lunedì 16 ottobre 2017

Son giorni in cui...

Son giorni in cui reinventare.

Son giorni caotici, stancanti e strani.
Son giorni in cui frenesia e corse si alternano a momenti di pace e affettuosità, come i pianti disperati, spesso all’unisono, a dolcissimi sorrisi e mani baffute da stringere e baciare.
Son giorni da mamma che deve anche riuscire a lavorare, anche se ne farebbe a meno. O forse no. Chissà.
Son giorni di scatoloni abbandonati negli angoli, lavori e lavoretti che sembrano non finire mai, scelte continue da prendere e intoppi come se piovesse.
Son giorni di solitudine e nervosismo ma anche, all’improvviso, di famiglia.


Cerco una routine quasi impossibile, organizzo e preparo senza riuscire mai neppure a pareggiare, rincorro impegni miei e non, agognando riposo e aiuto, che però poi non so chiedere o che comunque non servirebbe, perché il più non è delegabile.

 Mi sento enormemente fortunata, ma anche prosciugata.
Navigo a vista, senza riuscire a vedere la riva, pur sapendo che deve pur esserci, da qualche parte.
Contrasto le lacrime con i sorrisi, rispondo che va tutto abbastanza bene nella speranza di convincere me stessa per prima. 
E poi, a volte, mi accorgo che è proprio così, che va bene davvero, che il peggio, per ora, è alle spalle.
Basterebbe dormire di più.


E intanto, penso e mi interrogo. Troppo. Come al solito. Perché a volte si può solo mettere un piede davanti all’altro, curando di riuscire almeno a saltare gli ostacoli e sperando di non perdersi l’ un l’altro in corsa

martedì 3 ottobre 2017

Ritrovarsi. 25 anni dopo.


Sono passati 25 anni.
25 anni da quando sedevamo in quei banchi bianchi, disposti a ferro di cavallo in un aula grande, la più grande della scuola, e super attrezzata.
25 anni dalla visione delle puntate dei documentari, dalle lezioni di programmazione con il linguaggio basico, dallo yoga nell’ora di religione, dalle spiegazioni sul corpo umano con il modellino gigante, dalle piantine sui banchi per insegnarci a prenderci cura di qualcuno o qualcosa, dal giradischi durante il pranzo, dagli intervalli lunghissimi per godere della natura, con il sole ma anche con la neve e la pioggia.

Eravamo tanti e diversi ma con due maestri molto speciali.
Due persone appassionate e piene di interessi, che hanno saputo trasmettere a tutti noi energia, curiosità, determinazione.
Che ci hanno tenuti uniti giorno per giorno.
Che ci hanno spronato a coltivare i nostri sogni.
Che ci hanno dato tempo e spazi, rispettando ognuno di noi e senza mai forzarci.
Che ci hanno dato fiducia.
Che hanno trasformato una realtà scolastica in una esperienza di crescita personale.

Perché non può essere un caso se dopo 25 anni ci siamo trovati in buon numero intorno ad un tavolo, a ridere, ricordare e raccontarci rispondendo alle domande della maestra (del tipo: “ sei soddisfatto della tua vita?”, mica roba scontata e con il richiamo perentorio a fare silenzio e ascoltare gli altri, mostrando quel rispetto e quella empatia che lei ha sempre considerato più importante di qualunque regola ortografica), scoprendo poi che per tutti quel ciclo scolastico era stato il migliore e che i semi piantati tanti anni fa, in modo lieve e inconsapevole erano germogliati nelle nostre scelte di adulti e nelle nostre passioni.
Dal nuoto, il rugby e lo sci di fondo, alla musica, dallo yoga e alle tecniche di respirazione alla scrittura, dalla valorizzazione dell’amicizia ai legami familiari.

E, pur nei diversi percorsi e nella lontananza geografica a cui la vita ci ha condotti, con qualche ruga e capello bianco (o senza più capelli!) ma in fondo sempre gli stessi, un po' ci siamo ritrovati.

Soprattutto, però, abbiamo ritrovato i noi stessi bambini e loro, C. e M., i maestri che hanno così positivamente influenzato la nostra vita.
Ora, con questa consapevolezza, se potessi viaggiare nel tempo, cercherei di fissare nella memoria ancora più particolari, perché quanto siano preziosi certi momenti, spesso lo scopri solo vivendo e lasciando sedimentare.

Al mio ricciolino ed a I., che hanno da poco iniziato la primaria con uguale entusiasmo, anche se purtroppo non insieme, auguro fra 25 anni di poter raccontare lo stesso delle loro rispettive classi e insegnanti!

P.s. Quanto a te, amica mia che mi leggi e che c’eri, accanto a me, noi non ci siamo mai perse, solo distratte un attimino, tra studi, matrimoni e maternità, proprio come i nostri maestri raccontavano che è successo a loro.




lunedì 25 settembre 2017

Il mio parto gemellare

Attenzione: post lungo e ad alto contenuto emotivo, ma a finale lieto!

