lunedì 30 settembre 2019

Ode ai genitori del mattino

Ode ai genitori del mattino 

Ode alle mamme che si svegliano stanche come se non fossero ancora andate a dormire
e preparano la colazione o l’ennesimo biberon con gli occhi stropicciati di sonno, stiracchiando comunque un sorriso.
Ode alle mamme che a dormire non ci sono ancora andate
e prima di concedersi il meritato riposo dopo una notte di lavoro
trovano la forza di accompagnare i figli a scuola.
Ode alle mamme che si svegliano all’alba, 
per una corsa in solitudine, 
un momento di meditazione,
una pratica di yoga,
un caffè in pace,
prima che la casa si risvegli,
e si ricominci a correre.
Ode alle mamme che si svegliano all’alba,
per accendere la lavatrice,
stendere i panni,
stirare le camicie o svuotare la lavastoviglie,
prima che piedini infantili saltellino in giro
manine afferrino le sue e vocine esigenti chiedano attenzione.
Ode alle mamme che accolgono in cucina,
con torta o biscotti appena sfornati,
l’odore buono dell’impasto nell’aria e sulla pelle
o merendine e biscotti confezionati
l’odore buono del gusto preferito
Ode alle mamme che ingurgitano la colazione in piedi,
facendo la spola tra un figlio e l’altro,
perché tutto funzioni
e a quelle che la colazione della madre è sacra, nessuno disturbi.
Ode alle mamme già esaurite alle sette del mattino,
che dopo coccole e moine e tentativi di imbonimento vario,
senza alcun apprezzabile risultato,
gettano la spugna e iniziano a urlare,
che è tardi, tardissimo, bisogna sbrigarsi,
buttando giù dal letto i pargoli,
lanciando vestiti,
sequestrando la colazione
e caricando di peso in auto figli piangenti.
Ode alle mamme che non ci provano nemmeno,
con coccole e moine,
e alla fine, comunque, i figli a scuola li portano in orario 
e i bambini sono sereni e contenti.
Ode alle mamme con gli occhi lucidi,
dietro la porta di nidi e asili,
che si è chiusa trattenendo il bimbo in lacrime,
e il loro cuore stretto in una morsa.
Ode alle mamme allegre,
che cantano ascoltando la radio,
in cucina, sotto la doccia, in auto,
scherzando mentre camminano mano nella mano al loro bambini,
verso una porta che varcano sorridenti,
per uscirne fiduciose e un po' più serie,
già proiettate alle incombenze quotidiane.
Ode alle mamme che corrono con i figli in braccio,
facendo slalom su un marciapiede troppo affollato,
e veloci accompagnano e baciano i loro bimbi,
per poi schizzare via nel traffico congestionato.
Ode alle mamme che già pregustano il caffè con le altre
al bar davanti alla scuola,
libere dai bambini e dai pensieri,
per cinque minuti almeno, di chiacchiere in compagnia.
Ode alle mamme che salutano gli altri genitori,
che ricordano i nomi degli altri bambini,
che dispensano sorrisi e parole gentili,
anche nella frenesia del mattino.
Ode alle mamme che non salutano nessuno,
chiuse nei loro pensieri 
o assorbite dalla propria intimità materna.
Ode alle mamme che si alzano in silenzio,
in silenzio si vestono, mangiano ed escono,
lasciando i bimbi ancora addormentati
e un bacio lieve sulle loro guance morbide,
sospirando perché vorrebbero esserci,
ad accompagnarli al suono della campanella,
mano nella mano dentro quel cortile chiassoso
e invece…eppure forse…
Ode alle mamme che ridono guardando i bimbi saltare nelle pozzanghere 
con gli ombrelli o le mantelle colorate e un po’ sbilenche
e non importa se si bagnano, che tanto poi si asciugano
e quelle che no, per carità non ti bagnare, non prendere freddo, non ti sgualcire, che se ti ammali poi, come facciamo?
Ode alle mamme che fanno le trecce, pettinano, lavano e sistemano,
abbinando vestiti e calzature,
e ode a quelle che non ci pensano neppure
e magari capita che il figlio lo portino a scuola in pigiama.
Ode alle mamme che parcheggiano dove c’e’ posto, 
anche se significa fare una parte del tragitto a piedi.
Ode anche a quelle che parcheggiano dove capita, 
che la doppia fila è routine e i posti riservati sono riservati a loro.
D’altronde hanno il suv, vuoi mettere?
Ode alle mamme di gemelli,
che ai commenti “li avrei voluto tanto anche io, che fortuna”,
sorridono pensando “è solo perché non sai cosa significa!”.
Ode alle mamme di gemelli,
che avanzano con passo lungo, doppio zainetto, doppio passeggino, doppio grembiulino, un bambino per parte, il sorriso in viso,
la soddisfazione di essere arrivate in tempo, senza troppi drammi,
felici di essere mamme di gemelli.
Ode alle mamme che di figli ne portano uno
e a quelle che ne portano due, tre, quattro, cinque o anche di più,
magari in scuole diverse, in orari diversi
ed alla fine dovrebbero concedere loro il patentino da tassista,
così, ad honorem.
Ode alle mamme che i figli li svegliano, nutrono e preparano con una sola mano,
l’altra a tenere il cellulare,
basta non anche a guidare.
Ode alle mamme organizzate, 
che hanno già pronto al risveglio,
i vestiti da indossare, la borsa da afferrare e la tavola a cui mangiare.
Ode alle mamme che improvvisano,
sempre,
dalla sveglia al suono della campanella,
e ci riescono pure bene.
Ode alle mamme di bimbi disabili,
che oltre che contro il tempo e la sveglia,
devono lottare con le istituzioni e l’indifferenza
e gli immancabili maleducati che occupano il posto auto loro riservato
e riescono pure a non mandarli a stendere.
Ode alle mamme riposate e rilassate, che si svegliano con calma 
e con calma e gentilezza preparano i bambini
arrivando in perfetto orario o addirittura un po' in anticipo.
Sempre che esistano, queste ultime mamme.

