giovedì 16 maggio 2019

Dal lettino al....lettone. Di co-sleeping forzato e migrazioni notturne

Principessa e Orsetto, in questo ordine ed a distanza di un giorno l'uno dall'altra, hanno imparato a scavalcare le sbarre dei lettini per uscire.
La prima volta Principessa è stata aiutata da Orsetto, evitando così di cadere.
La seconda volta il fratello non era disponibile e c'è stato il capitombolo.
Ad Orsetto, pure da solo, è andata meglio.



Fatto sta che è stato necessario scongiurare altre fughe pericolose togliendo le sbarre da un lato dei lettini.
E fin qui, è andato anche tutto bene, a parte qualche incursione nel lettone la mattina presto.

Solo che dopo un paio di giorni (decisamente pochi, a mio avviso), l'Alpmarito ha deciso di approfittarne per spostarli nella loro cameretta.
A parte la scarsa comodità della nuova sistemazione (che per me significa solo molte scale in più da fare), ieri il sonnellino pomeridiano e la prima notte nei lettini aperti nella cameretta sono stati un completo disastro.
Principessa ha dormito un'oretta e poi non c'è più stato verso, Orsetto si è addormentato dopo un tira e molla di due ore, quando ormai non era più il caso.
La sera, si sono addormentati con fatica ma, soprattutto, alle 3 erano entrambi nel lettone, l'uno arrivato autonomamente e l'altra dopo pianti e urla, per disperazione.

Vi dico solo che io ho dovuto migrare verso altre stanze (perchè un pupo nel lettone in mezzo ai genitori ci sta, due che si spingono  e tirano calci in continuazione, anche no) per riuscire a chiudere ancora occhio e tutti e quattro abbiamo domrito ad intermittenza e male.

L'Alpmarito intende tenere duro, io vorrei riportare i lettini in camera...chi la spunterà?!?

Incrociate le dita, non per me o l'Alpmarito, ma per il sonno in generale.
Perchè io ne ho bisogno, tanto.

A voi è successo? Come è andata? Fuori la sincerità!!!

10 commenti:

  1. Noi con la Isabelle che non dormiva mai abbiamo risolto proprio non appena è stata spostata da camera nostra (nel nostro caso messa in cucina!). Da lì, mai più una notte interrotta. Ma vedo che voi avete il problema opposto, se con voi dormivano bene... Dicono che sia meglio essere coerenti, quindi fare marcia indietro non è il massimo, ma è anche vero che sono piccoli: se vuoi riportarli in camera tua fallo subito, non dopo settimane di tentativi falliti, se no c'è ancora più confusione per i bimbi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avrei voluto tornate subito indietro,l'Alpmarito insiste.

      Elimina
  2. Fin che mia moglie allattava, avevamo il lettino in camera nostra. Poi le abbiamo subito spostate nella cameretta. Ancora oggi ci sono incursioni notturne nel lettone. Per fortuna poche e di solito quando la messa a letto è stata oggetto di litigi e discussioni. Ti consiglio di tenere duro. Magari lo fai già, ma ti consiglio di leggergli un bel libro seduta proprio nel loro letto insieme a loro (visto che da un lato le sbarre sono sparite). E poi, cosa importantissima, devi essere convinta te. Se loro percepiscono che non sei tanto convinta allora stai sicura che non vorranno dormire nella loro stanza.
    Un caro saluto
    Lorenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lettura la facciamo,sulla mia convinzione,invece,c'e'molto da lavorare.ora la fase addormentamento sta andando meglio,vediamo se migliora anche la notte.mi consola sapere che qualche risveglio c'è per tutti.

      Elimina
  3. Secondo me hanno ancora bisogno di sentirsi vicino ai genitori ed al sicuro. Ti consiglierei di tenere duro se la camera fosse vicino alla tua, ma la fase dei risvegli notturni indica bisogno di rassicurazione e la logistica complica un po' le cose. In questi casi o ti sposti tu in camera loro quando si svegliano e dormi con loro, o ricrei la situazione che avevate prima e ritenti lo spostamento più avanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora stiamo provando con il mio spostamento da loro.vedremo come va.grazie!

      Elimina
  4. Io, con tutti e quattro, non ho mai usato il lettino con le sbarre. Siamo passati dal dormire con mamma e papà al letto grande, con le protezioni ( non sono sbarre vere a proprie, si infilano sotto il materasso e sono alte non più di 50 cm ).
    Anche adesso, quando il Mino si sveglia, mi sdraio accanto a lui e aspetto che si riaddormenti. Per ora è in camera nostra, appena avremo capito come sistemare la cameretta traslocherà con i fratelli.
    ...e lì sì che sarà un disastro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primogenito era insofferente alle sbarre e gliele abbiamo tolte da un lato piu' o meno dall'anno. I gemelli, invece, adorano infilarci i piedini, giocare con le manine sulle sbarre e appoggiarsi ad esse. Comunque il letto aperto da un lato è piaciuto molto. Il passaggio alla camera da soli, invece, no.E io odio i risevglio notturni!!!

      Elimina
  5. Non posso esserti d'aiuto perché io ho amato e amo tutt'ora il coosleeping se posso e quando posso, perché loro hanno una grandezza che nel lettone oramai o noi o loro! Però il lettino in camera non ce l'ho mai avuto, ho avuto solo loro ;-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh eh, allora devi avere un letto extra large!

      Elimina

Un commento educato è sempre gradito!