Visualizzazione post con etichetta vita con tre figli. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta vita con tre figli. Mostra tutti i post

venerdì 28 febbraio 2020

Carnevale 2020: tra sfilate e Coronavirus

Chi mi legge da qualche anno sa che noi ci dividiamo tra due carnevali, entrambi bellissimi, entrambi particolari, entrambi storici ed, ahimè, entrambi negli stessi giorni: il Carnevale di Ivrea e quello di Pont Saint Martin.


Quest'anno, ben prima che si scatenasse il panico da Coronavirus, avevamo deciso di partecipare attivamente al Carnevale di Pont Saint Martin, sfilando in una delle Insulae, dedicando solo un giorno al Carnevale di Ivrea.
Una decisione dettata dall'età di Orsetto e Principessa (finalmente in grado di sfilare ma non ancora di tirare le arance ma neppure più di stare buoni e tranquilli sul passeggino a osservare noi ed il ricciolino farlo) e dalla compagnia di amici del ricciolino.


Mai come quest'anno, però, avrei voluto essere a Ivrea.
Essere anche io, in Borghetto, nell'unico giorno di tiro, ed in giro per la città, al seguito di Mugnaia e Generale in abito civile, dopo l'annullamento delle restanti giornate del Carnevale.
Non tutti gli eporediesi e gli arancieri sono stati d'accordo con la forma di protesta pacifica che si è svolta tra le strade e le piazze della città. Non tutti hanno apprezzato la disobbedienza all'ordinanza.
Io, per varie ragioni che non starò qui a spiegare, sì.

Invece non c'ero fisicamente (con la testa e con il cuore, però...) ed ero a Pont Saint Martin.
E' andata bene anhche così.
Sfilare è stato bello, così come partecipare attivamente alla festa.
E anche gli altri giorni, quelli dei carri allegorici e dei gruppi a piedi, hanno reso felici i bambini e noi con loro.
Ci siamo stancati, divertiti e siamo stati in compagnia.
Insomma, il Carnevale è stato lo stesso di sempre, a Pont Saint Martin (AO) e la Valle d'Aosta ha continuato a vivere e lavorare come sempre (eccetto per il cospicuo numero di milanesi e dintorni che, a loro volta disobbedendo di fatto alle regole dettate dal Governo, hanno approfittato delle chiusure di scuole e uffici per venire in montagna o al carnevale o a fare incetta di generi alimentari nei supermercati dei dintorni...)

E' stato il Carnevale dell'Insula Lys, per noi... 


della corse delle bighe...


dello zucchero filato...




e  dei costumi...




delle mimose...


dei coriandoli...



delle parate...








...del carnevale dei piccoli e del rogo del loro diavolo...





ed è stato bello.
 
Mi sono mancate le casacche verdi e rosse, i corvi neri, i pifferi e tamburi di Ivrea e le arance.
Ho la certezza, però, che il prossimo anno me le godrò ancora più intensamente e con me anche tutti gli eporediesi che amano il Carnevale.
 Infine, il mio pensiero va a chi, con l'annullamento, non ha perso solo una festa ma ha subito un danno economico non solo ad Ivrea, ma in giro per tutta l'Italia, forse ingiustificato.

venerdì 14 febbraio 2020

È per questo che i figli si ammalano

È per questo che i figli si ammalano.

Per ricordarci quanto bisogno abbiamo, loro delle coccole,noi delle loro braccine strette intorno al collo.
Per costringerci a fermarci e perderci a guardare i loro occhi lucidi di febbre e pieni di amore.
Per spazzar via ogni altra preoccupazione che non sia in primis per la loro salute.
Per farci ridimensionare le aspettative, riprogrammare le giornate e rinviare il rinviabile,
constatando che sì,si può.
E a recuperare ci penseremo poi, ché è vero che a tutto c'è rimedio,quando c'è la salute,come ci diceva la nonna.


È per questo che i figli si ammalano.
Per ricordarci l'importanza dei piccoli gesti di cura, il potere nutriente di una minestrina, il valore di un abbraccio, il piacere dei grattini sul pancino,l'avvolgente della copertina sul divano, l'ipnosi sonnacchiosa indotta da una maratona di cartoni.
Per farci eccheggiare, nei gesti e nella mente, l'eco delle raccomandazioni materne.
Per rammentare quanto sia indispensabile per guarire, l'amore.