Ode ai papà, che fanno come le mamme di cui sopra
o anche diverso, ma lo fanno.


Ode ai genitori del mattino, 
perché sono bravi.

Sì, comunque vada.



martedì 24 settembre 2019

Il Sacrario Militare di Redipuglia, in Friuli Venezia Giulia, con i bambini

Viaggiare con i bambini, per me, ha tante finalità: divertirsi, stare insieme, condividere e cooperare, rilassarsi, conoscere luoghi, animali e civiltà, imparare ad apprezzare natura e arte.
Per questo, a mio parere ogni viaggio dovrebbe comprendere sia svago che occasioni di crescita, tanto per adulti e che per piccini.
Ben vengano a tal proposito, musei, castelli, luoghi di culto, mostre.

In Friuli Venezia Giulia, si trova un luogo speciale, in cui sono stata più volte da bambina con la mia famiglia, tornata da ragazza con mio marito e infine, con i miei figli.
Speciale perchè aiuta a comprendere la storia, a ricordare che la guerra è morte, per qualunque ragione sia combattuta, anche se ci sono motivi che sembrano piu' validi di altri.
Perchè alla fine, cio' che rimane, sono padri, figli, fratelli, amici, cugini, sorelle, madri, figlie, amiche, cugine, nonni e nonne, senza piu' un futuro da vivere. 

E' un luogo chiaro e luminoso, non triste in sè ma per quel che rappresenta e che invita alla saggezza, alla riflessione e, per chi crede, alla preghiera.

