lunedì 19 giugno 2017

Per voi

È per voi questo lungo, noioso e faticoso ricovero.
È per voi il caldo, la scarsa igiene e le stanze affollate (perché l'invadenza e il chiasso meridionale anche in ospedale li riconosci e io sono piemontese riservata e attaccata alla privacy mia ed altrui fin nel midollo).
Sono per voi tutti questi esami e monitoraggi.
Sono per voi le calze anti trombo (e guardate che sono un vero sacrificio, con questo caldo!)
Sono per voi i fiocchi nascita che il fratellone ha preparato con grande cura ed ingegno e che aspetta di completare alla nascita, per scaramanzia.
Sono per voi i chilometri macinati dall'Alpmarito, mamma e nonna, per venirmi a trovare.
Sono per voi i tanti messaggi e le chiamate ricevuti, le visite a sorpresa e l'interesse intorno a me.
Sono per voi la maggior parte dei miei pensieri, tutti quelli che non sono per il ricciolino.
È per voi l'attesa, la preoccupazione, l'ansia e la trepidazione.
È per voi la pazienza.
È per voi il mio cuore che accelera i battiti ad ogni visita.
Sono per voi i sentimenti ambivalenti di questi giorni.
Sono qui, in attesa, per voi, 

siamo tutti qui, solo per voi.