Oggi, a tre mesi da quel 23 giugno che ha cambiato la nostra famiglia, mentre la piccola dorme dopo la prima poppata del mattino ed il piccolo inizia dare segni di risveglio, mentre la caffettiera grande (il primo caffè è sempre doppio!) è sul fuoco, vi voglio raccontare il mio parto, partendo dal ricovero.

La gravidanza sembrava andare a gonfie vele, a parte la stanchezza che a maggio ormai si faceva sentire, decisamente più che per quanto accaduto con il ricciolino, nonostante gli integratori di ferro e l’aumento di peso contenuto.
In effetti, negli ultimi giorni di maggio, avevo intuito che qualche cosa non andava, ma ne’ la mia ginecologa ne’ i medici dell’ospedale di Aosta, sembravano preoccupati e d’altra parte, l’ambulatorio per le gravidanza gemellari di Torino, contattato telefonicamente, continuava a rispondermi che le gemellari bicoriali e biamniotiche, come la mia, non le seguivano, non essendo di per sè a rischio ed avendo loro già molti pazienti,  ameno che non vi fossero problemi particolari.
Poi, pochi giorni dopo, mentre ero in ufficio, iniziano contrazioni persistenti. Sono solo alla 31 settimana per cui, dopo qualche ora, chiamo l’ostetrica del vicino poliambulatorio, che mi invita ad andare subito al pronto soccorso.
Vado a Torino, dove passo il pomeriggio e parte della sera: mi dicono che il collo dell’utero è accorciato ma in modo tutto sommato normale, che non sono contrazioni serie, che i flussi dei cordoni ombelicali sono a posto ma non l’accrescimento del maschietto: non è cresciuto per nulla dall’ultima eco (fatta ad Aosta meno di un mese prima, in cui mi avevano segnalato che uno dei gemelli era più piccolo dell’altro ma non c’era da preoccuparsi perché accadeva spesso).
Il dottore aggiunge che può essere sintomo di una grave malformazione (quale? Nessuna risposta, o meglio: “se avesse fatto l’amniocentesi lo sapremmo!”) oppure di un problema al cordone ombelicale o ancora, assolutamente nulla.
“Bisogna attendere almeno 15 giorni per una nuova misurazione e poi si vedrà”.
Nel frattempo devo stare a riposo (ma non a letto) e prendere il Buscopan.
Un doccia gelata. 
Fortunatamente i giorni passano, nonostante le contrazioni continuino.
Torno a Torino a 33 settimane per l’eco di accrescimento: ancora nessuna crescita del maschietto e anche la femminuccia è cresciuta sotto il minimo percentile.
Mi invitano a prenotare una visita all’ambulatorio delle gravidanze gemellari e, quando faccio presente che ho telefonato ripetutamente senza esito, mi suggeriscono involontariamente una scorciatoia, ovvero di iniziare ad andare all’ambulatorio "day service", per il “bilancio di salute pre parto”, ad accesso libero.
Era il giorno della recita di fine anno alla materna del ricciolino, il giorno successivo al mio compleanno e mi accompagnava mia madre.
Siamo tornati in fretta da Torino per assistere alla fine dello spettacolo, anche se mi veniva da piangere dalla preoccupazione, oltre che dalla commozione per il mio ometto.

Tre giorni dopo sono all'ambulatorio "day service" e parlo con una ginecologa premurosa che coglie al volo la situazione, telefona direttamente ad una collega della gemellare e mi prenota d’urgenza per il pomeriggio stesso.
Per farla breve, finalmente mi considerano abbastanza a rischio e vengo inserita nel circuito ospedaliero: nonostante l'arresto di crescita i bambini non sono in sofferenza e mi rimandano a casa con appuntamento a due giorni dopo.
Sono a 34 settimane, mi ricoverano e fanno la terapia cortisonica per i polmoni.
Sono giorni di ansia e attesa, di caldo insopportabile, travagli in camera e nostalgia del ricciolino e di casa, di monitoraggi continui, assenza di privacy e insonnia, dieta monotona e insipida e peso invariato. 
Mia madre è sempre al mio fianco.
Poi, il 22 giugno, nuova eco: crescita invariata per il maschietto e anche la femminuccia è cresciuta ben al di sotto della media.
A questo punto, mi dicono che a breve mi indurranno il parto.
Già sapevo, dal ricovero, che sarebbe stato vaginale (i bambini sono entrambi cefalici) - e a me va benissimo, perchè non vedo motivo di rischiare un taglio - e senza possibilità di spinale o epidurale, neppure in caso di taglio d'urgenza.
Essendoci già passata, nonostante le storie terribili di travaglio ed induzione a cui ho assistito e che ho mio malgrado sentito durante il ricovero, sono relativamente tranquilla.