È per questo che i figli si ammalano.
Per fare tornare unico, anche solo per una manciata di ore, il figlio che non lo è più.
Per fare assaporare l'esclusiva a chi non l'ha mai provata.
Per avere il privilegio di ascoltare la sua vicina un po'incerta eppur squillante, nel silenzio delle ore normalmente dedicate al lavoro.
Per indurci a tenere stretta la sua manina nella  nostra,n accorgendoci di quanto sia già cresciuta.
Per indurci a vegliare il loro sonno, come quando erano neonati, accarezzando i capelli sudati ed il visetto arrossato, sospirando ad ogni colpo di tosse.

È per questo che i figli si ammalano.
Per darci una buona scusa per acquistare un pacchetto di figurine,un giochino inutile, un giornalino, anche se diseducativi.
Per spingerci ad offrire una caramella,anche prima dei pasti, anche con i denti appena lavati.
Per vederli cresciuti, dopo, di qua che centimetro, come saggezza popolare vuole.

È per questo che i figli si ammalano.
Per mostrarci quanto sono forti e non farci dimenticare quanto sono ancora piccoli, e fragili.
Per amarli ancora di più, mentre il mondo corre dietro i vetri della cameretta.

Perché non c'è amore come il loro per noi, innamorato più innamorato di noi per loro.
Anche se è San Valentino.

giovedì 13 febbraio 2020

Come organizzare vestiti, materiale scolastico e armadi con Stikets

Qualche giorno fa, dopo aver completato l'iscrizione on line dei gemelli, Orsetto e Principessa, alla scuola materna o scuola dell'infanzia, come si chiama ora (non sto a scrivervi con quanta emozione e con quale miscuglio di sentimenti ambivalenti!), ho iniziato a pensare a preparare il loro "corredo". 

L'esperienza del nido con tre figli e quella con il ricciolino, sia a scuola che durante le attività sportive, mi ha insegnato che vanno applicate etichette personalizzate su tutti i vestiti ed oggetti personali perchè altrimenti, se non spariscono per sempre (nel nostro caso, prima o poi ogni singolo calzino, canottier, federa, asciugamano a e maglietta è tornato a casa), a volte non si trovano per mesi, presi per sbaglio da altri nonni o genitori, dispersi  in mezzo ai giochi o alla biancheria della scuola ecc.

Ho già usato e continuo ad usare le etichette personalizzate adesive e termoadesive per oggetti e vestiti, che avevo provato per la prima volta un paio di anni fa, però per questo nuovo ciclo scolastico "formato doppio", ho pensato di provare un sistema più rapido e pratico.
Considerate, infatti, che con i gemelli devo apporre etichette personalizzate sul doppio dei corredi per la scuola e dei cambi di vestiti, senza dimenticare l'abbigliamento del ricciolino (soprattutto per i centri estivi, le gite e le gare con il pulmino con la squadra di mountain bike e di sci di fondo) ed il materiale scolastico di ricambio, quaderni in primis, che altrimenti si potrebbe perdere o essere scambiato con quello dei compagni.


Così ho pensato di provare un timbro personalizzato.
Quello proposto da Stikets è adatto sia agli indumenti che agli oggetti e si può personalizzare sia nel testo che nel simbolo, scegliendo tra due fomati (rettangolare e rotondo).

Un consiglio pratico: se come me avete più figli e volete economizzare oppure comunque pensate di dover etichettare e personalizzare oggetti e vestiti per tutto il ciclo scolastico e per le attività sportive, vi conviene di personalizzare il vostro timbro con un soggetto non troppo infantile, adatto alla crescita, e usare il cognome anzichè il nome, così da poter usare lo stesso timbro personalizzato su vestiti e quaderni di tutti ed ottimizzare tempo e spesa.

Ordinato il 4 febbraio a mezzogiorno, la mattina del 7 febbraio il pacco con il timbro personalizzato era già alla mia porta!
Non ho resistito e l'ho aperto subito, cominciando a timbrare biancheria, felpe, magliette...



Il timbro è molto simile a quello che uso in ufficio, dunque non ho avuto difficoltà ad inserire l'inchiostro. In ogni caso, la scatolina in cui è contenuto riporta le istruzioni illustrate.



