Visualizzazione post con etichetta vita con tre figli. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta vita con tre figli. Mostra tutti i post

venerdì 3 luglio 2020

Acchiappa le farfalle: un gioco da creare facilmente con i bambini!


Dai #3anni con assistenza, un giochino facile e veloce per sviluppare coordinazione motoria e riflessi. 
Da farsi seduti ad un tavolo o correndo in giro per una stanza.
Un gioco perfetto per caldi pomeriggi estivi.
L'idea non è mia ma viene dalle insegnanti di una vicina scuola materna.
CACCIA ALLE FARFALLE!

Occorrente:
 - due fogli di carta
 - una bacchetta di legno a bambino + 1 per l'acchiappa farfalle; in alternativa cannucce di plastica
 - colori ( matite,pennarelli o tempere, a scelta)
- nastro adesivo
- forbici



Procedimento:
Disegnare una farfalla per  bimbo sul foglio, colorarla a piacere, ritagliarla lungo il contorno o, ancora meglio, lasciando un ovale e poi fissarla a bastoncino o cannuccia sul retro,con il nastro adesivo.
Disegnare un reticolato quadrato o rettangolare su un altro foglio di carta, ritagliarlo e fissarlo ad un'altra cannuccia o bastoncino

Un bambino gioca a essere la retina acchiappa farfalla e gli altri le farfalle.
La retina deve prendere le farfalline svolazzanti, schiacciandolo sul tavolo o toccandole in volo, se si gioca in movimento.





Ai miei bimbi è piaciuto molto, anche se farfalle e retino hanno rischiato presto la distruzione!!!

Se volete che durino un po' piu' a lungo, consiglio di usare dei cartoncini e dei bastoncini di legno, anzichè carta e cannucce. E' anche vero che, come realizzate da noi, sono innocue anche se i bimbi decidono di colpire la testa dei rispettivi fratello/sorella, anzichè le farfalle!

giovedì 25 giugno 2020

Il vaso delle emozioni: creare con i bambini!


Il vaso delle emozioni. 

 

Prendendo spunto da un video delle educatrici del nido dei gemelli, durante la quarantena io ed i bambini abbiamo preparato questo vaso delle emozioni e i fiori colorati che esprimono gioia, rabbia, paura, stupore e tristezza, per aiutare i piccoli a riconoscere ed esprimere le loro emozioni e comprendere anche quelle,non sempre positive, di mamma e papà!

Occorrente:
- 5 Cannucce colorate o 5 bastoncini di legno
- Cartoncini colorati (5 colori + uno per foderare il vasetto,se volete) e bianchi o cartoncini bianchi e pennarelli colorati.
- Matita, gomma, colla, scotch e forbici
- Un vasetto di plastica (noi abbiamo usato quello dello yogurt da 500 gr, ben pulito)
- Un disco di poliestere del diametro del vasetto o altro materiale in cui "infilzare" i bastoncini/cannucce (noi abbiamo usato il coperchio della vaschetta del gelato). Procedimento:
Come si realizza?

Tracciate con la matita, con l'aiuto di un compasso o di un oggetto rotondo, 5 dischi di cartoncino bianco, su cui disegnare le espressioni dei fiori : gioia, rabbia,paura, tristezza, stupore/curiosità.
Ovviamente potete anche cambiare le emozioni o aggiungerne altre, a vostro piacimento.
Ritagliate i dischi.
Poi disegnate le corolle dei fiori usando cartoncini colorati o bianchi da colorare, ritagliateli ed incollate il disco bianco in centro.

Attaccate una estremità della cannuccia o del bastoncino dietro a ciascun fiore, con lo scotch.
Rivestite con un altro cartoncino il vasetto o coloratelo e decoratelo direttamente.
Preparate all'interno del vasetto un disco su cui praticare dei fori per "piantare" i fiori 
..et voilà, il vostro vaso delle emozioni è pronto e fiorito!
In questo modo potrete giocare con le emozioni con i bimbi piu' piccoli e intrattenere nel "lavoretto creativo" i piu' grandi. Tra l'altro, sono fiori che non appassiscono mai e possono decorare una finestra o mensola spoglia!


martedì 23 giugno 2020

Auguri Orsetto e Principessa ! TRE ANNI !

