devo il merito di questa mia lettura.

Conoscevo già la scrittrice ma non pensavo avesse pubblicato anche romanzi per adulti: io, infatti, l'ho amata quando ero bambina per "Principessa Laurentina" .

Questo romanzo, ben scritto e scorrevole, rappresenta uno spaccato della vita delle sarte e sartine in Italia (e probabilmente non solo), prima delle due guerre mondiali e dell'avvento della moda
prȇt-à-porter e del consumismo, anche nell'abbigliamento.
Il racconto della vita della protagonista, narrato in prima persona, e dei personaggi che vi ruotano intorno, è infatti esemplare della condizione femminile del ceto medio-basso, dalle semplici inservienti al servizio di famiglie borghesi o nobili, alle artigiane, ma anche della limitata libertà di cui godevano le donne nubili, per quanto ricche.
Poche erano le donne, più forti e coraggiose della media, in grado di sfidare le convenzioni e le regole sociali, il più delle volte grazie ad una famiglia di provenienza decisa ad appoggiarle (ma non è il caso della protagonista).
Eppure, nel romanzo, si scorge il germe del cambiamento, dell'emancipazione femminile e del suo lungo cammino, ancora non completo.
Un bel libro, in cui trovano spazio l'amore, l'importanza dei legami familiari, la solidarietà e la determinazione, ma anche la cattiveria e l'invidia, di uomini e donne.

Io l'ho prestato anche a mia madre ed a mia nonna ed è piaciuto molto ad entrambe.

***

"Medaglia la valore" di Andy McNab

2018, Longanesi, pag. 393

 

Di tutt'altro genere ed argomento, invece, è il libro di  Andy Mc Nab, 
uno dei miei scrittori preferiti di thriller.




Il nome è in realtà solo uno pseudonimo, utilizzato per motivi di sicurezza, poichè l'autore dal 1984 al 1993 ha fatto parte del SAS - Special Air Service, il reparto d’elite dell’esercito britannico e, nei suoi romanzi di spionaggio, emergono le avventure vissute e le missioni eseguite.
Forse per tale motivo tutti i romanzi della serie che ha come protagonista Nick Stone, un ex agente SAS, questo compreso (ultimo uscito in italiano) sono così realistici.
C'è tanta azione, intrigo ed adrenalina, per gli amanti del genere "thriller" e/o militare, è sicuramente un libro che merita di esserre letto. 
Il protagonista, poi, è un personaggio a tutto tondo, complesso e non certo perfetto ma molto coerente.
Io ho letto tutti i suoi libri tradotti in italiano (e sono tanti!), tranne il penultimo, che i sono perso ed ho appena ordinato, ed è uno dei pochi scrittori i cui romanzi mettono d'accordo i miei gusti e quelli dell'Alpmarito.

Qui trovate il mio parere su "Controllo a distanza" , qui su "Ora zero", qui su "Punto di contatto" e al di fuori della serie dedicata a Nick Stone, ho scritto de "Il ragazzo soldato".

 

 





venerdì 1 marzo 2019

Le letture di Mamma Avvocato: "C'era una volta una casa di ringhiera" , "Casi umani", "come se tu non fossi femmina"

Negli ultimi tempi, dopo il racconto lungo di Maddalena Capra Lebout, ho letto altri due libri di autrici donne che mi sono piaciuti, uno che non mi è spiaciuto ma senza convincermi del tutto ed uno che non consiglierei.

Questo è dunque un venerdi' del libro tutto al femminile !



Il primo,
"C'era una volta una casa di ringhiera" di Annamaria Pizzinato (pag. 149) 

non è un romanzo ma una sorta di autobiografia dell'infanzia dell'autrice, cresciuta negli anni '60 nella periferia di Milano, in un appartamento facente parte di "una casa di ringhiera".