Finalmente, venerdì 23 nel primo pomeriggio partono con l’induzione, avvisandomi che in genere ci vogliono dalle 12 alle 24 ore per partorire.
Sono a 35 settimane.
Avviso l’Alpmarito perché rientri dal lavoro all’estero senza però mettergli fretta, viste le previsioni.
Trascorrono sei ore ma solo nelle ultime due inizio ad avvertire contrazioni, molto ravvicinate ma che non mi impediscono di passeggiare, parlare e stare sotto la doccia. Rompo le acque.
Visita: nessuna dilatazione
Torno in camera e dopo pochissimo le contrazioni diventano ravvicinate e forti, sento che devo partorire subito.
Avviso l’ostetrica che inizialmente non mi crede, in fondo mi ha visitato dieci minuti prima e non c’era alcuna dilatazione. Frattanto, appena in tempo, arriva l’Alpmarito.
Io insisto che secondo me è il momento della fase espulsiva ed infatti: dilatazione completa in 15 minuti!
Corsa in barella fino alla sala parto e mentre arrivano anche il primario e il neonatologo e l’ostetrica indossa il camice, in nove minuti nascono entrambi i gemelli.

Tuttavia, a causa di una forte emoraggia, ho appena il tempo di vedere i bambini in braccio al papà e sentire il conto delle perdite ematiche ad alta voce (angosciante!!!), che l’anestesista mi addormenta.
Mi risveglio che è già mattina, ancora in sala parto. 

E' andato tutto bene ma la paura è stata tantissima, per me in primis, ma anche per l'Alpmarito e mia madre, che attendevano fuori senza veder più uscire i medici.
I viaggi a Torino, le mille telefonate per riuscire a prenotare una visita, la fatica del ricovero e la paura in sala parto, acquistano senso. 
Se non fosse stata lì, chissà ora come staremmo, noi tre.

Il pomeriggio mi portano in camera la piccola, dopo una notte in culla termica e i controlli del caso, con tanto di biberon, perché non devo muovermi e in quel momento non mi passa neppure per la testa di provare ad allattare.
Il mio piccolo posso vederlo solo il giorno ancora successivo, quando finalmente posso alzarmi dal letto e salire in terapia intensiva neonatale.
E vedendolo in incubatrice, piango.






venerdì 15 settembre 2017

Top ten dei regali per mamme, tra il classico e l'alternativo

In questo post ho indicato quelli che secondo me sono i regali per bebè più graditi e utili (distinguendo tra primo figlio e successivi), ma…per la mamma? 
Potrebbe essere una buona idea, infatti, fare visita ai neo genitori portando un dono per lei, anziché per il nuovo nato!
Certo, ci sono anche i papà però, diciamocelo, il grosso del lavoro in gravidanza ed al momento del parto lo facciamo noi donne!

Ecco allora i regali che secondo me farebbero felici le mamme, in ordine sparso:
  1. Creme a gogo’. Antismagliature, antirughe,antistanchezza, antirigurgito (no, purtroppo non le hanno ancora inventate), anti "la qualunque", idratanti, rassodanti, dal profumo e dalla consistenza coccolosa…perché anche alle mamme piace prendersi cura di se’ e nel dopo parto se ne ha ancora più bisogno, per sentirsi in forma, coccolarsi o anche solo prendersi una mini pausa relax. In fondo, che queste creme siano o meno efficaci contro smagliature e perdita di tono, non e’ poi così importante, no? Inoltre difficilmente nei primi tempi dopo la nascita di un bambino si ha il tempo di dedicarsi allo shopping per se stesse, quindi avere le creme a portata di mano può essere un incentivo a trovare un minuto per spalmarsele!
  2. Libri sulla maternità: non manuali (a meno che non siate certe che la mamma li desideri), altrimenti rischierete di essere fraintese o di farla sentire in difetto, ma libri ironici, poetici, divertenti, sinceri, sull’essere madre. Qualche esempio? "Pensieri rotondi", una raccolta di riflessioni quasi liriche o, questo, scritto d un papà e a tratti commovente, questo, dilcissimo, o questo, a fumetti, oppure questo romanzo o questo, di Enrica Tesio, o anche questo, di nuovo di un papa, pure famoso,  per immedesimare e divertirsi,  ma anche saggi sulla maternità, come l'interessantissimo "
  3. "Di mamme ce n'è più d'una",questo o questo, o sulla educazione o l'ambiente, come questo  o "Biberon al piombo", e l'elenco potrebbe proseguire a lungo.
  4. Chiacchiere in compagnia. Portate un aperitivo (analcolico, nel caso allatti) e degli snack, oppure un gelato, salame e formaggio o quel che volete, purché sia sfizioso, o anche niente, non importa, ma fermatevi a chiacchierare con lei del più e del meno mentre allatta, cambia il bimbo ecc, oppure uscite con lei per una passeggiata e intrattenetela, ascoltando più che parlando, se la mamma ha voglia di esprimersi, senza mai giudicare e ritirandovi se intuite che potrebbe aver l’occasione di riposare, perché lo sta facendo il bimbo. L’importante è non farla sentire sola e distrarla. Pianti, poppate e persino i cambi pannolino passeranno in un lampo e lei potrà distendere la mente o sfogarsi, se ne ha bisogno, tornando poi a dedicare tutte le sue attenzioni mentali al figlio, rigenerata! 
  5. Buoni acquisto da spendere in negozi per bambini o, meglio ancora, in profumeria/ farmacia. In questo modo sarà lei a decidere cosa acquistare e se scegliere prodotti per se’ o il suo bambino. Non a tutti piace regalar un “credito” (a me, ad esempio, non molto) ma se è un tipo di dono che non vi dispiace, perché no?
  6. Se il nuovo nato non è il primo figlio, un dono atipico ma certamente gradito è una giornata, mezza giornata o anche solo un paio d’ore di intrattenimento per il primogenito/i figli più grandi, soprattutto d’estate o durante le altre vacanze scolastiche. Potreste portarli al parco o a casa giocare con i vostri figli. Così la mamma potrà riposare quando dorme il bebè o dedicarsi completamente a lui senza sentirsi in colpa. A me questo dono lo hanno fatto, meritandosi la mia più sincera riconoscenza!
  7. Per un regalo più importante, una borsa che sia adatta a portare il cambio e tutto l’occorrente per il bebè ma che non sia la solita spesso data in dotazione con i passeggini. Che sia comoda, carina o sportiva, Bianca, nera o colorata, a seconda dei gusti della mamma. Io per esempio uso una borsa della Mammut, marchio noto per l’abbigliamento da montagna, pensata per la pratica del boulder (ovvero l’arrampicata su massi): eppure vi assicuro che è perfetta!
  8. Un gioiello a tema nascita. Un pendaglio o un ciondolo a forma di bambino, carrozzina, ciuccio ecc.  non necessariamente di materiale prezioso!
  9. Un invito a pranzo o cena a casa vostra, purché con orario rigorosamente….flessibile!
  10. Se la mamma usa il latte artificiale, un thermos di quelli seri, che tenga bene la temperatura e non perda se rovesciato.È essenziale per portarsi dietro l’acqua calda per la preparazione del biberon e poi potrà essere riciclato per le prime gite in famiglia o in coppia. E se state pensando che thermos o borsa per il cambio non siano doni per la mamma, ricredetevi: riuscire ad uscire di casa è un bisogno (quando non una necessità) per le mamme prima ancora che per i figli, dunque ben venga tutto ciò che può agevolare le uscite!!!
  11. Tempo libero. Libero dal bebè oppure dalle incombenze domestiche. Tempo per se’ o per godersi il bambino. Soprattutto dopo i primi tempi di “immersione totale” nella maternità.Il regalo più prezioso e gradito, forse, eppure anche il meno facile da fare.

