giovedì 16 novembre 2017

Di gelosia, pavor nocturnus e sonnambulismo

A quattro mesi e mezzo dalla nascita dei fratellini, il ricciolino inzia a manifestare un pò di gelosia e chiede attenzioni.
Circostanza che mi rassicura, in un certo senso, perchè preferisco che esterni il suo malumore, quando c'è e chieda coccole, piuttosto che tacere e stare male.
Almeno così posso parlargli e correre ai ripari, per quanto possibile.

Il momento in cui si manifesta di più la gelosia è la sera.
I piccoli, infatti, dormono in camera con me/noi, per evitarmi di fare le scale continuamente. Il ricciolino, però, ha la nuova cameretta al piano di sopra.
Un pò perchè non è ancora abituato alla nuova casa, un pò perchè è l'unico a dormire sopra (anche se le porte ancora non ci sono!!!), un pò per i fratellini, vuole dormire nel lettone o, comunque, vi arriva durante la notte, praticamente sempre.
Ad essere sincera, a me non disturba più di tanto, dal momento che comunque il sonno interrotto ce l'ho sempre, però tentiamo di non fargli prendere l'abitudine.
Però, insomma, le notti si stanno facendo troppo movimentate in questo periodo!

Una notte, verso le due, io e l'Alpmarito veniamo svegliati di soprassalto da un botto e rumore di ceramica/vetro che si rompe.
Ci mettiamo a sedere spaventati e ci accorgiamo che il ricciolino si è infilato nel lettone.
Io penso subito a ladri, l'Alpmarito, razionale, obietta che sarebbero ladri ben maldestri per fare tutto questo chiasso.
Ci alziamo e controlliamo la casa, in cerca della fonte del rumore. Nulla.
Mentre stiamo tornando a letto, quasi inciampo su un piatto. Sì, un piatto fondo di ceramica, per terra davanti al fondo del letto.
L'Alpmarito allora collega il tonfo al senso di pressione sui piedi che ha sentito subito prima di girarsi e sentire il rumore.
Evidentemente il piatto era stato posato in fondo al letto e lui, muovendosi, ne ha provocato la caduta.
Il mistero però, è come ci sia finito, visto che entrambi siamo sicuri che la sera non fosse lì!

Noi, una spiegazione ce la siamo data, soprattutto perchè la mattina, il ricciolino ci ha confidato di aver avuto fame durante la notte...

Eh già.
Ci sono stati un paio di episodi di pavor nocturnus, con il ricciolino che gridava nel letto con gli occhi sbarrati, dormendo, sudaticcio.
Poi ci sono gli incubi di cui racconta ogni tanto al mattino e..episodi di sonnambulismo.
Una notte ho sentito che il ricciolino scendeva le scale e si dirigeva verso quelle che portavano all'ingresso, dove avevamo dimenticato la luce accesa, chiamando suo padre.
Peccato che il suddetto padre avesse dato una mano di tintura protettiva ad acqua la sera prima sugli scalini di legno e dunque dovessero asciugare...
Mi sono precipitata a fermarlo, scoprendo che dormiva.
Un'altra notte l'ho trovato che piagnucolava in bagno, poichè dormendo cercava di tirare su l'asse del wc per fare pipì e non lo trovava, perchè era già su.
Piu' spesso, lo sento o lo vedo parlare, andare a bere, spostare giochi o cuscini..tutto dormendo.

Altri genitori, mia madre e mia suocera in primis, mi hanno assicurato che l'inizio della sucola elementare ed i 6/7 anni per molti bambini sono il momento dei primi incubi e pure mio fratello maggiore e mio marito sono stati sonnambuli, da bambini (va bè, l'Alpmarito ancora parla, nel sonno, ma solo in francese!!!), dunque la cosa non ci preoccupa, anche perchè questi episodi si verificano sia che dorma con me/noi o da solo (segno che non è questione di gelosia o di paura dettata dalla solitudine) ma...confesso che prima di dormire controllo finestre, porte e gas...non si sa mai!

E voi, confermate che ci sono periodi in cui i bambini hanno un pò di incubi? Se sì, quando è successo ai vostri figli?