E' il racconto di un modo di vivere la propria casa, la propria famiglia ed il proprio quartiere sicuramente molto diverso dalla realtà della mia generazione nella cittadina dove sono cresciuta io.
Mentre leggevo, mi immergevo in quel mondo e mi sembrava di sentire la voce di mia nonna (ed è nonna anche l'autrice) che mi narrava episodi della sua infanzia, mi spiegava come trascorreva le sue giornate da bambina e la vita nel suo paesello.


Una sorta di piccolo memoriale, dunque, non scevro da valutazioni sull'educazione dei bambini e sui valori di ieri e di oggi, scritto senza "peli sulla lingua".
Una lettura breve, semplice e scorrevole ma curata, che consiglio a tutte le mamme e donne, anche per non dare per scontate tante piccole conquiste femminili e riflettere sul nostro attuale stile educativo.

Devo ammettere che mi piacerebbe che anche mia nonna e mia mamma prendessero carta e penna (non me la vedo a scrivere al pc!) e  raccontassero la loro infanzia nello stesso modo: intimo ma anche con uno sguardo aperto ai riti, alle consuetudini familiari, alle abitudini ed ai rapporti interpersonali dell'intero quartiere/paese in una epoca ormai passata.


Annamaria Pizzinato, con il nome di "Wondernonna" ha scritto anche racconti per bambini e parla di sè e dei suoi adorati nipoti nel suo blog,  purtroppo ultimamentepoco aggiornato.


Il secondo, anche se non in ordine di lettura, è

 "Casi Umani" di Selvaggia Lucarelli, Ed. Rizzoli, 2018, pag. 221.


Come in "Dieci piccoli infami", che avevo apprezzato molto, in questo libro Selvaggia Lucarelli racconta le sue (dis)avventure, anzichè con persone che a vario titolo le avevano rovinato la vita, con una serie di aspiranti "fidanzati", tratteggiando una casistita tragico-comica di uomini che è sicuramente meglio perdere che trovare.

Non divertente quanto "Dieci piccoli infami", forse anche perchè ne ricalca lo stile e l'impostazione, ma comunque una piacevole lettura di evasione.
Difficile, pero', credere che uomini cosi' esistano davvero e, soprattutto, che li abbia incontrati tutti lei.
Se è vero, si è guadagnata la mia compassione a vita.

Lo stile, schietto, esagerato, ironico, è lo stesso che avevo trovato in "Che ci importa del mondo".

Il terzo,

"Come se tu non fossi femmina"di Annalisa Manfreda, ed. Mondadori, 2018, pag. 163


L'autrice è sicuramente una donna intelligente, con cui scambierei volentieri due chiacchere o anche di piu', su condizione femminile, lavoro, vita con i figli, educazione ecc.
Dal libro traspare il suo amore per i viaggi e vorrei saperne molto di piu' su suo trekking in Nepal con famiglia.
Gli insegnamenti che vorrebbe trasmettere alle sue figlie sono, per me, al 90% condivisibili.
Cio' che mi ha lasciata perplessa, è pero' la mancanza di un filo conduttore, di una "storia" che tenga insieme gli insegnamenti stessi, dal momento che il viaggio con le sue figlie è appena accennato, un mero pretesto abbozzato per condividere le riflessioni dell'autrice che, secondo me, in questo modo perdono di incisività.
Insomma, lo consiglio per il contenuto ma non per la scrittura.


Il quarto, infine, 

"Mamme coraggiose per figli ribelli" di Giada Sundas, ed. Garzanti, 2018, pag. 173


Mi piace come scrive l'autrice, che secondo me ha proprio talento e trovo che ci si possa immedesimare, da mamma, nelle sue parole, eppure il suo secondo libro mi è sembrato troppo simile al primo, "Le mamme ribelli non hanno paura" (di cui ho scritto qui) e a tanti altri scritti sulla maternità e quindi non mi ha coinvolto piu' di tanto, pur facendomi sorridere.
 