Sui vestiti, si è rivelato un sistema di etichettatura pratico e rapidissimo, con ottima resa (più di quanto immaginassi), a patto di stendere con accuratezza i vestiti o l'etichetta prima dell'applicazione e di non lasciarlo usare ai bambini (io ad un certo punto ho ceduto un paio di volte ..ahimè..).
Con i vestiti più scuri, ho "timbrato" le etichette con la taglia o le istruzioni di lavaggio, con gli altri direttamente il tessuto.
Ho potuto "timbrare" anche libri e quaderni di scuola del ricciolino ed i jeans!


Poi, siccome sono come San Tommaso, prima di scriverne qui sul blog, ho voluto "testare" la tenuta del timbro, che è garantita per 60 lavaggi a 30°.
Peccato che io avessi memorizzato il contrario e abbia provato a lavare a 60°!
Ecco il risultato (no, non stiro i vestiti dei figli, tranne le camicie, quindi portate pazienza per la stropicciatura..): invariato. Timbro promosso!
p.s. Voi però non fate come me e tenetevi sui 30°/40°, non si sa mai... altrimenti, male che vada, ritimbrate!


p.s. Sul sito Stikets vengono vendute anche le cartucce di inchiostro di ricambio, così da usare il timbro all'infinito.

Già che ero sul negozio on line per l'ordine, ho preso anche una toppa dei pirati ricamata, per provarla sui jeans del piccoletto di casa, che segue le orme del fratellone quanto a rapidità e destrezza nel bucare i pantaloni, e le etichette di lavagna adesive per cucina / mobili/ scatole, per provare a fare ordine negli armadi e nei pensili.

La toppa termoadesiva è arrivata imbustata con le istruzioni per il fissaggio illustrate e persino il foglio di carta forno da usare sotto il ferro da stiro.
Colori brillanti, ben rifinita e facile da applicare, la sera stessa l'avevo già usata, con soddisfazione di Orsetto, che ha potuto rimettersi i suoi jeans, "come il mio papà".
Inoltre il prezzo della toppa (2,95 Euro) - c'è anche la versione femminile, ovvero la piratessa - è inferiore a quello che pago di solito acquistando in merceria (qui le toppe rettangolari piccole costano almeno 4 euro l'una e, purtroppo, non c'è molta scelta di soggetti per bambini, a meno di non guardarle a catalogo ed ordinarle con anticipo..).

Mi sono trovata bene anche con le etichette di lavagna adesive, perchè si può scrivere sia con i pennarelli a gesso liquido, sia con i classici gessetti che già usano i bambini per disegnare, che avevo già in casa.



Se siete interessati a provare il timbro personalizzato o altri prodotti Stikets, sappiate che potete utilizzare un codice sconto (del 10%),  dedicato a voi che mi leggete:

MAVVOC10 

valido fino a fine febbraio.
 
Io l'ho già usato, questa mattina stessa, per acquistare altre toppe termoadesive, ricamate e non (tra l'altro, dopo la prima toppa inserita nel carrello, le altre vengono scontate di 0,50 centesimi l'una, quindi diventano ancora più convenienti e la spedizione è gratuita dai 10,00 Euro), a mie esclusive spese.

*Post sponsorizzato

venerdì 22 novembre 2019

Le letture del ricciolino biondo e dei gemelli: "Siete tutti i miei preferiti" e "Ti amerò sempre"

 "Siete tutti i miei preferiti" 

Essere mamma di tre è complicato, per tutta una serie di motivi, organizzativi, economici, gestionali ma anche emotivi.
Perchè come mamma io amo tutti i miei tre figli, però non ho quasi mai la possibilità di dedicare del tempo esclusivo a ciascuno di loro e, comunque, anche quando accade a loro non basta mai.
Così come non basta loro mai il mio cercare di farli sentire tutti e tre speciali, voluti e importanti allo stesso modo per me.
D'altro canto, un pò di gelosia tra fratelli è normale e i sensi di colpa materni in questo ambito purtroppo pure.

Ben venga allora una storia semplice, adatta anche ai piccoli, che racconta in modo facile e universale perchè tutti i nostri figli sono i nostri preferiti.


Considerando poi che i protagonisti sono proprio tre dolci cucciolotti, come i miei bambini, e che le illustrazioni sono molto tenere, poteva non piacerci?!?

***

 "Ti amerò sempre"

Avrete di sicuro già letto o sentito parlare di questo albo, della casa editrice "Il leone verde".
Se no, correte ai ripari e procuratevelo.
Perchè è dolce, emozionante, tenero, sincero, vero, persino crudo.