Il Sacrario Militare di Redipuglia (provincia di Gorizia)



Il nome Redipuglia sembra veniredallo sloveno e significherebbe "terra di mezzo", poichè "Redipuglia" si trova sul Carso, precisamente sul versante occidentale del monte Sei Busi.
E' il piu' grande sacrario militare italiano, che sorge nei luoghi in cui, durante la Prima Guerra Mondiale, si svolsero le violentissime battaglie lungo il fiume Isonzo. 
Si tratta di un ossario, inaugurato nel settembre del 1938 dopo dieci anni di lavori, su Colle Sant'Elia, un colle poco elevato ma che all'epoca  fu molto conteso perché consentiva di dominare per un ampio raggio l'accesso ad ovest del tavolato carsico, al posto del precedente ossario, voluto dal generale Giuseppe Paolini per ricordare il Carso e i soldati caduti durante la prima guerra mondiale.


Vi riposano, in un monumento che ricorda uno schieramento militare, ben 100.187 vittime, di cui 39.857 caduti identificati, disposti su ventidue gradoni e 60.330 caduti ignoti, in due due grandi tombe comuni ai lati della cappella somitale, con alla base la tomba del Duca d'Aosta Emanuele Filiberto, Comandante della III Armata e ai lati le tombe dei suoi generali, raggiungibili mediante la Via Eroica.


Di fronte, dall'altro lato della strada, si erge il primo Cimitero di Guerra dell III^ Armata sul Colle Sant'Elia, ovvero una sorta di museo all'aperto noto come Parco della Rimembranza, circondato da cipressi.

Sono visitabili anche la cappella, il piccolo museo retrostante, la Via Eroica e le trincee (il Sacrario invece, seppur visibile dall'esterno e impressionante nella sua maestosità, non è accessibile per restauri, che dovrebbero terminare ad ottobre 2019). 



L'unica donna sepolta nel sacrario è Margherita Kaiser Parodi, nota anche come la crocerossina di Redipuglia, un'infermiera italiana volontaria che prestò servizio durante la prima guerra mondiale nnell'ospedale di Cividale del Friuli e morì nell'epidemia di spagnola che seguì la guerra, a soli 21 anni.



Info utili
La visita è totalmente gratuita, l'area è dotata di un ampio parcheggio libero e davanti al Sacrario si trova un bar ristorante con negozio di souvenir e i bagni pubblici.
Essendo un monumento a gradoni e, per quanto riguarda trincee e Via Eroica, a scalini sterrati, non è accessibile con il passeggino. 


Info turistiche e orari di apertura su questo sito.

Nei dintorni
La splendida Trieste, con i suoi numerosi musei, anche per bambini (dai treni, agli animali), il faro della Vittoria ed il tram di Opicina, ed il mare, naturalmente!

E naturalmente ci sono il mare (qui, i mie dieci motivi per scegliere Grado con i bambini), Grado, l'Isola di Barbana e la Grotta Gigante di Sgonico.

martedì 17 settembre 2019

Cioss Prato, il parco giochi in legno del Ticino, in Valle Bedretto, e la grotta dei minerali

Nel corso di un weekend in Ticino, in Svizzera, ci hanno consigliato un bel parco giochi in cui trascorrere una giornata in montagna, al fresco, con i bambini: Cioss Prato.

Si trova in Val Bedretto, è dotata di un'area pic nic, di un bar ristorante self service, di una bellissima e grande struttura in legno e metallo per i giochi dei bambini,





ma anche una tirolienne, un'amaca gigante, una altalena, uno scivolo a tubo per i piccoli, la sabbiera con l'escavatore e...




una bella pista d'acqua per le palline ! (Si possono acquistare alla macchinetta davanti al bar, a 2 franchi l'una). Mi è parso in assoluto il gioco piu' gettonato da tutti i bimbi, dai miei di sicuro!


Ci sono anche due sentieri naturalistici (ideali per digerire il pranzo o sgranchirsi le gambe)  e una piccola grotta artificiale /museo unica nel suo genere in Svizzera: la grotta-museo dei minerali (biglietti a pagamento acquistabili alla cassa del ristorante),

con bellissimi cristalli di quarzo trovati in Val Bedretto ma anche sul massiccio del Monte Bianco e nel massiccio del San Gottardo.