Se invece il doni preferite farlo pensando ai nuovi nati o alle loro necessità, non preoccupatevi: credo infatti che ogni mamma apprezzi le attenzioni rivolte ai suoi bambini e sappia interpretare un regalo per loro come un gesto di stima e riconoscimento anche per lei.b


E voi, cosa avete regalato o regalereste ad una neomamma? E quale dono avete gradito o avreste voluto ricevere?

sabato 9 settembre 2017

Le letture di Mamma Avvocato: "Magari domani resto"

“Magari domani resto” di Lorenzo Marone
Ed. I narratori,Feltrinelli, 2017, pag.315

Ho letto questo libro su consiglio di Maris (qui trovate il suo parere) e dopo aver apprezzato “La tentazione di essere felici”, di cui ho raccontato qui.

Il romanzo narra la storia di Luce, una trentenne cresciuta nei Quartieri Spagnoli di Napoli con la madre ed il fratello Antonio.
Il padre è sparito dalle loro vite un giorno qualunque, fuggito per un motivo che sarà svelato solo alla fine del libro.
Luce, ancora nubile, è una donna forte e determinata, che fa l’avvocato in uno studio che si occupa, in sostanza, di sinistri stradali, in modo non proprio trasparente. 
Il suo lavoro, però, nel romanzo è solo il pretesto per far conoscere alla protagonista un bimbo molto intelligente che, in qualche modo, la costringerà a fare i conti con il suo passato, ripensare il suo futuro e rivedere il rapporto con sua madre.


Una protagonista che mi è risultata subito simpatica, un anziano vicino di casa molto saggio, un bambino dall’intelligenza pronta, due figure materne molto diverse tra loro e un avvocato titolare dello studio insopportabile e disonesto: questi i personaggi principali per una storia che, come nel precedente romanzo dell’autore, non è fatta tanto di numerosi avvenimenti o colpi di scena, quanto di dialoghi e riflessioni, con le quali è facile essere d’accordo.
Sullo sfondo Napoli, città dalle mille contraddizioni.

Una lettura molto piacevole, con qualche parola in dialetto che non rende difficoltosa la comprensione, pur donando “colore” al testo.
Non mi è piaciuta solo l’immagine della professione di avvocato che lo scrittore ha deciso di veicolare.
Luce non si comporta come un legale, ne’ in realtà lo fanno gli altri avvocati del suo studio o, perlomeno, non sono affatto così  la stragrande maggioranza dei legali italiani (anche se la piaga delle truffe assicurative nel Sud Italia è una triste realtà).

Questo ad ogni modo è il mio consiglio di lettura per un venerdì del libro che…arriva di sabato!!!