Con questo post, non sponsorizzato, partecipo all'appuntamento ideato da Paola, il venerdi' del libro.

venerdì 15 febbraio 2019

Le letture del ricciolino biondo: "Pirati delle nevi" e "Mortina"

Pirati e cavalieri, supereroi , bimbi monelli e bimbe intrepide...sono tanti i personaggi che piacciono al ricciolino ma, ultimamente, i pirati sono tra i più gettonati.
Non è facile scovare storie che possano appassionarlo sempre, anche la sera quando la tentazione di restare a guardare i cartoni è forte e la stanchezza per la giornata a scuola si fa sentire, così la sfida è girare per le biblioteche e le librerie e lasciarsi ispirare da titoli, personaggi o disegni accattivanti.


Considerando che viviamo ai piedi delle Alpi e non siamo proprio marinai provetti (neppure marinai e basta, a dire il vero), è un pò strano leggere tante storie di pirati eppure...abbiamo scoperto che esiste chi si è inventato addirittura una avventurosa storia di pirati delle nevi e corsari dei ghiacci.


Sì, avete capito bene.
I protagonisti di questo libro illustrato della serie "Il battello a vapore" sono pirati ma nevigano, anzichè navigare, sui pendii montani, con velieri da neve ("Valanga" e "Tempesta" ) anzichè galeoni dei mari e sono, pensate un pò, animali di montagna: Capitan Gip, il gipeto, il suo secondo Camilla, un camoscio, lo stambecco Testadura, il capitano dei loro nemici, il lupo Testadura, la marmotta, la volpe ecc.

"Pirati delle nevi" di Tommaso Lanciani,

ed. Piemme



Invece che con mostri marini, i pirati montanari devono combattere con draghi delle nevi e si trovano alla taverna del vecchio Hibou (ovvero il gufo), in una valle sperduta, anzichè nelle osterie dei porti, si divertono con discese in derapata e godono degli spruzzi di neve e ghiaccio sollevati dalla loro nave con i pattini....


Tuttavia lo spirito avventuroso, la ricerca del tesoro e la sempre eterna lotta tra i buoni (pirati, certo, ma generosi e leali), ed i cattivi (scorretti, malvagi e traditori), sono gli stessi che nelle storie tradizionali ma l'ambientazione montana rende la lettura ancora più curiosa e divertente, anche per i genitori.

Un libro che ci è piaciuto molto, nato da un'ispirazione che l'autore, Tommaso Lanciani, scrive di aver avuto proprio in Valle d'Aosta, nella bella Val di Rhemes, che noi frequentiamo, conosciamo e amiamo.
Insomma, non potevamo farcelo scappare e di sicuro non ci ha delusi!



La storia, consigliata dai sette anni, è perfetta da questa età per le letture autonome ma può essere apprezzata anche prima se letta ad alta voce.

***



"Mortina. Una storia che ti farà morire dal ridere" di Barbara Cantini, 

ed Mondadori

Mortina, invece, è la piccola zombie protagonista di una storia di Halloween  (ma anche di altri due libri che abbiamo già ordinato) che ho cercato dopo aver letto il post di  Mamma Piky.
La protagonista è davvero simpatica, con illustrazioni e didascalie divertenti tutte da leggere e un racconto pieno di ottimismo e fantasia, seppur semplice.


La piccola zombie si diverte molto a giocare a Villa Decadente, dove vive di nascosto con la zia Dipartita e un cagnolino zombie, però avrebbe voglia di stare con bimbi suoi coetanei.
La zia ha vietato ogni contatto, temendo una pessima accoglienza per gli zombi da parte degli abitanti del villaggio.
Mortina non si perde d'animo e elabora un'idea: quale occasione migliore della festa dei morti per mischiarsi con i bambini veri?

Unico appunto del ricciolino: "Non è vero che fa tanto ridere, io ho riso una sola volta. Però mi è piaciuto!"