Meravigliose le rose di ferro e i quarzi affumicati !!!




C'è un parcheggio libero, due fontane per l'acqua fresca, un boschetto di fronte e tanta tranquillità, anche perchè vi erano quasi esclusivamente famiglie locali con piu' figli che non si stupivano dell'arditezza dei miei figli e non urlavano ad ogni caduta di qualche bimbo! (Principessa, per esempio, si è buttata da sola dallo scivolo a tubo piu' lungo a testa in giu', finendo lunga distesa per terra, all'arrivo, di schiena; Orsetto si è arrampicato ovunque, anche se talvolta creando la coda, rifiutando aiuti).




In inverno, l'area ospita due sentieri per racchette da neve, uno ski lift e un carosello per i piccoli.



Diciamo che l'unico problema di luoghi come questo è che ne' i genitori n' i bambini hanno piu' voglia di andarsene!!!!
I miei tre monelli sarebbero rimasti per giorni e, ovviamente, i piccoli hanno saltato il loro sonnellino pomeridiano per non perdere tempo prezioso.

Il piccoletto che risale il tubo di rete, pernsato per i bimbi piu' grandi, è ovviamente mio figlio!

giovedì 12 settembre 2019

Escursioni con il passeggino, Valle del Lys: da Gressoney La Trinité (AO), loc. Staffal, a Sant'Anna, Alpe Sitte.

Escursioni con il passeggino, Valle del Lys: da Gressoney La Trinité (AO), loc. Staffal, a Sant'Anna e Alpe Sitte.
 

La candida chiesetta dedicata a Sant'Anna, posta a 2127 metri di altitudine, si trova su un pianoro verde sotto il colle Bettaforca, denominato Alpe Sitte, ed è dominato dalle cime del Rothorn e del Piccolo Rothorn e dalla splendida vista sul massiccio del Monte Rosa.

Oltre alla chiesa, vi sono roccioni su cui fare un pic nic o giocare ad arrampicare, una bella scultura in legno ed un alpeggio con, d'estate, le mucche al pascolo.



Due sono i sentieri che conducono alla chiesetta: il primo (di cui ho scritto qui), parte dal piccolo e bel borgo di Biel, 1792 mt, a Gressoney La Trinité, posto su una collinetta posta a sinistra della strada, appena prima di giungere a Staffal.


Le case di Biel
Il sentiero, indicato con il n. 9, è ripido ma breve, con la prima parte nel boschetto e la seconda senza riparo dal sole ma con il panorama per ornamento. 

Particolare esterno di una delle case di Biel
Non presenta difficoltà particolari e circa a metà salita attraversa il torrente, ove è possibile bere.

Alla partenza, si trova la cascata di Biel, ove refrigerarsi d'estate e scalare sul ghiaccio di inverno.
Questo sentiero, pero', non è percorribile con il passeggino da trekking, a differenza del secondo.


La cascata di Biel

Il secondo parte dall'abitato di Staffal, 1843 mt, frazione di Gressoney La Trinité, imboccando la strada sterrata ben segnalata che inizia nei pressi dell'Hotel Momboso, ove termina la strada sfaltata e si trova un ampio piazzale per parcheggiare.

La sterrata, con il segnavia n. 8, in inverno è una facile pista da sci e sale ad ampi tornanti, prima ombreggiata e poi al sole, svelando la vista sul massiccio del Monte Rosa e la vallata sottostante, in un'ora/un'ora e mezza, porta al pianoro di Sant'Anna, ove si trova l'arrivo della funivia che parte da Staffal e la partenza di quella che conduce al Colle Bettaforca, punto di partenza privilegiato per la salita al rifugio Quintino Sella ed al ghiacciaio.