Dopo lunghi mesi di assenza dal blog, ho scelto oggi per tornare su questo schermo.
Perchè oggi voi, miei piccoli gemelli monelli, compite 3 anni.

TRE ANNI
TRE ANNI
(nei vostri colori preferiti)



tre anni da quel pomeriggio in cui decisero di indurmi il travaglio, facendomi firmare che accettavo di correre il rischio, purtroppo nel mio caso molto alto, di rimetterci la vita per farvi nascere.
Tre anni da quel pomeriggio, dopo 15 lunghi giorni di ricovero, in cui mi dissero: "Finalmente sapremo se il maschietto è sano o no". Quando il no significava una "malformazione incompatibile con la vita".
Tre anni da quel pomeriggio in cui delle mie paure, di queste paure, di queste possibilità nefaste, avevo parlato solo con mio marito e mia madre, perchè nessuno poteva farci nulla e, con il fatalismo che a volte mi contraddistingue, sapevo che dal parto avrei dovuto passare e dunque tanto valeva affrontarlo cercando di restare serena, per quanto consentito dalla situazione. E sia quel che sia.

Ho rischiato davvero e c'è stato un momento in cui ho creduto che non avrei aperto gli occhi, eppure alla fine me la sono cavata con poco e loro pure.
Tre anni da quella notte in cui siete nati, con un travaglio lampo, piccoli, per me all'epoca minuscoli ma perfettamente sani.

Tre anni dall'esperienza di avere un figlio in TIN,che non dimentichero' mai.
Tre anni da un ricovero pre e post parto pesante, in cui ho capito su cui potevo davvero contare.

TRE ANNI DIVERSI DA COME LI AVEVO IMMAGINATI, CERTO. MA DI SICURO MOLTO INTENSI !


Tre anni di voi, oggi gemelli monelli piu' uniti e simpatici che mai.



Con tutti i difetti e i pregi di ogni bambino di tre anni ma la forza di un legame speciale, tra voi e con il vostro fratellone.
Tre anni di caratteri tosti e radicalmente differenti, che vi rendono unici e speciali. Come i vostri sorrisi ed i vostri discorsi.

Anche voi avete patito, in questi ultimi mesi, ed ancora vi manca la vostra "vita normale" di nido, amate educatrici, giochi con gli amichetti che conoscete ormai da tempo e nonni.
Mi avete fatto pentire piu' di una volta di aver desiderato un secondo figlio, ma poi passava ed è solograzie a voi e a vostro fratello, solo grazie a voi tre, se ho continuato a sorridere in questi mesi, se siamo stati e siamo felici, se ridiamo, giochiamo e guardiamo al futuro.


Voi, in tutti i sogni miei da tre anni e...anche un po' negli incubi,

 a partire dal ricordo dei viaggi divisa tra di voi, uno in TIN a Torino, l'altra a casa in Valle d'Aosta, per passare alle difficoltà di far mangiare l'uno e saziare l'altra, alle 12 poppate al giorno, ai malanni, al badare da sola a voi con un ginocchio rotto, all'impossibile conciliazione tra figli e lavoro, all'operazione, al trasloco in una casa ancora in cantiere, praticamente da sola, con due gemelli prematuri di tre mesi, un sienne ed un marito all'estero.

Voi, che fate impazzire a momenti alterni, di amore e disperazione, sia noi che il vostro fratellone.

 

Eppure siamo qui, insieme, pronti a spegnere le candeline per voi.

Perchè tre anni non sono piu' "dui" e vi aspettano tante nuove meravigliose avventure, ogni giorno.

E a noi con voi !

🎂🎂🎂  💜💙💛

Buon compleanno Orsetto e Principessa !!!




domenica 19 aprile 2020

NEGLI OCCHI DEI BAMBINI, DOMANDE

NEGLI OCCHI DEI BAMBINI, DOMANDE
 


In questi giorni leggo spesso esaltazioni della capacità dei bambini di essere piu' forti, resistenti, adattabili e resilienti di noi adulti.
Leggo (meritati) elogi dei bambini. 
Ascolto rassicurazioni generiche sulla loro salute ad uso e consumo degli adulti (state tranquilli, i bambini stanno bene, a loro basta poco, per essere felici).
Chissà perchè, in molti credono che i bambini abbiano tutte le risposte, ovvero che conti solo essere con le persone che amiamo e piu' o meno in salute, per essere felici.
Agli adulti che si interrogano sull'efficacia di questa chiusura (o clausura?), che si angosciano per l'assenza di piani per il futuro, che faticano sempre a piu' a rispettare regole rigide imposte a suon di sanzioni, si risponde di prendere esempio dai bambini che si adattano senza lamentarsi e senza preoccuparsi del domani.