Perchè racconta l'essenza dell'amore di ogni genitore verso il proprio figlio, senza se e senza ma, malgrado le diverse fasi, non sempre facili, della crescita del bambino (non solo quando sono teneri frugoletti ma anche nell'adolescenza, ad esempio, o nei terrible two) e dell'invecchiamento del genitore.


Semplicemente poetico.



Con questo post, partecipo al consueto appuntamento del venerdì del libro ideato da Paola.

giovedì 24 ottobre 2019

Son notti travagliate

Son notti travagliate

Attenzione: astenersi dalla lettura stomachi delicati !

Ogni genitore lo sa (e pure i nonni, se non hanno preferito dimenticarlo):
Signor Diarrea e Signorina Vomitina arrivano sempre di notte.
Possibilmente nel cuore della notte e nel pieno della fase REM.
Fanno la loro comparsa silenziosamente, senza bussare, senza telefonare prima per avvertire. Maleducati!
Quando si manifestano, è già troppo tardi per intervenire e salvare, per lo meno, letto e piumoni.
Sì, perché Signor Diarrea e Signorina Vomitina arrivano preferibilmente in autunno/inverno, meglio se quando diluvia da giorni.
Se è primavera, è di quelle piovose, 
se è estate, allora è quando si è in vacanza, rigorosamente in albergo o in casa altrui.


Signorina Vomitina io me la immagino come una donna alta alta e secca secca, nubile e senza figli non per scelta, resa acida e pettegola dalla solitudine.
Lei gode, a impossessarsi dei nostri pargoletti e renderli dei mostriciattolo che rigurgitano latte o cibo acido, squassati dai tremori e indifesi.
Lei ride, mentre il povero genitore di turno (di solito la mamma, più rapida a reagire, interpretare i rantoli notturni e fiondarsi fuori dal suo letto in quello del nanerottolo cercando con tuffo carpiato di salvare dal disastro appiccicoso e rancido almeno il piumone ed i pupazzi per la nanna preferiti!) 
finge una pazienza che non ha e fa la doccia al figlio piagnucolante, mette a mollo in acqua calda e sapone o lava subito pigiamo, lenzuola, coprimaterasso, doudou, guanciali e quant’altro, riveste il bimbo, lo dota di capiente bacinella a bordo letto e poi riprepara il suddetto letto e somministra acqua rigorosamente gelata o coca-cola fredda, che conserva in dispensa proprio per queste evenienze (e per bersela di nascosto dai figli nei momenti di sconforto).
Il tutto imprecando tra se’ e se’ o bassa voce, contro il destino beffardo o incolpando l’altro genitore o addirittura se stesso di non aver messo - proprio quella notte li’- il coprimaterasso cerato o aver usato -proprio quella notte li’- il piumino d’oca!
Se tutto va bene (bene un paio di balle!), mente il figlioletto riprende sonno in un nano secondo, il genitore stremato può collassare su letto o divano e cercare di riprendere sonno.
Ovviamente con orecchio vigile e attento ad ogni cambio di sospiro o colpo di tosse che potrebbero preannunciare un altro attacco di vomito.
Se va male, il genitore stremato ed assonnato dovrà pure lavare il pavimento e, proprio mentre starà ancora rivestendo i figlio o, appunto, disinfettando per terra o ancora -diabolica Signora Vomitina!- non appena collasserà sul letto,
il bambino ricomincerà a espellere, non beccando neppure di striscio la bacinella, giustamente.
Altro giro, altre docce, lenzuola, pigiamo, coperte, lavaggi, vestizioni, fino al mattino, quando al suono della sveglia, il piccolo miracolosamente si addormenterà tranquillo.
 LUI/LEI, non il genitore.
Perché Signora Vomitina e Signor Diarrea arrivano sempre durante la settimana, quando il giorno dopo la sveglia suona inesorabile e sono in programma miliardi di impegni, possibilmente richiedenti un alto livello di attenzione e capacità neurologiche.
Se giungono di venerdì sera, è perché sabato almeno uno dei genitori lavora.
Se giungono di sabato, è perché si è in viaggio o in procinto di partire, magari pure con mezzi pubblici dai servizi igienici notoriamente puliti o per un luuuuuunghissimo tragitto in auto.
Diabolici Signorina Vomitina e Signor Diarrea!!!