La sterrata che da Staffal conduce all'Alpe Sitte ed alla chiesetta di Sant'Anna

Volendo, la sterrata prosegue lungo il tracciato dell'invernale pista da sci anche dopo Sant'Anna, passando per il Bar Ristoro Sitten e arrivando al colle Bettaforca, ove si trova un altro bar.
Il paesaggio, tuttavia, salendo si fa piu' brullo e, a mio parere, meno attraente.
Dal colle Bettaforca, che costituisce lo spartiacque tra la Valle del Lys e la Val dÂyas, volendo si puo' discendere verso Champoluc.


Un altro ristoro, costruito da pochi anni, si trova proprio al crocevia delle funivie a Sant'Anna dove, da qualche anno, a ferragosto, si svolge un minuscolo mercatino di artigianato locale.
Quest'anno, per ferragosto, avevano anche posizionato uno scivolo gonfiabile ed erano presenti alcuni vigili del fuoco per mostrare la loro camionetta e far spegnere un finto incendio ai bambini presenti!


Il bello del luogo, in cui soffia sempre un po' di vento, è tuttavia il paesaggio, il panorama e la semplicità della breve camminata, che è anche punto di partenza per la salita al Ruthorn.

La cappella all'inizio della sterrata Staffal - Alpe Sitte
Se i bambini sono sullo zaino o camminano autonomamente, una buona idea è compiere l'escursione circolare, salendo da Biel per ammirare anche la cascata e scendendo dalla sterrata di Staffal, o viceversa !

Il dislivello positivo, infatti, è comunque inferiore ai 400 mt.
A Staffal si trovano anche bar, un bel parco giochi e, passato il ponte stradale, una fontana d'acqua pubblica (presente anche a Biel, all'inizio del borgo).
 E dopo l'escursione? Una birra fresca è perfetta, no?


*Post non sponsorizzato

lunedì 9 settembre 2019

E' stata un'estate strana, eppure è stata estate. Riassunto dell'estate 2019

L'estate 2019 è stata strana.
Astronomicamente parlando, in realtà, non è neppure ancora finita ma metereologicamente il giro di boa verso l'autunno ormai c'è stato e non si torna indietro.
E poi questa settimana ricomincia la scuola elementare e ci si avvia a riprendere la routine delle attività sportive e degli impegni fissi.
Ci sarà ancora tempo e modo di organizzare escursioni in montagna e gite fuori porta, di gustare gelati e forse di indossare i sandali, di fare tardi e improvvisare ma, via via, sempre meno.

Nel frattempo, posso tirare le fila di questa estate, che è stata strana, ma non solo.
Faticosa, perchè non ho potuto contare neppure sull'aiuto saltuario dei suoceri e di mia madre, come invece accadeva in passato: i primi sono stati praticamente sempre via, nel periodo in cui ne avrei avuto bisogno e prima, a giugno, ancora lavoravano; la seconda ha avuto un infortunio abbastanza serio e solo ora sta riprendendo a guidare, per brevi tratti, e a muoversi autonomamente. figurarsi quindi tenere i bambini,anche solo per qualche ora.


Giugno è stato senza dubbio il mese piu' difficile, tra i consueti impegni di fine anno scolastico, l'avvio delle gare di ciclismo del ricciolino, i primi giorni di infortunio di mia madre, gli strascischi del mio schock anafilattico e le feste varie di fine anno, l'Alpmarito sempre impegnato, non solo in settimana ma anche di sabato, ed il caldo torrido.
Mi sono sentita spesso sola e sopraffatta e il mio compleanno è passato senza quasi lasciare traccia, eccetto gli affettuosi messaggi di auguri di amici, conoscenti e parenti e un bel disegno del ricciolino.



Comunque siamo sopravvissuti e luglio è proseguito abbastanza solitario e torrido, sembrandomi infinito , anche perchè dopo c'è stata la chiusura del nido per 18 lunghissimi giorni di agosto e, finalmente, l'unica settimana di vacanza con l'Alpmarito, trascorsa in montagna, perchè di metterci in viaggio a ferragosto non avevamo proprio voglia e la forza di portare i bambini al mare non c'era.

Infine il nido ha riaperto e ci siamo ritagliati qualche giorno per accompagnare l'Alpmarito in Ticino dove lavora e, mentre lui era impegnato, esplorare un pezzetto di Svizzera.