Io penso che la realtà sia diversa da questa visione zuccherata e sdolcinata.

Penso che i bambini obbediscano perchè è cio' che gli imponiamo di fare e perchè come tutti i cuccioli del mondo si affidano ai loro genitori.
Penso che si lamentino, solo che lo fanno senza scrivere su facebook, senza scrivere, a volte senza neppure parlare.
Penso che si stiano adattando (come noi adulti, peraltro, perchè altrimenti ci saremo già lanciati dalla finestra), ma che non lo facciano in silenzio bensi' silenziati.
Non conosco tutti i bambini del mondo.
Forse non conosco davvero neppure i miei.
Pero' li osservo, ascolto i racconti delle amiche e leggo i commenti di altre mamme riguardo i propri. E raccontano di una realtà diversa.
 
Nei loro disegni, vedo domande e non risposte,
non tratteggiano la speranza ma urlano i loro bisogni;

Sento l'incertezza e la paura,
nei pianti notturni dei piccoli, che erano spariti da un pezzo e ora sono tornati,
negli sfoghi isterici del grande,
nell'opposizione ad ogni proposta, nel tentativo di avere il controllo su una qualunque decisione,
nella loro richiesta di vicinanza e coccole, che aumenta in modo proporzionale al tempo che passiamo insieme, anzichè viceversa;

percepisco la tristezza e la nostalgia
nelle lacrime che si affacciano agli occhi non appena chiama l'educatrice,
al sentire la voce dei nonni al telefono,
nel rifiuto di salutarmi quando esco per fare la spesa, senza poteri portare con me,
nella testolina che si china e nelle spalle che si afflosciano, alla ripetizione del divieto di oltrepassare il vialetto di casa,
all'ennesimo "no, anche oggi non si va al nido, è ancora chiuso",
alla negazione anche della possibilità di andare a vedere i fiori, nei campi vicino a casa,

sento crescere l'insofferenza e la rabbia,
quando si affrettano a spegnere la tv o a cambiare canale, ad ogni ipocrita richiesta di "aiutare chi ci aiuta", ad ogni nausente ripetersi di parternalistiche e sciocche raccomandazioni ("programmate le vostre giornate in casa, fate esercizio fisico e tenete l'ambiente pulito"), ad ogni incomprensibile snocciolare di dati di decessi e contagiati,
quando chiediamo loro di aiutarci a preparare tavola,
li invitiamo a rimettere in ordine i giochi o andare a dormire,
nei loro litigi,
nel loro chiudersi in camera sempre piu' spesso, tagliando fuori noi e ora l'uno o l'altro dei fratelli, come precocissimi adolescenti in cerca di riservatezza;

colgo la ribellione,
nel rifiuto a videochiamare i nonni o gli zii un'altra volta,
nello scrivere un tema su questi giorni a casa da trasmettere alle maestre,
nel disegnare ancora "segnali di speranza",
nel cantare e ballare guardando video sul tablet,
nell'iniziare un lavoretto creativo,
nel cimentarsi in un percorso motorio,
quando nei primi giorni accoglievano con entusiasmo ognuna di queste proposte,


Queste attività non gli bastano piu' , ormai. 
           Hanno compreso che sono solo un palliativo alle mancanze.
Noi non gli bastiamo piu' noi, ormai.


Cerchiamo di rassicurarli come possiamo ma loro lo hanno capito, che non abbiamo risposta a cio' che ci chiedono.
Che neppure noi sappiamo quando potremo tornare a correre nei prati, camminare per i sentieri di montagna, mangiare con gli amici, guardarli giocare ai gardinetti, abbracciare i nonni, accompagnarli a scuola, a musica e agli allenamenti sportivi.


