Visualizzazione post con etichetta cultura. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cultura. Mostra tutti i post

lunedì 19 novembre 2018

Il Museo della Vite e del Vino, in Valle d'Aosta, con i bambini

In una domenica di piogga e buio, per non scordare il lato bello dell'autunno, noi abbiamo deciso di visitare il Museo della Vite e del Vino di Donnas (AO).

Spesso i musei che si hanno vicino a casa sono proprio quelli che meno si frequentano, che si danno per scontati.
Ed invece possono regalare piacevoli ed inaspettate sorprese, come è stato per noi in questo caso!

Si tratta, infatti, di un museo piccolo, a Donnas (AO), ovvero alle porte della Valle d'Aosta, a poco più di 300 mt s.l.m., sito nelle cantine dell'asilo comunale, ristrutturate nel 2003.


Il museo è relativamente recente ed è nato per celebrare una delle grandi risorse e, nello stesso tempo, delle attività tradizionali del territorio: la viticoltura, praticata già dal 1200 a.c., forse a seguito della colonizzazione dei romani.







Primo vino valdostano a ottenere la denominazione di origine controllata, il "Vallée d’Aoste Donnas DOC" , che prende il nome proprio dal Comune principale da cui provengono le sue uve (coltivate anche nei paesi confinanti), è infatti un vino rosso rubino importante, talvolta  definitoil fratello montano del Barolo”.
Per chi se ne intende, è prodotto con prevalenza di uve Picotendro (min. 85%), ovvero Nebbiolo.



Le sale del museo, con una splendida volta in mattoni rossi, porta alla scoperta delle fasi di coltivazione delle viti e di produzione dell'uva, con video, gigantografie ed una esposizione di attrezzi agricoli tradizionali, molti ancora di uso comune, di botti e "macchine", tra cui un bellissimo (aggettivo scelto dall'Alpmarito ingegnere e dal ricciolino) torchio in legno a leva del 1800, proveniente dalla vicina Pont Saint Martin.



  Inoltre è ricostruito un pergolato in legno tradizionale, poichè l'uva in Valle d'Aosta non è disposta su filari ma su pergolati, per catturare tutto il calore possibile, in terrazzamenti per sfruttare il poco terreno disponibile sui pendii ripidi e in prossimità dei muri di pietra di sostegno dei terrazzamenti, che peraltro al tramonto restuituiscono all'uva il calore accumulato durante il giorno.




Soddisfatte le curiosità di adulti, ragazzi e ragazzini con la visita, ci si può dedicare ai bambini con una zona a loro interamente dedicata, dotata anche di video illustrativi creati ad hoc sulla storia della viticoltura, delle fasi e mezzi di lavorazione del vino, proiezione di cartoni a tema, una grande lavagna, nonchè fogli e colori per esprimere creatività ed, infine, una "botte" morbida piena di palline colorate e pouf a forma di tronchi di legno.






Con i bambini piccoli, attenzione all'esposizione di bottiglie  all'ingresso del museo...sono ad altezza giusta per essere toccate e quindi potreste trovarvi a doverle ripagare senza neppure aver potute sorseggiare il vino!


INFORMAZIONI UTILI

L'ingresso  è gratuito ed è gestito dai ragazzi e dai volontari dell'Associazione di Promozione Sociale "I Monelli dell'Arte", che fanno anche da ciceroni.
E' aperto tutte le domeniche, da dicembre a ottobre mattina (dalle 10,00) e pomeriggio, a novembre solo il pomeriggio, nonchè in occasione di particolari manifestazioni e durante le festività.
Info e orari, anche per le visite nei giorni feriali,  qui
 Il museo è facilmente accessibile perchè sito al piano terra dinnanzi alla strada statale 26 della Valle d'Aosta e di fianco ad un parcheggio pubblico gratuito coperto.  

N. B. Si può visitarer con il passeggino e la sedia a rotelle, poichè disposto tutto su un piano e di larghezza congrua e dotato di rampe.
Particolari da non sottovalutare se si viaggia con due gemelli ancora piccoli, come noi!
I servizi igienici sono ampi e puliti.