Signor Diarrea io me lo immagino tondo, basso, calvo e con un aspetto solo apparentemente innocuo e bonaccione. 
Tutto vestito in varie sfumature di marrone, colore con cui lui ama dipingere pelle, vestiti, lenzuola e coperte dei poveri bambini che prende di mira.
Ancor più silenzioso di Signorina Vomitina, che di solito manda avanti per seguirla a ruota appena lei ha terminato il suo sporco lavoro, il suo transito lo riconosci dall’odore. 
Terribile e temuto risveglio olfattivo.
Le sue tracce sono ancora più difficili da mandare via dai tessuti, però, grazie al cielo, anche quando le vittime sono molto piccole, alla terza o quarta limonata ben zuccherata che il genitore li costringe ad ingurgitare tra pianti e divincolamenti, non potendo somministrare medicine, di solito Signor Diarrea si ritiene soddisfatto e toglie il disturbo.
Per ricomparire la notte successiva, tra crampi ed effluvi maleodoranti, nel fratellino/sorellina di turno, per poi concedere una visita anche ai genitori.
Personcina educata, eh!

Cari miei Signor Diarrea e Signorina Vomitina, lasciate che ve lo dica con il cuore, una volta per tutte e a nome dei genitori di tutto il mondo: ci avete rotto!!!

P.s. L'illustrazione è opera di Elisabetta
grafica, ispirata dal post! Grazie Elisabetta!


martedì 22 ottobre 2019

Allo ZOOM di Torino con i bambini

Lo ZOOM di Torino, che in realtà si trova quasi a Pinerolo, è uno zoo nato per far conoscere gli animali e sensibilizzare piccoli e grandi sull'importanza di conservare, preservare e proteggere,  ed è stato aperto ormai 10 anni fa.


Noi, pur non abitando lontanissimi (a comunque a circa un'ora di strada), non ci eravamo ancora decisi a visitarlo, perchè in generale io e l'Alpmarito non siamo favorevoli a mantenere animali non domestici in cattività e ci mette un po' di tristezza vederli rinchiusi.

Tuttavia, consapevoli che ormai animali nati in cattività esistono e,purtroppo, non possono essere reinseriti in sicurezza in natura (anche perchè per legge non è piu' consentito catturare animali liberi per esporli in parchi o circhi) e che questi parchi sono le uniche occasioni che abbiamo per mostrare certe specie ai bambini e, si spera, insegnare loro a preservare la natura e proteggere i suoi abitanti, alla fine ci siamo decisi e, in una giornata settimanale molto calda di agosto, siamo partiti, attrezzati con frutta, acqua e panini per la pausa pic nic.


La prima impressione non è stata positiva: prezzo elevato (ma a posteriori, seconod noi giustificato dalla quantità di personale e dal tipo di cure che richedono gli animali presenti), parcheggio a pagamento in pieno sole (3 Euro), servizi igienici angusti, non adatti ai bambini e poco puliti (i fasciatoi ci sono ma lo stato di igiene a è tale che non li userei e, comunque, la maggior parte dei servizi sono in container piccoli, in cui si fatica ad entrare e uscire, figurarsi se bisogna portarci un bambino piccolo !)
Inoltre, purtroppo, alcuni visitatori (quasi tutti adulti) si spostavano dalla zona piscina alla zona animali in costume e ciabatte oppure giravano a torso nudo sudati, senza alcun senso della decenza e della educazione.


Poi, pero', ci siamo dedicati con entusiasmo alla visita e abbiamo seguito TUTTI, ma proprio TUTTI, i 9 appuntamenti in programma, consistenti in spiegazioni dei biologi o comunque dello staff, su habitat e abitudini dei singoli animali.



In particolare: la presentazione di gibboni, tartarughe, pinguini del Sud Africa, ippopotami, rinoceronti, tigri, lemuri, gli animali del Serengeti e il volo dei rapaci.


Alla biglietteria ci hanno consegnato una mappa con l'indicazione degli orari delle attività previste  nella giornata (alcune una sola volta per giornata, altre due), distanziate da un quarto d'ora o mezz'ora di tempo utile per raggiungere la tappa successiva, con eventuale pausa bagno o spuntino e/o domande di approfondimento allo staff.
Il tutto ben organizzato e con personale gentile e, ci è sembrato, preparato.


