martedì 25 ottobre 2016

L'Alpe Sitte, ai piedi del Monte Rosa, con un bambino

La Val di Gressoney o, più correttamente, Valle del Lys, tra tutte le vallate alpine, è quella che considero come "casa mia" ed, in assoluto, la mia vallata valdostana preferita.

Perchè c'è il Monte Rosa, che appena arrivi a Gressoney emerge in tutto il suo splendore e fa da sfondo e cornice al paesaggio.


E per me non c'è nulla di più bello.

Perchè è sul Monte Rosa che ci sono quasi tutti i 4.000 su cui sono salita (anche se il battesimo è stato svizzero).

Perchè vi ho trascorso tantissime giornate estive ed invernali, da bambina.
Perchè è una vallata a sè, come i suoi abitanti !

Quel che è certo, è che ci torno appena posso.

In quanto a passeggiate, c'è solo l'imbarazzo della scelta e probabilmente neppure in tutta la vita riuscirò a percorrere tutti i sentieri.
Alcuni, però, mi piacciono più di altri ed a distanza di anni ho voglia di ripercorrerli, per ritrovare ricorsi, emozioni e sensazioni.

Come questo o il secondo raccontato qui.

O come quello che abbiamo percorso una delle ultime domeniche di inizio autunno.
Partenza da Biel, una manciata di case poste su un cucuzzolo verde, a 1792 mt di altitudine, che si raggiunge procedendo sulla statale (cioè l'unica strada) dopo Gressoney La Trinitè, salendo verso Staffal.
Ad un certo punto, la strada si biforca e, a sinistra, si vede l'abitato di Biel.
Basta prendere la strada sinistra in discesa e parcheggiare in fondo, per poi salire a piedi dalla strada asfaltata verso Biel cinque minuti, per incrociare il sentiero n. 9.

Il sentiero inizia ai piedi di una cascata, che d'inverno, quando gela, viene spesso scalata dagli appassionati.
 
Il primo tratto è nel bosco, tra i mirtilli, poi si sbuca dalla linea finale degli alberi e si attraversa il torrente su un ponticello.


La vista spazia per la vallata.



Il sentiero prosegue ripido per il crinale, fino a sbucare sul pianoro dominato dalla chiesetta di St. Anna, ovvero all'Alpe Sitte, mt 2172, la nostra meta!



A St. Anna, tutte le estati, il 26 luglio si celebra la festa di Sant'Anna e San Gioacchino, con distribuzione di polenta e latte e la presenza delle guide alpine, nonchè la Santa Messa.

Da bambina, ci andavamo spesso, con i miei fratelli, mia madre ed i vicini di casa ed era uno degli appuntamenti più belli dell'estate in montagna.

Eppure, quando non c'è nessuno, il posto è ancor più incantevole, si respira un'aria di serenità e di forza. Sembra quasi si sentir parlare la natura.

 

Il dislivello della salita è davvero minimo (sui 400 mt.), dunque in un'ora, al massimo un'ora e trenta, anche con i bambini si giunge alla chiesetta, dove si trovano anche due alpeggi e un laghetto, in cui nuotano i girini.



A pochi metri dalla chiesetta, ma nascosto alla vista, è stato costruito un bar ed un'altro si trova ad una ventina di minuti di cammino. 

L'Alpe Sitte si può raggiungere anche con la cabinovia che, da Staffal, in inverno porta in quota gli sciatori del comprensorio Monte Rosa Ski e d'estate serve i turisti pigri o quelli che partono dalla staziona ancora successiva (Bettaforca), per raggiungere il rifugio Quintino Sella e arrivare al ghiacciaio, oppure salire sul Rothorn, mt. 3150, una punta rocciosa che domina l'Alpe Sitte, da cui si gode di una vista panoramica sul Rosa davvero splendida.

Purtroppo, però, si tratta di una escursione decisamente più impegnativa per i bambini (circa 3,00 h).

La discesa da St. Anna può essere effettuata dal sentiero di salita oppure, verso destra, passando davanti alla stazione di arrivo della cabinovia ed al bar e seguendo l'evidentissima strada sterrata, scendendo alla frazione di Staffal, per poi tornare, in discesa su un sentierino a lato strada ma tra le piante, a Biel.

In questo modo, si può compiere un percorso circolare.



L'importante, però,è andare a vedere anche il piccolo abitato di Biel (fontana d'acqua potabile all'ingresso lato strada), con la sua candida cappella dedicata alla Madonna delle Nevi e le abitazioni in legno e pietra ristrutturate.