Da visitare nelle vicinanze:

L'Ecomuseo della latteria turnaria di Treby, sempre a Donnas (AO), ed il Forte di Bard, con il suo Museo delle Alpi e le sue mostre temporane (anche qui ) sito a pochi chilometri da Donnas e, volendo, raggiungibile anche a piedi lungo l'antica via romana.

lunedì 12 novembre 2018

Cosa vedere a Torino con i bambini (anche quando piove)

Torino è una grande città ma è facile da visitare, grazie alle sue strade a scacchiera
Il centro storico, davvero ampio e signorile, è caratterizzato da gallerie pedonali, che consentono di passare da una grande piazza all'altra praticamente senza bagnarsi.
Piazza Castello

Piazza San Carlo con il suo storico Caffé Torino


Imperdibili Piazza Castello, Piazza Vittorio Emanuele e Piazza San Carlo.
Le pasticcerie/bar del centro, poi, sono fantastiche.
La città conta inoltre molti bei parchi, veri e propri polmoni verdi, in cui passeggiare, andare in bici, correre e far giocare i bambini.
Ancora Piazza Castello

Piazza San Carlo

In primis, il Parco del Valentino, il secondo più grande di Torino, con i suoi  421.000 metri quadrati sulla riva sinistra del Po.


Ci sono un laghetto, fiori, ampi viali, parchi giohi, bar e chioschetti si può visitare il Castello del Valentino, oggi sede della facoltà di Architettura del Politecnico di Torino e  patrimonio dell'Unesco (qui le info per visite interne).

Il Castello sede della facoltà di Architettura

Soprattutto, c'è il Borgo Medioevale del Valentino, creato nel 1884, in occasione dell'Esposizione Generale Italiana, con l'intento di offrire uno scorcio dei borghi medioevali del Piemonte e della Valle d'Aosta.
Si può visitare la Rocca (a pagamento) o anche solo passeggiare, gratuitamente, nel pittoresco borgo.
Tra l'altro, vengono organizzate manifestazioni ed eventi, anche per bambini, in tutte le stagioni dell'anno.
Scorci del Borgo del Valentino, nel Parco del Valentino e sulle rive del Po

Se poi siete disposti ad allontanarvi dalla città vera e propria, non potete perdervi la grandiosa Reggia di Venaria Reale, con o senza i suoi fantastici giardini.





La Reeggia sorge proprio ad una estremità del Parco della Mandria, il più grande di Torino, o meglio, una riserva naturale  che si estende per circa 6540 ettari  tra i Comuni di Venaria Reale e Druento (TO), ad ingresso gratuito e meta ideale per passeggiate o biciclettate nel verde, anche con i passeggini, e pic nic (ci sono anche aree attrezzate), non solo estivi!!!

All'interno, anche il Castello, visitabile a pagamento.

Il Castello della Venaria Reale
Restando in città, non si può perdere il trasporto sulla storica tranvia Sassi - Superga (costi e orari qui), che conduce dal quartiere Sassi, a Nord-Est di Torino al colle di Superga (mt. 672 sul l.m.) ed alla Basilica di Superga, fatta edificare dai reali di casa Savoia nel 1700 e progettato dal noto Filippo Juvarra, che domina dall'alto Torino ed è un'altro dei suoi simboli.

La cremagliera piacerà molto ai bambini e la Basilica, con tanto di convento retrostante con alloggi reali, agli adulti.
Molto particolare, per bimbi non facilmente impressionabili, la cripta, che ospita le salme di alcuni dei reali di Casa Savoia.

Molto caratteristico anche il Museo Nazionale della Montagna Duca degli Abruzzi, sulla collina di Torino, lateralmente rispetto al Monte dei Cappuccini ed alla sua Chiesa (con una cupola che merita di essere vista).
Torino, infatti, è posta ai piedi della Alpi e dominata dai monti. 
E' una città di illustri alpinisti ed ha ospitato le Olimpiadi Invernali del febbraio 2006.
Non si può quindi prescindere da questo aspetto (e quiesto museo) per conoscerla ed apprezzarla.
Qui il sito del museo, che era piaciuto molto al ricciolino quando era ancora un nanerottolo di pochi anni.
Se volete godere della magnifica visita che si gode dalla terrazza del museo, su Torino e, soprattutto, le montagne che la circondano, andateci con il sereno!

E quando piove o fa molto freddo?

E' l'occasione per visistare uno degli altri numerosi musei adatti ai bambini della città.

Il Museo Nazionale dell'Auto di Torino, ovvero il MAuto, ad esempio, nei pressi del Lingotto.
D'altro canto, dove, se non nella città della FIAT,  poteva esserci questo gioiello di museo!!!