Anche in questo caso, una lettura adatta dai 5/6 anni in poi, a mio parere.

Con questi consigli di lettura per bambini, partecipo al consueto appuntamento del venerdì del libro di Paola.



venerdì 8 febbraio 2019

Le letture di Mamma Avvocato: "0 virgola 6" di Maddalena Capra Lebout

Due sere fa ho iniziato un libro. 
Due sere fa ho finito quello stesso libro.
Questo:  

"0 virgola 6" di Maddalena Capra Lebout



Non è lungo, una cinquantina di pagine, ma si legge così, di getto. 
Non si riesce proprio a farne a meno.
E' successo a me, che leggo tanto ma in genere alle 22,30 sono già nel mondo dei sogni; è successo
ad altre lettrici e sono certa che succederà anche a voi, se lo prenderete in mano. 

Perchè è avvincente? 
No, "avvincente" non è la definizione adatta.
E' perchè è un racconto di cuore che parla al cuore del lettore, soprattutto se genitore, soprattutto se mamma.
Quando un racconto è così vivo, immediato, sincero, crudo, 
come è questo, 
quando è come una cronaca in diretta di ciò che sta vivendo la scrittrice, 
come questo, 
non si può che leggere, ascoltare, essere partecipi, sino alla fine.

Trovo difficile parlarne in questo spazio, perchè la verità è che mi ha colpito come un pugno nello stomaco.
Ho pianto, durante la lettura e dopo la lettura. Ho dormito male.
Non perchè non meritasse, ma perchè è emotivamente forte o, almeno, lo è stato per me.
Perchè è intimo. Perchè è senza fronzoli.
Su di me, ha avuto un effetto quasi catartico, sicuramente empatico, nonostante io abbia vissuto situazioni diverse.
Insomma, io ho pianto. E il giorno dopo l'ho riletto.
Perchè merita.

E' un racconto che non lascia indifferenti, che ti costringe a fare i conti con i tuoi sentimenti, con i desideri, le paure, i sogni, le speranze, i dolori: di genitore, di madre, soprattutto.
Che ti porta a farti domande, che è triste ma nello stesso tempo non lo è affatto, è anche un inno alla vita.

La verità è che non posso scrivere di più, perchè rischierei di impedirvi di "sentire", mentre leggete. E sarebbew un peccato.
Se conoscete Maddalena avete letto qualcuno dei suoi post, però, sono certa che potrete immaginare  lo stile di questo lungo racconto.
Capace di trasmettere emozioni, a volte un pò enigmatico, sempre poetico, mai edulcorato.
Perche Maddalena è una che sa dare voce alla maternità ed al suo lato zuccheroso, all'umanita sognante e sentimentale ma anche i pensieri scomodi, quelli controcorrente, quelli che a volte non osiamo confessare neppure a noi stessi.
E lo fa bene, che parli di maternità o di altri aspetti  della vita, a tutto tondo.

Se invece ancora non conoscete Maddalena ed il suo blog "Pensieri rotondi", dopo aver letto questo racconto, andrete a cercarlo. Di sicuro.

"Sui social la parata dei bilanci. Dei propositi. Non l'ho mai amata, siamo quello che siamo. Siamo quello che decidiamo di essere. Ma non perchè qualcuno ha tratteggiato un confine immaginario da varcare. E siamo, più ancora, quello che diventiamo quando la vita ci dà il LA e noi eravamo in silenzio. Quando ci toglie la voce, e noi cantavamo."

E questo è il mio consiglio di lettura per questo venerdì del libro.

Post non sponsorizzato.