Peraltro gli animali non vengono costretti ad esibirsi ma, semplicemente, si muovono in autonomia e vengono semplicemente attirati, per quanto possibile, al momento delle spiegazioni, con l'offerta di uno spuntino.
Molta attenzione è data alle informazioni relative al rischio di estinzione delle specie, ai progetti di reinserimento in natura di nuovi esemplari e/o di protezione degli esistenti, il che ha reso la visita molto istruttiva, non solo per quanto concernente l'apprendimento di curiostà sugli animali.

Nota negativa e contraddittoria: plastica usa e getta ancora utilizzata in tutti i punti ristoro e bidoni di differenziata solo per la plastica.

Consiglio, quindi, di non limitarsi a guardare, ma di ascoltare con attenzione: altrimenti diventa quasi un semplice zoo e non quello che vorrebbe essere, ovvero un parco di svago ma anche di conoscenza per sensibilizzare e diffondere la consapevolezza della necessità di proteggere attivamente habitat e esseri viventi.



 I bambini hanno apprezzato molto sia gli animali, che li hanno incuriositi e stupiti, sia il tranquillo ed ombreggiato parco giochi a tema "Arca di Noè" e la zona delle grandi yurte ( tende mongole); il ricciolino, in piu', ha imparato qualche nozione e si è posto alcune importante domande sulla condotta degli uomini ed il pericolo che corrono molte specie viventi.
C'è anche una piccola fattoria con animali piu' comuni che si possono accarezzare, con la giusta attenzione.
Anche noi adulti abbiamo imparato molto.
Imperdibile il volo dei rapaci nella grande arena. 


Io sono rimasta affascinata dalle sinuose ed eleganti giraffe e dalla simpatica famiglia di gibboni (che hanno il 90% del DNA uguale al nostro!!!) - padre, madre, piccolo di circa tre anni e altro piccolo di circa un anno - e impressionata dagli ippopotami.


L'Alpmarito è rimasto tantissimo ad ammirare i rinoceronti bianchi, il suo animale preferito che per la prima volta ha potuto vedere dal vivo; al ricciolino sono piaciuti tantissimo i rapaci in volo, le tigri, i gibboni ed i lemuri; 

La famiglia di Gibboni
Orsetto si è innamorato di tigri e pinguini del Sudafrica ma anche delle acrobazie di arrampicata dei piccoli gibboni; 
Principessa ha avuto un po'di timore dei lemuri e ammirato tartarughe "giganti", che le ricordavano quelle di terra degli zii, pinguini e, soprattutto, le giraffe.
 Il suo doudou, che ha chiamato "Coco' ", è infatti una giraffina e lei ha riconosciuto subito le "sorelle di Coco'"!!! 

Il doudou Coco' e sua "sorella" vivente!
 Insomma, una bellissima visita e giornata, seppure in una giornata troppo calda.

Il parco dispone anche di due spiagge bianche con tante sdraio ed ombrelloni a disposizione e piscine, con una zona di acqua bassa per i piccoli ma non a parte. Si accede con apposito braccialetto consegnato alla biglietteria, a fronte del pagamento di un sovrapprezzo sul prezzo d'ingresso.
Noi abbiamo preferito evitare, seppur fosse invitante, perchè usufruendo anche della piscina non saremmo riusciti a vedere tutti gli animali con calma e ascoltare tutte le spiegazioni, pur essendo entrati in apertura alle dieci ed usciti alle 18, quasi alla chiusura (in settimana prevista per le 19).

Una parte del parco giochi "Arca di Noé"
Info utili
Il parcheggio è a pagamento e subito dinnanzi all'ingresso del parco. I bagni tanti anche se non particolarmente puliti e davvero angusti. I punti ristoro sono numerosi, seppur non proprio economici (2,5 Euro per un ghiacciolo biologico - l'unico disponibile) ma non mancano neppure tante panchine disseminate lungo il percorso e una vera e propria aria pic - nic ombreggiata.
Non ci sono fontane ma si possono riempire le borracce ai rubinetti dei servizi igienici.
Tutto il parco si puo' girare tranquillamente con il passeggino ma poi per vedere da vicino gli animali è necessario prendere in braccio o a spalle i piu' piccoli perchè staccionate e muretti sono alti.


Prezzi, orari e altre informazioni sul sito ufficiale di Zoom Torino.

*POST NON SPONSORIZZATO