E allora i bambini tornano a giocare, ad inventare scenette e canzoncine, a rifugiarsi in un libro, a guardare un cartone. Tornano a ridere, saltellare e sorridere. Ci offrono un abbraccio o un fiorellino, cercando di resistere e rassicurarsi, esattamente come noi con loro.

I bambini sanno vivere nel presente meglio di noi, questo è certo.

Sono ancora abbastanza sereni ed allegri.
Eppure.

Io leggo domande, negli occhi dei miei figli, 
vedo insofferenza, nei loro gesti, percepisco incertezza, nei loro pianti, sento crescere l'insofferenza e la rabbia, colgo la ribellione.
Sento i loro momenti di tristezza.
Intravedo i primi segnali di una ancor piu' pericolosa apatia.
E la delusione.

Pero' forse quest'ultima è solo mia e non sono certamente i bambini, a deludermi.
























venerdì 28 febbraio 2020

Carnevale 2020: tra sfilate e Coronavirus

Chi mi legge da qualche anno sa che noi ci dividiamo tra due carnevali, entrambi bellissimi, entrambi particolari, entrambi storici ed, ahimè, entrambi negli stessi giorni: il Carnevale di Ivrea e quello di Pont Saint Martin.


Quest'anno, ben prima che si scatenasse il panico da Coronavirus, avevamo deciso di partecipare attivamente al Carnevale di Pont Saint Martin, sfilando in una delle Insulae, dedicando solo un giorno al Carnevale di Ivrea.
Una decisione dettata dall'età di Orsetto e Principessa (finalmente in grado di sfilare ma non ancora di tirare le arance ma neppure più di stare buoni e tranquilli sul passeggino a osservare noi ed il ricciolino farlo) e dalla compagnia di amici del ricciolino.


Mai come quest'anno, però, avrei voluto essere a Ivrea.
Essere anche io, in Borghetto, nell'unico giorno di tiro, ed in giro per la città, al seguito di Mugnaia e Generale in abito civile, dopo l'annullamento delle restanti giornate del Carnevale.
Non tutti gli eporediesi e gli arancieri sono stati d'accordo con la forma di protesta pacifica che si è svolta tra le strade e le piazze della città. Non tutti hanno apprezzato la disobbedienza all'ordinanza.
Io, per varie ragioni che non starò qui a spiegare, sì.

Invece non c'ero fisicamente (con la testa e con il cuore, però...) ed ero a Pont Saint Martin.
E' andata bene anhche così.
Sfilare è stato bello, così come partecipare attivamente alla festa.
E anche gli altri giorni, quelli dei carri allegorici e dei gruppi a piedi, hanno reso felici i bambini e noi con loro.
Ci siamo stancati, divertiti e siamo stati in compagnia.
Insomma, il Carnevale è stato lo stesso di sempre, a Pont Saint Martin (AO) e la Valle d'Aosta ha continuato a vivere e lavorare come sempre (eccetto per il cospicuo numero di milanesi e dintorni che, a loro volta disobbedendo di fatto alle regole dettate dal Governo, hanno approfittato delle chiusure di scuole e uffici per venire in montagna o al carnevale o a fare incetta di generi alimentari nei supermercati dei dintorni...)

E' stato il Carnevale dell'Insula Lys, per noi... 


della corse delle bighe...


dello zucchero filato...




e  dei costumi...




delle mimose...


dei coriandoli...



delle parate...








...del carnevale dei piccoli e del rogo del loro diavolo...





ed è stato bello.
 
Mi sono mancate le casacche verdi e rosse, i corvi neri, i pifferi e tamburi di Ivrea e le arance.
Ho la certezza, però, che il prossimo anno me le godrò ancora più intensamente e con me anche tutti gli eporediesi che amano il Carnevale.
 Infine, il mio pensiero va a chi, con l'annullamento, non ha perso solo una festa ma ha subito un danno economico non solo ad Ivrea, ma in giro per tutta l'Italia, forse ingiustificato.

venerdì 14 febbraio 2020

È per questo che i figli si ammalano

È per questo che i figli si ammalano.