ATTENZIONE: i commenti sul blog sono nuovamente funzionanti
Purtroppo la prossima chiusura di G+ ha comportato la cancellazione di gran parte dei commenti lasciati sui post precedenti. Alcuni li sto recuperando e li reinserirò con il tempo, per altri sarà impossibile ma li ho letti tutti e praticamente a tutti ho sempre risposto, dunque sappiate che non sono andati sprecati.Anzi, riceverli mi ha fatto immensamente piacere. 
Perchè è anche per essi che scrivo.
Sperando di leggere ancora il vostro parere nei commenti, vi invito a lasciarli nuovamente anche in coda ai post, se volete.
Grazie.


venerdì 1 febbraio 2019

"La tristezza ha il sonno leggero": le letture di Mamma Avvocato

"LA TRISTEZZA HA IL SONNO LEGGERO" di Lorenzo Marone



"La prima cosa che direi a un figlio, una volta adulto, sarebbe: "Fai il possibile perché ciò che ti piace non diventi un passatempo da coltivare solo nel fine settimana. È la via più diretta per trasformasi in un infelice." 
Quello che avrebbe dovuto dirmi Mario.
A volte chi si preoccupa per te può fare molti più danni di chi a stento si accorge della tua presenza." Pag. 81 di 379.

Dall'autore di "La tentazione di essere felici" e "Magari domani resto", di cui ho scritto qui e qui, un altro bel romanzo, anche se forse non all'altezza dei precedenti, per il mio personale gusto.

O meglio, scorrevole e ricco di spunti di riflessione, sentimenti ed introspezione, come i precedenti, però con un protagonista con cui non sono riuscita ad entrare in sintonia e che mi è rimasto un pò antipatico.
Il romanzo è incentrato sui rapporti genitori - figli, con figure di madri o troppo ingombranti (quella di Erri, il protagonista) o assenti (quella di Arianna) e padri a loro modo amorevoli ma abbastanza mediocri.
E' la storia di un uomo che pur avendo superato da un pezzo i trent'anni non è ancora stato in grado di superare il trauma della separazione dei genitori e che subisce gli eventi, senza mai avere il coraggio di scegliere, anche in amore, tranne nel finale.
Un uomo che, va detto, si trova a fare i conti con due famiglie difficili, ricomposte, con fratellastri e sorellastra e anche una sorella che tale non è ma è quella con cui c'è un legame più forte.

Da un lato, il libro sembra suggerire la possibilità di moltiplicare l'amore in più famiglie, creando legami forti anche dopo separazioni e nuovi matrimoni, dall'altro, a giudicare dalle figure di figli descritte, nega che si possa avere una crescita "normale" in simili situazioni, forse non a torto.
Certo è che mentre le protagoniste femminili prendono in mano la loro vita, magari con scelte sbagliate ma sempre agendo, quelli maschili tendono a dimostrarsi incapaci di reagire efficacemente.

Uno specchio della realtà? Spero di no!

"Pensavo a quando un domani ti innamorerai. A chi porterai a casa. In fondo siamo tutti estranei prima di conoscersi. Anche io e Erri lo siamo stati. Innamorarsi è il più grande atto di fiducia che ci possa essere fra due estranei. Pensa questo ogni volta che ti troverai in difficoltà nell'entrate in una stanza piena di gente sconociusta, o al cinema, se ti scoprirai di fianco a chi non conosci, pensa che la vita ti sta solo donando una nuova possibilità di trovare qualcuno di speciale." Pag. 157 di 379.

I continui salti temporali della narrazione mi hanno un pò destabilizzato, tuttavia il romanzo mi è piaciuto, quasi quanto i precedenti dell'autore, con lo stesso riconoscibile stile.

"Da più parti sento spesso dire che non bisogna vere rimpianti, che chi vive ancorato al passato non ha speranze nel futuro, in realtà credo che chi non ha rimpianti non ha mai avuto sogni. Ed è la mancanza di sogni a precludere un bel futuro. ... La verità è che tra la speranza è il rimpianto passa un soffio. E in quel soffio trascorriamo gran parte della nostra vita." Pag. 305 di 379.

Ecco il mio consiglio di lettura per questo venerdì del libro, l'appuntamento ideato da Paola.