venerdì 2 ottobre 2020

Escursioni con i bambini: al Col Giassit da Trovinasse, Settimo Vittone (TO)

 Il Col Giassit (come l'ho sempre sentito chiamare), o Col de les Jassit, come riporta la mia cartina, a 2032 metri  s.l.m.


è un colle al confine tra Piemonte e Valle d'Aosta, tra i comuni di Settimo Vittone (TO) e Lillianes (AO), in Val di Gressoney o Valle del Lys.

Vista sulla colma di Mombarone


E' posto in una bella posizione, poichè  consente una vista panoramica che spazia tra la Bec di Nona, il Mont Mars, la Colma di Mombarone (la cima preferita dagli eporediesi) e Punta Tre Vescovi. E' attraversato dalla Alta Via n. 1 della Valle d'Aosta 

Si puo' raggiungere il Col Giassit sia da Lillianes, con il sentiero segnavia n. 2a o 1, oppure dalle Trovinasse, lasciando l'auto appena prima della loc. Pianmaglio e imboccando la sterrata in direzione Trovinasse, al primo bivio per il Mombarone, proseguendo sulla sterrata per un tratto in piano, superando un altro il bivio per il sentiero 858 con indicazione Colma di Mombarone, 

 

 

nei pressi di una cascina con stalla e, alla cascina successiva, imboccando il sentiero che sale nel bosco, seguendo il segnavia  848, che ad un certo punto prosegue insieme al gta (gran traversata delle Alpi), oppure salendo dal Maletto, nel Comune di Carema. 

 

Noi prima di avere i bambini ci eravamo già stati sia da Lillianes che da Carema, perciò abbiamo optato, all'inzio dell'estate, per la salita da Trovinasse, a circa 1450 metri, seguendo il segnavia piemontese (rosso - bianco - rosso) n. 848.

A noi il percorso è piaciuto perchè molto vario, con un primo pezzo di sterrata in piano, 

 

seguita dalla salita prima in un bel bosco, poi tra prati con le mucche al pascolo, 

 

incrociando la sterrata che sale dal Maletto e poi ancora per alpeggi e ripidi prati, 


superando il "ponte Marina", 

 

con la vallata che si apre e allarga alla vista e, infine, l'Alpe Druer, l'alpeggio Chiavenuto 

 

e la croce sulla cima del colle, 

 

all' incrocio con il sentiero che sale da Lillianes, quello che prosegue verso il Col della Lace, Punta Tre Vescovi e la Colma di Mombarone ed il n. 3 che sale dal Col de La Liet.


 


Purtroppo, arrivati in cima ci siamo trovati avvolti dalla nebbia e con un bel vento freschetto , cosi' i bambini non hanno potuto scoprire il panorama ma, almeno, ci eravamo già fermati sotto, agli alpeggi, per il pic nic e la vista!

 

Non so se questa gita c'è piaciuta così tanto perchè non mi aspettavo una vallata cosi' verde e ampia oppure perchè è stata una delle prime dopo il lockdown ma, vi assicuro, per noi ne è valsa la pena...anche se i piccoli si sono addormentati a turno in braccio al povero papà in discesa.

 

 Essendo tarda primavera abbiamo ancora trovato un po' di neve, con cui i bambini si sono divertiti moltissimo, 

 

nonchè bucaneve, botton d'oro di uno splendido giallo dorato e altre fiori primaverili, 

 

oltre ad un ciclista ed una solitaria escursionista (nessun pericolo di affollamento nella conca di Trovinasse!)


Noi abbiamo impiegato 3 ore e mezza all'andata e due e mezza al ritorno, per 600 mt di dislivello positivo: tenete conto pero' che abbiamo avuto terreno bagnato e nebbia all'andata, sole caldo al ritorno, i gemelli a 2 anni e 11 mesi hanno camminato sempre all'andata e per buona parte della discesa ed era una delle prime uscite post chiusura...insomma, con bimbi piu' grandicelli o nello zaino considerate 2 ore di salita.

 




Nontiscordardimé, tra i miei preferiti





Infine, gelato artigianale buonissimo all'agriturismo Belvedere per premiare i bambini e...noi genitori! 

 


p.s. Noi abbiamo usato la Carta della Valle Dora Baltea Canavesana (Traversella - Oropa - Fontainemore), scala 1:20.000, MU edizioni, Euro 7,00, che si trova in edicole e librerie della zona. Ci sembra ottima perchè molto dettagliata e specifica per escursionismo e turismo.

1 commento:

  1. Che zona spettacolare! Noi è un po' che non camminiamo più...

    RispondiElimina

Un commento educato è sempre gradito!