Per ricordarci quanto bisogno abbiamo, loro delle coccole,noi delle loro braccine strette intorno al collo.
Per costringerci a fermarci e perderci a guardare i loro occhi lucidi di febbre e pieni di amore.
Per spazzar via ogni altra preoccupazione che non sia in primis per la loro salute.
Per farci ridimensionare le aspettative, riprogrammare le giornate e rinviare il rinviabile,
constatando che sì,si può.
E a recuperare ci penseremo poi, ché è vero che a tutto c'è rimedio,quando c'è la salute,come ci diceva la nonna.


È per questo che i figli si ammalano.
Per ricordarci l'importanza dei piccoli gesti di cura, il potere nutriente di una minestrina, il valore di un abbraccio, il piacere dei grattini sul pancino,l'avvolgente della copertina sul divano, l'ipnosi sonnacchiosa indotta da una maratona di cartoni.
Per farci eccheggiare, nei gesti e nella mente, l'eco delle raccomandazioni materne.
Per rammentare quanto sia indispensabile per guarire, l'amore.

È per questo che i figli si ammalano.
Per fare tornare unico, anche solo per una manciata di ore, il figlio che non lo è più.
Per fare assaporare l'esclusiva a chi non l'ha mai provata.
Per avere il privilegio di ascoltare la sua vicina un po'incerta eppur squillante, nel silenzio delle ore normalmente dedicate al lavoro.
Per indurci a tenere stretta la sua manina nella  nostra,n accorgendoci di quanto sia già cresciuta.
Per indurci a vegliare il loro sonno, come quando erano neonati, accarezzando i capelli sudati ed il visetto arrossato, sospirando ad ogni colpo di tosse.

È per questo che i figli si ammalano.
Per darci una buona scusa per acquistare un pacchetto di figurine,un giochino inutile, un giornalino, anche se diseducativi.
Per spingerci ad offrire una caramella,anche prima dei pasti, anche con i denti appena lavati.
Per vederli cresciuti, dopo, di qua che centimetro, come saggezza popolare vuole.

È per questo che i figli si ammalano.
Per mostrarci quanto sono forti e non farci dimenticare quanto sono ancora piccoli, e fragili.
Per amarli ancora di più, mentre il mondo corre dietro i vetri della cameretta.

Perché non c'è amore come il loro per noi, innamorato più innamorato di noi per loro.
Anche se è San Valentino.

giovedì 13 febbraio 2020

Come organizzare vestiti, materiale scolastico e armadi con Stikets

Qualche giorno fa, dopo aver completato l'iscrizione on line dei gemelli, Orsetto e Principessa, alla scuola materna o scuola dell'infanzia, come si chiama ora (non sto a scrivervi con quanta emozione e con quale miscuglio di sentimenti ambivalenti!), ho iniziato a pensare a preparare il loro "corredo". 

L'esperienza del nido con tre figli e quella con il ricciolino, sia a scuola che durante le attività sportive, mi ha insegnato che vanno applicate etichette personalizzate su tutti i vestiti ed oggetti personali perchè altrimenti, se non spariscono per sempre (nel nostro caso, prima o poi ogni singolo calzino, canottier, federa, asciugamano a e maglietta è tornato a casa), a volte non si trovano per mesi, presi per sbaglio da altri nonni o genitori, dispersi  in mezzo ai giochi o alla biancheria della scuola ecc.

Ho già usato e continuo ad usare le etichette personalizzate adesive e termoadesive per oggetti e vestiti, che avevo provato per la prima volta un paio di anni fa, però per questo nuovo ciclo scolastico "formato doppio", ho pensato di provare un sistema più rapido e pratico.
Considerate, infatti, che con i gemelli devo apporre etichette personalizzate sul doppio dei corredi per la scuola e dei cambi di vestiti, senza dimenticare l'abbigliamento del ricciolino (soprattutto per i centri estivi, le gite e le gare con il pulmino con la squadra di mountain bike e di sci di fondo) ed il materiale scolastico di ricambio, quaderni in primis, che altrimenti si potrebbe perdere o essere scambiato con quello dei compagni.


Così ho pensato di provare un timbro personalizzato.
Quello proposto da Stikets è adatto sia agli indumenti che agli oggetti e si può personalizzare sia nel testo che nel simbolo, scegliendo tra due fomati (rettangolare e rotondo).