Si tratta di una esposizione di 200 automobili originali di diverse marche, filmati storici e indicazioni sulle evoluzioni della tecnica e gli avvenimenti storici che hanno segnato le varie epoche.
C'è spazio anche per ricostruzioni di arredi a tema auto, per la formula 1 ed i progetti del futuro, video d'epoca e una zona dedicata ai motori ed alla loro evoluzione nel tempo.



Oppure il Museo del Cinema, con la storia della fotografia e delle prime tecniche di ripresa cinematografiche ma anche installazioni, ricostruzioni dei set di celebri film, simulatori e costumi di scena.


Inoltre il Museo si trova sotto il simbolo di Torino: la Mole Antonelliana!

Ovviamente merita anche salire sulla Mole, utilizzando l'ascensore che si prende dall'atrio al piano terra (biglietto a parte rispetto al Museo del Cinema) e che è molto panoramico, poichè è un parallelepipedo interamente vetrato che sale nel centro del salone, verso la cupola.
Da astenersi chi soffre di vertigini!!!

Vista su Piazza Vittorio ed il Po dalla cima della Mole

E poi c'è l'INFINI*TO, il Museo dell'Astronomia e dello Spazio, con il planetario, a Pino Torinese, sulla collina di Torino, a circa 10 km dal centro.
Una struttura è che tutte le installazioni sono moderne e interattive, con tanti "giochi" ed "esperimenti" che consentono di "toccare con mano" le nozioni spiegate, peraltro in modo abbastanza chiaro, dai cartelli esplicativi, rendendo più semplice comprendere sia agli adulti che ai bambini.
Il planetario offre spettacoli adatti a bambini (secondo me, adatto almeno dai 3/4 anni, poichè si sta al buio e seduti per una mezz'ora), sui segni zodiacali, il sistema solare e le costellazioni.



Merita una visita anche l'istruttivo MAcA, il Museo A come Ambiente, nei pressi del Parco Dora, parco postindustriale di 456.000 m² , dove fino agli anni novanta sorgevano i grandi stabilimenti produttivi della Fiat e della Michelin.
Il museo si articola su tre piani, dedicati ad energia, rifiuti ed acqua, con installazioni da provare, laboratori per bambini, pannelli esplicativi e rappresentazioni efficaci.





Con riserva, posso consigliare anche il Castello di Rivoli ed al suo Museo di Arte Contemporanea.
 Con riserva perchè, come ho raccontato qui, noi siamo incappati in una mostra decisamente non adatta ai bambini.
Altri utenti, però, hanno avuto esperienze più positive e l'esterno e l'ubicazione sono molto pittoreschi.

Il Castello di Rivoli

Noi non abbiamo ancora visitato il Museo Egizio, recentemente restaurato, e dobbiamo tornare all'Armeria Reale, al Palazzo Reale ed in altri musei che abbiamo esplorato prima dell'arrivo dei figli e dunque, decisamente, con un'altra ottica.
So per certo, però, che non ci deluderanno.

La galleria commerciale del Lingotto può essere una buona tappa per lo shopping al chiuso, se le gallerie del centro non vi sono bastate, per poi fermarsi a mangiare alla vicina Eataly.
Tanto il Lingotto, quanto Eataly, peraltro, si prestano ad essere vistati insieme al MAuto, poichè raggiungibili a piedi.


Che dite, avete abbastanza spunti per un weekend a Torino, con il sole o con la pioggia???



martedì 6 giugno 2017

L'entroterra sardo: la Domus de Janas di Sedini

Durante il nostro viaggio estivo in Sardegna, oltre a godere del magnifico mare, abbiamo dedicato ampio spazio a incursioni nell'entroterra, facendo piacevolissime scoperte.

Tra queste, la Domus de Janas del Comune di Sedini, Anglona (SS) a cui siamo giunti quasi per caso.



Le domus de janas, ovvero, in lingua sarda, le case delle fate (da quel che ho capito il termine indica infatti le persone minute, piccoline, per cui le strette stanze e corridoi sembrano creati), sono strutture sepolcrali preistoriche, costituite da tombe scavate nella roccia, risalenti al Neolitico (4000-3200 a.c.), spesso unite da corridoi fino a formare vere e proprie necropoli, tipiche delle culture prenuragiche.



Quella presente nel Comune di Sedini, da noi visitata, viene considerata una delle piu' grandi della Sardegna e, soprattutto, è facilmente accessibile perchè si trova nel centro storico del paesino e all'interno di un enorme masso non interrato. Viene infatti detta "la cattedrale delle domus de janas" e gli abitanti del luogo la chiamano "la Rocca".