“Se questo ragazzino con il caschetto fosse davvero mio figlio, ora mi sentirei appagata nell’incrociare i suoi occhi felici che hanno dentro uno sfolgorio di luce accecante, un bagliore di fiducia nella vita, nel futuro e, soprattutto, in te stesso.
Quella luce è l’unico grande dono che possa e debba farci un genitore.
Tutto il resto è scarto.” Pag. 143

“Tutti bramiamo una vita di grandi avventure, amori impossibili, sogni da inseguire e idee da far valere. Tutti moriamo dalla voglia di lanciarci a braccia aperte nel mondo per mostrare le nostre capacità, per farci dire che valiamo qualcosa, per succhiare le attenzioni altrui e trovare un senso a questa cosa immensa eppure così piccina che chiamiamo vita.
La sera, però, tutti torniamo a casa e ci rimettiamo comodi sul divano, ad aspettare che qualcuno infili i piedi freddi sotto le nostre gambe o ci dica che è pronto in tavola. Non le chiamerei semplicemente abitudini, ma un modo per rendere il cielo sopra di noi meno imponente, per sentire di avere un posto dove bastano i nostri soliti piccoli gesti quotidiani a far funzionare le cose.
Essere abitudinari non è poi così da sfigati.
I bambini sono abitudinari. E i cani.
Il meglio che c’e in giro.” Pag. 146


martedì 5 settembre 2017

Questa casa

Questa casa

Stiamo per salutare questa casa e, pur essendo felice del cambiamento, in questo ultimi giorni mi ha preso un po’ di nostalgia.




Perché questa casa,
quando ancora era solo un letto, un tavolo ed una libreria,
ci ha visti diventare “noi”.

In questa casa,
mentre eravamo ancora in due,
ho preparato la mia tesi,
e l’esame di stato.

In questa casa,
quando ancora era “un’open space”,
abbiamo accolto parenti e amici,
letto, brindato, riso, giocato e pianificato,
semplici gite e viaggi a lungo desiderati,

In questa casa,
che abbiamo liberato,
pulito, pavimentato e tinteggiato con le nostre mani,
abbiamo sognato 
il nostro futuro.

Questa casa,
dalla posizione infelice
ma dalla vista splendida,
ha assistito al mio diventare mamma,
allargandosi e mutando per accogliere un bambino.

In questa casa,
ho portato la mia gatta,
salvandola,
e l’ho vista diventare mamma.

Ero in questa casa,
quando ho temuto,
per due terribili,
infinite ore di incertezza,
per mio marito
e qui l’ho vegliato
in una notte d’ansia,
ringraziando che la montagna non se lo fosse portato via.

Questa casa 
che è stato il teatro di feste,
anniversari, amore,
amicizie,
ma anche di litigi,
telefonate attese e mai giunte,
delusioni e rabbia,
è stata il mio rifugio,
in tempi di malattie, lutti e notizie di separazioni,
e l’eco della mia gioia,
ad annunci di nuove vite e nuove coppie.

In questa casa,
ho curato, cantato, ninnato, ballato e giocato
con e senza mio figlio,
ma anche fotografato,
dipinto, cucinato, praticato yoga,
ricamato, dormito, vegliato, montato mobili e spento candeline.

Questa casa,
mi ha visto provare il mio abito di nozze,
preparare e disfare valigie,
uscire in due e tornare in tre,
uscire in tre e tornare in cinque,
piangere, di gioia e di dolore,
sorridere e gioire.

Questa casa, 
dove ho trascorso parte della mia vita adulta,
in fondo,
so già che un po' mi mancherà.

Perché questa casa,
come tutte le case vissute,
è più di quattro mura e un tetto,
più di un semplice contenitore di oggetti,

è un contenitore di umanità.

venerdì 25 agosto 2017

Le letture di Mamma Avvocato: "Il caso Maluassene" e "Finché sarò tua figlia"

Venerdì, tempo di consigli di lettura, tempo di Venerdì del libro, appunto.


 "Il caso Malaussene" di Daniel Pennac

Torna la scrittura creativa e sempre impeccabile di Pennac, un autore che personalmente adoro.
Torna il "caso umano" Malaussene, torna la sua improbabile famiglia, tornano le storie inverosimili 
eppure divertenti e dissacranti che sanno mettere in piedi i suoi componenti.
Peccato solo che, essendo trascorsi molti anni dall'ultima lettura inerente la famiglia, ho faticato a ritrovare il filo del discorso e, in ogni caso, non abbia trovato questo romanzo all'altezza dei primi della serie.
Insomma, piacevole ma non imperdibile.