Un consiglio pratico: se come me avete più figli e volete economizzare oppure comunque pensate di dover etichettare e personalizzare oggetti e vestiti per tutto il ciclo scolastico e per le attività sportive, vi conviene di personalizzare il vostro timbro con un soggetto non troppo infantile, adatto alla crescita, e usare il cognome anzichè il nome, così da poter usare lo stesso timbro personalizzato su vestiti e quaderni di tutti ed ottimizzare tempo e spesa.

Ordinato il 4 febbraio a mezzogiorno, la mattina del 7 febbraio il pacco con il timbro personalizzato era già alla mia porta!
Non ho resistito e l'ho aperto subito, cominciando a timbrare biancheria, felpe, magliette...



Il timbro è molto simile a quello che uso in ufficio, dunque non ho avuto difficoltà ad inserire l'inchiostro. In ogni caso, la scatolina in cui è contenuto riporta le istruzioni illustrate.



Sui vestiti, si è rivelato un sistema di etichettatura pratico e rapidissimo, con ottima resa (più di quanto immaginassi), a patto di stendere con accuratezza i vestiti o l'etichetta prima dell'applicazione e di non lasciarlo usare ai bambini (io ad un certo punto ho ceduto un paio di volte ..ahimè..).
Con i vestiti più scuri, ho "timbrato" le etichette con la taglia o le istruzioni di lavaggio, con gli altri direttamente il tessuto.
Ho potuto "timbrare" anche libri e quaderni di scuola del ricciolino ed i jeans!


Poi, siccome sono come San Tommaso, prima di scriverne qui sul blog, ho voluto "testare" la tenuta del timbro, che è garantita per 60 lavaggi a 30°.
Peccato che io avessi memorizzato il contrario e abbia provato a lavare a 60°!
Ecco il risultato (no, non stiro i vestiti dei figli, tranne le camicie, quindi portate pazienza per la stropicciatura..): invariato. Timbro promosso!
p.s. Voi però non fate come me e tenetevi sui 30°/40°, non si sa mai... altrimenti, male che vada, ritimbrate!


p.s. Sul sito Stikets vengono vendute anche le cartucce di inchiostro di ricambio, così da usare il timbro all'infinito.

Già che ero sul negozio on line per l'ordine, ho preso anche una toppa dei pirati ricamata, per provarla sui jeans del piccoletto di casa, che segue le orme del fratellone quanto a rapidità e destrezza nel bucare i pantaloni, e le etichette di lavagna adesive per cucina / mobili/ scatole, per provare a fare ordine negli armadi e nei pensili.

La toppa termoadesiva è arrivata imbustata con le istruzioni per il fissaggio illustrate e persino il foglio di carta forno da usare sotto il ferro da stiro.
Colori brillanti, ben rifinita e facile da applicare, la sera stessa l'avevo già usata, con soddisfazione di Orsetto, che ha potuto rimettersi i suoi jeans, "come il mio papà".
Inoltre il prezzo della toppa (2,95 Euro) - c'è anche la versione femminile, ovvero la piratessa - è inferiore a quello che pago di solito acquistando in merceria (qui le toppe rettangolari piccole costano almeno 4 euro l'una e, purtroppo, non c'è molta scelta di soggetti per bambini, a meno di non guardarle a catalogo ed ordinarle con anticipo..).

Mi sono trovata bene anche con le etichette di lavagna adesive, perchè si può scrivere sia con i pennarelli a gesso liquido, sia con i classici gessetti che già usano i bambini per disegnare, che avevo già in casa.



Se siete interessati a provare il timbro personalizzato o altri prodotti Stikets, sappiate che potete utilizzare un codice sconto (del 10%),  dedicato a voi che mi leggete:

MAVVOC10 

valido fino a fine febbraio.
 
Io l'ho già usato, questa mattina stessa, per acquistare altre toppe termoadesive, ricamate e non (tra l'altro, dopo la prima toppa inserita nel carrello, le altre vengono scontate di 0,50 centesimi l'una, quindi diventano ancora più convenienti e la spedizione è gratuita dai 10,00 Euro), a mie esclusive spese.

*Post sponsorizzato