Nel tempo, la domus de janes di Sedini è stata adibita anche ad usi diversi. 
Nel piano inferiore si vedono ancora le nicchie usate per le sepolture (con tanto di scheletri che hanno attirato il ricciolino), mentre ad uno dei piani superiori, accessibile mediante una stretta scala scavata nella roccia, si puo' vedere come veniva utilizzata, come focolare, nel Medioevo.


All'ultimo piano, usato come abitazione fino agli anni '50, è stato allestito dal Comune (che ha acquistato la struttura e gestisce le visite), un museo etnografico permanente, costituito da due stanze in cui è stato riprodotta una abitazione tipica, con oggetti e utensili utilizzati dal 1700 a poche generazioni fa.

A me ha impressionato molto perchè sono esattamente gli stessi oggetti ed arredi che si trovano nelle vecchie case piemontesi e valdostane, magari abbandonati in cantine o fienili.
Infine, vi è una piccola mostra fotografica sul territorio di Sedini (una stanza).

La visita guidata (spiegazione breve ed essenziale), costa 2,5 Euro a testa: davvero poco!
Il paese, tra l'altro, è caratterizzato da altre abitazioni ricavate nella roccia, visibili con una breve passeggiata nel centro storico.


Insomma, un altro angolo di Italia, in questo caso di Sardegna, da scoprire, che piacerà molto anche ai bambini. Un tuffo nel passato, tra un bagno al mare e l'altro!
Sedini, infatti, si trova a soli 20 minuti di auto (circa 16 km) dal borgo sul mare di Castelsardo, nel nord della Sardegna.

mercoledì 10 maggio 2017

Mostra al Castello di Rivoli: un'esperienza da NON ripetere

Siamo una famiglia che ama visitare, città, monti, mari e musei.
Anche con il ricciolino.

La sua presenza non ci ha mai scoraggiato, non ci ha mai fatto rinunciare alla cultura.
Eppure non sempre l'esperienza di visitare luoghi di arte e cultura è positiva e non solo perchè ci si imbatte in luoghi non adatti ai bambini.

Il Castello di Rivoli, per noi è stata una delusione e, cosi' come mi piace scrivere di cio' che secondo me merita di essere visto, trovo giusto anche raccontarvi le esperienze negative, affinchè possano fungere da avvertimento e per capire se è capitato anche ad altri.

Il primo maggio quest'anno era un lunedi' e pioveva. Si prospettava una giornata in casa, a riposare e trafficare.
Poi arriva la telefonata di mio fratello e decidiamo di andare insieme a Torino, a visitare il Museo Egizio con il ricciolino e la sua cuginetta di quattro anni.
Giunti sul posto alle 11,00, scopriamo che in moltissimi hanno avuto la nostra stessa idea geniale, ci sono piu' di due ore di coda e l'ingresso è prenotato per tutto il pomeriggio.
Cerchiamo quindi delle alternative: il Museo di Scienze Naturali è chiuso per lavori, il Museo dell'Automobile, quello della Montagna, quello dell'Astronomia e l'MaCA noi li abbiamo già visitati.
L'Armeria Reale e il Museo del Cinema non interessano alla bambina, a mia madre e mio fratello, il Palazzo Reale ci sembra pericoloso, vista la vivacità dei cuginetti messi insieme, in piu' in centro c'è la manifestazione.
Insomma, cerca e ricerca a mio fratello viene in mente il Castello di Rivoli ed il suo Museo di Arte Contemporanea.
Ricordo di aver letto da qualche parte che è adatto ai bambini e organizzano anche laboratori.
Controlliamo sul sito: c'è scritto che è aperto, senza alcuna specificazione.




Cosi' pranziamo ed alle due siamo a Rivoli. Smette anche di diluviare, il parcheggio è gratuito e vuoto ed il sole fa capolino dalle nuvole.

Giungiamo cosi' all'ingresso del complesso, che da solo, cosi' come ristrutturato, con commistione di recupero ed elementi moderni, appare davvero bello.

 
 Alle casse, l'amara sorpresa: non è vero che Museo d'Arte Contemporanea e Castello sono aperti.
E' aperta solo la c.d. Manica lunga, ove è in corso la mostra "Le emozioni dei colori nell'arte".

