venerdì 28 marzo 2014

Di librerie, biblioteche e piacevoli scoperte

Quando nulla gira come dovrebbe, l'unica cosa che da sempre ha il potere di risollevarmi il morale o almeno rasserenarmi un po', e' un buon libro.

Possibilmente da comprare dopo un'oretta passata in libreria, a sfogliare pagine, ammirare copertine e annusare l'odore di carta nuova, per poi scegliere quel piccolo scrigno di tesori che senti già tuo e non vedi l'ora di stringere tra le mani con possesso, pronta a tuffarti dentro (tanto che inizi a leggere mentre cammini per strada, che sbirci ai semafori e giri e rigiri per coglierne peso e sfumature).

Ultimamente, però, l'opzione libreria e' diventata un lusso.

Non tanto per motivi economici, quanto perché non ce ne sono minimamente forniti nel raggio di trenta chilometri, un'ora da passarci dentro proprio non ce l'ho e, soprattutto, la casa ha raggiunto un livello di saturazione tale che per farci entrare un altro libro deve uscire qualcosa d'altro e proprio non saprei da che parte cominciare. Quindi biblioteca.

L'aspetto bello e' che ne ho tre nel raggio di 5 kilometri, tutte ben fornite, accoglienti e dotate di bibliotecari/e gentili e disponibili, nonché di stanza per i piccoli lettori, dove puoi prenotare anche i titoli che vuoi e averli nel giro di una settimana al massimo. E poi ci sono gli scaffali delle novità, con tutte quelle copertine nuove esposte in bella mostra e quindici giorni di prestito per rubarne l'anima, se riesci ad arraffarle prima degli altri pretendenti (che, vi assicuro, sono molti ad ogni ora del giorno!)

Proprio tra quegli scaffali sabato scorso, dopo aver appena letto la recensione Lucia, (che a mio modesto parere, e' una garanzia) ho adocchiato questo romanzo, primo di una serie, per ora, di tre volumi:

"L'Allieva" di Alessia Gazzola, ed. Tea, novembre 2012, 12 Euro, 374 pagine.

Le mie aspettative non sono andate deluse, anzi.

Complice l'influenza e qualche altro virus (intestinale e non) che continua imperterrito ad accanirsi su casa nostra, colpendoci a turno ripetutamente da gennaio ad oggi (non se ne può più voglio la disinfestazione!) e che forse spiega la mia forzata assenza dal blog, l'ho divorato, lasciandomi prendere dalla protagonista, svagata (pure un po' troppo per essere credibile, eh) ma simpatica, dalle indagini e dall'atmosfera dell'edificio di medicina legale dove Alice Allevi, specializzanda, lavora a fianco del Supremo, del Boss, della Wally e di un affascinante superiore sciupa femmine.

C'è il giallo, c'è l'indagine, c'è il sentimento e ci sono le avventure professionali, c'è il lato comico e quello ironico, c'è la morte e la vita, l'amicizia e l'amore...c'è tutto in un romanzo leggero e divertente, ben scritto.

Una Patricia Cornwell più simpatica e meno cruenta, di casa nostra per di più. Inoltre, visto che l'autrice e' davvero un medico legale, quando parla di autopsie non credo faccia scivoloni.

Un romanzo che certo non è un capolavoro (e non aspira ad esserlo) ma tiene "... buona compagnia soprattutto in momenti di noia come lunghe attese o demoniche senza di meglio da fare, momenti in cui si ha bisogno di un libro che decomprima, in cui non si discuta dei massimi sistemi.Spero che in questi momenti in cui avevate voglia di leggerezza abbiate trovato il mio libro e ne siate rimasti soddisfatti", proprio come auspica l'autrice nelle note conclusive.

Ringrazio Lucia e Paola, che ha inventato l'iniziativa del venerdì del libro, cui partecipo di nuovo con questo post, per avermelo fatto scovare nel mare delle novità, proprio nel momento in cui ne avevo bisogno!