***

"Finché sarò tua figlia" di Elizabeth Little, pag. 324


Un giallo particolare, un romanzo che indaga un rapporto burrascoso tra una madre che non è quella che sembra essere ed una figlia cinica e ribelle, accusata e condannata proprio per l'omicidio della madre.
Due città minerarie gemelle, tre famiglie di possidenti terrieri, un mistero, quello dell'omicidio,  che dopo la propria scarcerazione Janie, la ragazza, è decisa a risolvere, anche se ciò significa scavare in un passato pericoloso e non potersi fidare di nessuno, cercando al contempo di sfuggire alla stampa che la considera colpevole e vuole il suo linciaggio.
Un finale per nulla scontato e un ritmo incalzante per un romanzo che ho letto rapidamente, catturata da una storia intrigante.
Perché spesso non arriviamo neppure ad immaginare chi siano i nostri più stretti familiari.
Nulla di impegnativo, ma sicuramente un bel giallo, scoperto grazie al venerdì del libro (anche se non ricordo di chi fosse il consiglio).

giovedì 24 agosto 2017

Vorrei ma non posto....#top5summer2017

Anche quest'anno, come l'anno scorso, desidero partecipare alla simpatica idea dell'amica blogger Elisabetta e scegliere alcuni elementi che più rappresentano questa mia estate.
Lo scorso anno si trattava di individuare le cinque canzoni "tormentone", ora di scegliere una canzone, un libro ed una ricetta poiché, come scrive Elisabetta, musica, cibo e buone letture sono gli ingredienti giusti per piacevoli giornate.
Ecco la mia #top5summer


1- La canzone : "Occidentali's karma" di Francesco Gabbani
In questo caso è una scelta facile, non perché non me ne piaccia più d'una ma perché, se penso al brano che ho sentito di più in questi ultimi mesi e che mi sono ritrovata, mio malgrado, a canticchiare spesso, la risposta è una sola.
Ci tengo a precisare, però, che non è ne' il mio genere musicale preferito, ne' il mio cantante preferito ne' una canzone che definirei "bella".
Orecchiabile e simpatica, al massimo.
Si da il caso, comunque, che piaccia tantissimo al ricciolino (pensare che lo cresco a pane, rock e musica  classica, sigh!) e che bimbi e mamme dell'ultimo anno di materna l'abbiamo scelta per modificarne le parole, adattando il testo alla realtà scolastica, per cantarla alla recita di fine anno.
Così mi è toccato imparare sia la versione originale che quella modificata (molto più divertente!) e pure cantarla in pubblico!
D'altro canto, l'alternativa sarebbe stata "Andiamo a comandare" di Fabio Rovazzi!

2- Il libro: "Pensieri rotondi" di Maddalena Capra Lebout
Non ho dubbi in proposito perché è una raccolta di pensieri estemporanei sulla maternità, alcuni già pubblicati sul blog di Maddalena, altri inediti, pieni di poesia e  sincerità, che commuovono, colpiscono dritti al cuore e parlano a tutte le mamme del mondo.
Ed è il libro (e prima di lui, il blog) che mi sta facendo compagnia questa estate, in cui il mio centro del mondo sono proprio i miei figli, quello grande e quelli appena nati.


3- La ricetta: piadine speck e stracchino
Sì, lo so: è banale e sanno farla tutti, non serve nessuna vera e propria ricetta.
Tuttavia è il piatto che  questa estate sta salvando le nostre cene o pranzi quando siamo nelle curve con i gemelli e poi al ricciolino piace tantissimo, quindi non potevo inserire in questa top5summer niente di diverso.
P
Ingredienti: piadine pronte, speck tagliato fine (o cotto, se preferite), stracchino, qualche foglia di insalata verde, una padella antiaderente larga e dal bordo sottile, olio extravergine di oliva.
Procedimento: (in realtà se ne occupa sempre l'Alpmarito ma direi che è così) spalmate generosamente di stracchino una metà della piadina, disponetevi sopra un paio di foglie di insalata e poi le fettine di speck che volete, chiudete a libro, ungete con un po' d'olio la padella e friggete finché la piadina non acquisterà un colore dorato.
Servite e mangiatela ben calda!

Se volete partecipare anche voi, qui trovate le istruzioni, in realtà semplicissime e riassumibili con un "scegliete, scrivete e condividete!"

4- Nomine 
Io da parte mia invito a partecipare:

- Maddalena, dello blog sopra citato "Pensieri rotondi", poiché nonostante sia una sua affezionata lettrice, non ho idea di che musica ascolti e di cosa le piaccia leggere e vorrei conoscerla meglio.
- Maria Elena, ovvero Mamma piky, perché ha sempre proposte di lettura che mi sorprendono e aspetto ogni suo nuovo post  con desiderio di leggerla
-Maris, del blog Cara Lilli e 
-Stefania,
 perché sono certa che mi daranno degli ottimi spunti.


lunedì 21 agosto 2017

#Scintille di gioia n. 8 (21.08.2017)

Scintille di gioia


L’ultima settimana, ancor più delle altre di questa estate, è stata strana, quasi surreale. 
Ho vissuto un po' fuori dal tempo, complice il silenzio lavorativo ed extralavorativo delle vacanze altrui, la sospensione degli allenamenti del ricciolino ed i ritmi rallentati della cittadina.
Presa dai miei soliti impegni da mamma ma più libera da altri incombenti e pensieri, fatta eccezione per quelli derivanti dal cantiere.

In tutto ciò, pur nella stanchezza ormai cronica ed estrema, ho vissuto più di un momento di gioia e voglio ricordarlo.

1- il mio primo giro in moto dopo anni. L’occasione è stata una commissione per la casa, che si è trasformata in un pretesto per stare un paio d’ore soli, io e lui, a cavallo della moto. 
L’ebrezza dell’aria fresca, delle curve e del contatto, anche se  la spensieratezza del periodo “pre maternità” non tornerà più.