Come molte altre persone li' presenti, famiglie con bambini compresi, essendo ormai giunti sul posto, decidiamo di visitarla.
Costo del biglietto: Euro 8,50 a testa, ovvero costo del biglietto intero per Edificio Castello e Manica Lunga con mostra, come scritto sul sito.
Chiedo dove sono i servizi igienici e mi viene spiegato che sono fuori dalla caffetteria.



Iniziamo il percorso espositivo: arte praticamente astratta, concettuale, minimamente comprensibile solo leggendo per intero le didascalie, senza alcun opuscolo o linea guida.
Questo, pero', probabilmente è un problema mio (anche se direi di no, a giudicare dai commenti che ho sentito, tra cui persone che si chiedevano quali fossero, esattamente, le opere d'arte, pur essendoci dvanti!)

Un unico servizio igienico per donne e uomini, senza fasciatoio e con asse rotta, sporco. Si fa anche la coda. Gente che si lamenta, giustamente, noi compresi.
Mentre stiamo uscendo, una signora del personale ci sente e  spiega che ci sono anche altri servizi (ma non so dove nè se fossero aperti, nei piani sopra non ne ho visti, infatti, e neppure in biglietteria).

Opere disperse in stanze vuote, poi al secondo piano un lungo spazio espositivo.

Entriamo ed iniziano i guai: la prima addetta, non capisce di chi sono i due bambini e ci chiede i biglietti ripetutamente. Poi si piazza di guardia.
Appena la bambina si avvicina ad un'opera, che altro non è che uno specchio alto appoggiato a terra, inizia a scattare e rimproverare, continua quando ci spostiamo nei pressi di due quadri, protetti dal classico filo a terra, dicendoci con tono arrogante di prestare piu' attenzione e di tenere i bambini per mano.
Mio fratello risponde per le rime che puo' stare tranquilla, che non hanno toccato nulla, facciamo attenzione ed e' assicurato.
L'addetta si inalbera e dice che è solo preoccupata per l'incolumità dei bimbi, pero' poi ci segue di opera in opera. 
Porseguiamo e ci sono piu' addetti che opere. Solo una signora, pero', alle mie richieste di informazioni circa le installazioni, risponde con gentilezza, le altre tacciono, salvo dire ai bambini "attenzione, attenzione, non avvicinatevi"e a controllarci a vista, anche quando esposti ci sono blocchi di marmo o pietre o cuscini che, palesemente, non si possono rovinare tanto facilmente.
Niente foto, mi spiace, erano vietate anche quelle.

Usciamo da li' perplessi, per le opere e l'atteggiamento del personale e scopriamo che la mostra, in effetti, non sarebbe neppure finita.
Peccato che le restanti installazioni siano nella parte museale e nelle stanze del Castello, che è chiuso, dunque non sono visitabili ed il personale delle casse (anche li' in abbondanza), nulla ci abbia detto.

Eppure noi abbiamo pagato il prezzo pieno del biglietto (che avrebbe dovuto dare diritto anche all'accesso all'Edificio Castello).



Non resta che lasciar sfogare i bimbi all'esterno, che per fortuna merita, anche per la splendida vista su Torino di cui si gode.
Per noi, comunque, era bello stare tutti insieme una volta e vedere giocare i cuginetti, che si adorano e dunque il bilancio della giornata è stato positivo.




Non finisce qui, pero': alle mie domande e recensione negativa su TripAdvisor, il Castello di Rivoli non ha risposto e, guarda casa, la pagina "orari e biglietti" del sito è stata modificata un paio di giorni dopo la mia recensione negativa su TripAdvisor ed ora, sotto la data del 1 Maggio, riporta addirittura in grassetto la scritta: "La Manica Lunga del Castello di Rivoli, che ospita la mostra L’emozione dei COLORI nell’arte, lunedì 1° Maggio sarà straordinariamente aperta al pubblico dalle ore 10.00 alle 19.00."
Che prima non c'era e che comunque, mi permetto di far notare, non dice che l'edificio Castello era chiuso e dunque museo e parte di mostra non sarebbero stati accessibili. 

Non commento.

N. B. Questa è solo la mia personale opinione, basata sulla mia unica esperienza di visita, immagino ce ne siano state di migliori e mi piacerebbe conoscerle, se ne avete da raccontare! Anche perchè a me, in fondo, è rimasta la curiosità di sapere come sia dentro il Castello (pero' non ho voglia di tornarci...).