A parte il caldo assurdo e le zanzare, a parte la fatica di essere spesso completamente da sola ad impegnare le lunghe giornate estive dei bambini e, nel frattempo, tenere in piedi un minimo di attività lavorativa e gestire la casa, a parte la preoccupazione per la salute di mia madre e mia nonna, a parte tutto questo (che comunque non è stato poco), è stata lo stesso ed indubbiamente ESTATE:


- siamo stati abbastanza spesso, anche solo per qualche ora pomeridiana, al lago Sirio, a fare il bagno, giocare in piscina e pasticciare in sabbiera.
I piccoli si sono goduti molto di piu' l'ambiente e la libertà di muoversi e stare fuori, essendo piu' grandi e consapevoli dello scorso anno e seppur abbia avuto solo pochi minuti di tregua, gestirli è stato piu' facile del previsto.


Il ricciolino, poi, ha preso qualche lezione di nuoto ed è migliorato tanto sia nel galleggiamento che nella sicurezza in acqua, scoprendo il piacere dei tuffi dai trampolini, dello scivolo d'acqua e delle nuotate per brevi tratti senza alcun ausilio;





-  siamo  andati a fare molte escursioni in montagna e, qualche volta, ad arrampicare. Sulle cime di casa nostra, tra Piemonte e Valle d'Aosta. La maggior parte ancora a bassa quota e con il passeggino/carrettino, tutte semplici e "sudate", perchè Orsetto e Principessa sono in quella età di mezzo in cui non vogliono piu' stare tanto seduti ma neppure riescono ancora a camminare a lungo.
Pero' avevamo bisogno di montagna e camminate ed è stato bello;

- siamo stati a feste e grigliate di compleanno, abbiamo mangiato torte e pasticcini con nonni e zii ad ogni possibile ricorrenza, cogliendo le piccole occasioni per stare insieme ad amici e parenti;

- abbiamo accompagnato il ricciolino alle sue gare di MTB, girando per Valle d'Aosta e Piemonte, facendo il tifo per lui, intrattenendo i piccoli e chiaccherando con gli altri genitori;



- abbiamo dormito una notte in tenda tutti e cinque, per fare le "prove tecniche" di campeggio con tre figli ed è andata tutto sommato bene;

- siamo andati allo Zoom di Torino, alla Napoleonica al Forte di Bard, al Parco Avventura, al Lago di Viverone e a visitare un po' di Ticino;



- abbiamo cambiato auto e testato il nuovo acquisto macinando qualche chilometro in giro;

- siamo riusciti a passare qualche giornata e serata con gli amici, seppure molto meno di quanto avremmo voluto, e persino ad organizzare una scampagnata con alcuni compagni di classe del ricciolino e rispettive famiglie;

- mai come quest'anno abbiamo girato tanti parchi giochi diversi, in zona e non, tanto che sto pensando ad una serie di post a tema per il blog;


- il ricciolino è salito per la prima volta ad un rifugio ad alta quota, con il papà ed il nonno;


- Principessa ha tagliato per la prima volta i capelli e tolto definitivamente il pannolino, anche di notte e durante i sonnellini pomeridiani. Orsetto si sta avvicinando a piccoli passi a toglierlo di giorno ma senza fretta;

- abbiamo messo i piedi a bagno in torrenti gelati e ameni laghetti alpini;


- io ho scoperto l'antigravity yoga e me ne sono innamorata (ma questo, se mi seguite, ormai lo sapete).



- abbiamo mangiato torte, gelati, polenta concia, costine e tantissimi panini, raccolto e gustato moltissimi mirtilli, more e fragoline di bosco, concedendoci spesso una birra gelata a fine gita, come in ogni estate che si rispetti.

E quindi è stata un'estate strana, questa estate 2019, eppure è stata vissuta e forse, è solo questo quel che conta.

E la vostra estate 2019, come è stata?