2- la perdita del primo dentino. Ebbene sì, il ricciolino ha perso il suo primo dente da latte e lo ha fatto a suo modo, senza drammi o scene plateali.
Semplicemente, nel pomeriggio, in una pausa dei suoi giochi con gli amichetti, è venuto a bere ed ho notato il buchino. Lui neppure se ne era accorto!
Io mi sono commossa, quasi stupendomi che un tale avvenimento, che segna la crescita del mio bambino, non fosse accompagnato da squilli di tromba.
È una sciocchezza lo so, ma le lacrime hanno fatto capolino dai miei occhi mentre, contemporaneamente, pensavo a quanto sono fortunata ad essere mamma del mio ricciolino.

3- sono tornata ad arrampicare, dopo la pausa dovuta alla gravidanza. 
Si è trattato di metter su la corda in tre monotiri facili, in falesia, per far salire il ricciolino ed un suo amichetto, dunque nulla di particolarmente impegnativo o esaltante, d’accordo.
Però intanto ho rimesso le scarpette ai piedi, l’imbrago ai fianchi (e mi sta ancora,yeah!) e le mani sulla roccia calda.
Son soddisfazioni.

In più sono stata al lago con mia madre e i bambini, riuscendo persino a fare il picnic con i gemellini, due volte, e poi siamo riusciti ad incontrare amici e amiche che non vedevamo da tempo, chiacchierando piacevolmente.
Insomma, tra una poppata, un cambio ed un rigurgito, sprazzi di gioiosa normalità e socialità !
Con questo post partecipo all’iniziativa del lunedì “Scintille di gioia” ideata da Silvietta.
Se volete partecipare anche voi- ed io vi invito a farlo- queste sono le regole da seguire:

1- utilizzando l'hastag #scintilledigioia condividete con una foto su Instagram, Facebook, Twitter e/o un post sul blog tre momenti felici vissuti la settimana precedente;

2-nominate il mio blog e date le istruzioni su come partecipare;

3- invitate chi volete a partecipare a questo bellissimo gioco;


4- inviatemi i vostri momenti felici alla mail fiorellinosn@gmail.com mettendo come oggetto "Scintille di Gioia", in modo che io non me ne perda nemmeno uno

sabato 19 agosto 2017

Top ten dei regali per bebè: dieci doni utili per i neo genitori e i neonatii

Top ten dei regali per bebè 

In occasione della nascita di un bambino (o di due gemelli), parenti e amici hanno spesso piacere di offrire un dono ai neo genitori ed ai nuovi arrivati.
Solo che non è sempre semplice capire cosa regalare.
Scartando l'idea della lista nascita, che non rientra nelle tradizioni del luogo in cui vivo e non mi piace, poiché mi sembra una pretesa eccessiva e limitante verso persone che devono sentirsi libere di decidere se (non è assolutamente un obbligo!) e cosa donare, ecco la mia top ten dei doni più graditi ed utili, ovviamente sulla base della mia esperienza personale e tenendo presente che gusti e necessità possono divergere anche molto da famiglia a famiglia.
Dunque, in ordine sparso: 

1- "Torta di pannolini”



 Dopo il primo figlio, vince secondo me il podio nella classifica dei regali più utili, arricchita o meno da uno più “accessori” o giochi (bavaglini, ciucci, biberon, sonagli, carillon, giochini per il bagnetto ecc.).
In genere, infatti, l’essenziale è già stato acquistato da genitori e parenti prossimi o recuperato da garages e cantine per i secondogeniti.
I pannolini, invece, servono sempre e non sono mai abbastanza!
In più, se si vuole donare anche un oggetto che duri più a lungo, si può scegliere un modello con meno pannolini e più accessori.
Tra l’altro le torte vendute nei negozi per la prima infanzia hanno prezzi variabili, da adattare al proprio budget, e sono bellissime esteticamente.
Nulla vieta, infine, di confezionarne una a casa, armandosi di un po’ di pazienza e tanta volontà!
Occhio solo alla taglia dei pannolini scelti: informatevi sul peso del neonato nei giorni appena precedenti l’acquisto oppure acquistate una taglia più grande di quella teoricamente adatta alle settimane di vita del piccolo.
Sarete così sicuri che i pannolini verranno utilizzati.

2- Bodies e vestitini

Anche in questo caso, bisogna prestare attenzione alle taglie ed alla stagione e, pur trattandosi di un regalo sempre utile (nonchè bello, visto che ci si può davvero sbizzarrire con fantasie e colori), a mio parere è perfetto soprattutto per i primogeniti o per i figli successivi di sesso diverso dai precedenti, altrimenti rischia di essere meno sfruttato.
In alternativa, con un occhio alle stagioni, acquistate capì più grandi, da usare più avanti: in questo modo, la mamma vi ringrazierà!

3- Asciugamani per il bagnetto del neonato 
(con il classico triangolo da un lato per la testolina) o piccoli accappatoi. 
Non bastano mai e, soprattutto gli asciugamani si usano sempre, per anni ed in molti modi (copri sdrietta, copri fasciatoio o passeggino, salviette per le mani ed il viso, asciugamano per la scuola ecc.), visto quanto si sporcano i bambini piccoli, neonati o meno!


4- Bavaglini
Non sono certamente tra i doni più gettonati, forse perché sembrano un regalo “povero” ed invece sono utilissimi sempre, perché non se ne ha mai abbastanza.
Inoltre, se ne trovano di tutte le dimensioni, disegni e colori.
Se poi siete amanti del ricamo, potete personalizzarli: saranno ancora più graditi dai genitori attenti!

5- Olio, latte detergente, crema per il viso, salviette, crema per il pannolino, detergente per il bagnetto.
In questo caso l’unica accortezza è informarsi di eventuali preferenze di marca, tipologia o allergie di genitori o bambini.
Infatti non a tutti piacciono gli stessi prodotti e conosco mamme (non io) che usano solo acqua e detergente per la pulizia ad ogni cambio pannolino, preferendo evitare qualunque salvietta, olio o latte detergente.
Male che vada, comunque, li useranno gli altri membri della famiglia!

6- Copertine
 Di cotone, lana, microfibra. Servono, soprattutto se abitate in luoghi freddi per molti mesi all’anno, però se non si tratta di un primo figlio, meglio non esagerare, visto che occupano spazio negli armadi e non si consumano, dunque i secondogeniti ne avranno già a disposizione.

7- Doudou

Per me, sono la salvezza, al pari del ciuccio, soprattutto dopo i primi mesi, nei momenti di distacco da mamma e papà, per l’ingresso la nido o la permanenza da nonni e baby setter, quali oggetti transizionali.
E poi, volete mettere la loro bellezza e tenerezza?!?

8- Album del neonato


Per una amante delle foto come me, è immancabile. 
Credo comunque che possa piacere a tutte le mamme (e ai papà), anche perché certi ricordi, se non vengono immediatamente fermati e registrati, tendono a sbiadire con il tempo. Inoltre ce ne sono di veramente carini e potranno essere sfogliati da genitori e figli, a differenza delle foto digitali e dei diari online, quando i piccoli saranno cresciuti, ricordando momenti preziosi trascorsi insieme e i traguardi che commuovono le mamme di tutto il mondo!
Io me lo sono comprato da sola, sia per il ricciolino che per i gemelli (per i quali, per la verità, ho trovato solo due modelli) e sono molto soddisfatta del mio acquisto!

9- Sdraietta


È un regalo di sicura utilità, pur se economicamente più impegnativo. Si trovano comunque anche modelli semplici e leggeri, peraltro comodissimi, a costi molto contenuti. 
A noi ne hanno regalate due, una alla nascita del ricciolino, usata sino verso i nove mesi ed una, da un'amica lungimirante, alla nascita dei gemelli. Le sto usando moltissimo entrambe, avendo due neonati!!!
Prima dell’acquisto, però, informatevi presso genitori o amici comuni: a meno che non abbiano due gemelli, è meglio non regalarla se ne hanno già una, poiché si tratta di un oggetto comunque ingombrante, a meno che non pensiate possa servire per la casa dei nonni!
Lo stesso consiglio vale per il prossimo suggerimento di dono.

10- Sterilizzatore
A me è giunto in prestito e, sinceramente, prima di utilizzarlo non pensavo fosse utile.
Con il ricciolino avevo usato il classico sistema della bollitura per dieci minuti,
pero' era inverno, dunque faceva freddo e, soprattutto, iera un solo bimbo!
Con i gemelli ed il caldo di questa estate, mi sono resa conto in fretta che avere costantemente un calderone bollente in cucina era tutt’altro che una situazione ideale, dunque stavo valutando l’acquisto di uno sterilizzatore elettrico da sei biberon.
Poi è arrivato il prestito e …mi ci trovo benissimo!
In commercio esistono vari modelli, elettrici e a microonde (attenti però alle dimensioni, affinché entri in quello dei destinatari) e di vari prezzi.
Potrete così facilitare la vita delle mamme che non allattano o usano l’allattamento misto, nonché di papà, nonni ecc. !!!
Tra l’altro, lo sterilizzatore evita anche un’altro inconveniente: l’accumulo di calcare sul biberon, la tettarella e la ghiera, che si verifica con le bolliture quando l’acqua dell’acquedotto locale è molto calcarea.
Basterà lavare accuratamente la vaschetta dello sterilizzatore una volta al giorno e/o usare acqua distillata.

11- Libri
(Lo so, ho scritto "top ten" ma..solo perchè era un titolo piu' accattivamente)
Libri di stoffa, tattili, cartonati o in plastica per il bagnetto, da passeggino ecc.
Oppure una bella raccolte di fiabe.
Non è mai troppo presto per incominciare a leggere una storia ai bambini e lasciare che prendano confidenza con i libri!

E per la mamma? 
In fondo, è lei che ha fatto e fare il grosso del lavoro i primi mesi e dunque un dono lo merita di certo!
Quale? A breve su questo blog.