lunedì 3 agosto 2015

Succede a Luglio

Luglio.




Un mese faticoso come solo i mesi estivi, lui in particolare, sanno essere.
E' iniziato con la feste patronale della mia cittadina, la Fiera di San Savino, proseguita con pomeriggi o ore sparse al Lago Sirio e tanti momenti di arrampicata, da soli e con piccoli amici, in montagna ed in falesi.
Non abbiamo smesso di camminare, ma ci siamo dedicati anche ad un piccolo viaggio programmato da tempo: una giornata a Leolandia, nella quale ci siamo divertiti tantissimo, tutti e tre.

Ci sono stati problemi di insonnia (miei) e molti film e cartoni per ingannare le serate, tanti lavori domestici, le preoccupazioni ed i problemi non sono mancati, così come le spese, sempre maggiori, e la stanchezza.
Ormai è cronica e talmente forte che dimentico le cose dopo cinque minuti, fatico a stare dietro alle scadenze e impiego una giornata per fare ciò che prima facevo in mezza.

Abbiamo anche finalizzato un acquisto importante, però non sono mancati imprevisti e problemi neppure su quel fronte.
Luglio non è decisamente il nostro mese.

In compenso, è il mese del compleanno di entrambi i miei fratelli e il caldo ed il sole non sono mai mancati.

Ho corso poco, pochissimo, ma mi rifarò a settembre.
Ho letto abbastanza, però, e pure praticato yoga con una certa costanza.
Il cantiere-casa prosegue, ma sempre con tempi biblici e richiedendo attenzioni e tempo che fatichiamo a trovare.
Io sono stanca, mentalmente più che fisicamente.
Ok, forse l'avevo già detto ma questo luglio "stanchezza" = me.
Roba che anche pensare di dover preparare le valigie tra meno di un mese migetta nello sconforto e mi fa venire voglia di non partire. E' tutto dire.

Infine, le prime settimane di vacanze estive per il nano, le prime vere "vacane scolatistiche" della sua corta vita, perchè con il nido era stato quasi un continuato, salvo ferragosto.
E la prima volta al centro estivo, con i suoi pro ed i suoi contro, i miei dubbi e le mie paure, la sua voglia di giocare in compagnia ed contemporaneo desiderio di stare con i nonni e non avere nessun orario.

Infine, un taglio di capelli davvero netto per il mio ricciolino biondo, sempre ricciolo e biondo, per fortuna.
Però senza più i suoi lunghi boccoli con i "colpi di sole" naturali, a dire il vero ormai sfibrati e bisognosi di forbici. Lui ha insisto per tagliare, io avrei voluto appena spuntare, la parrucchiera ha optato per una saggia via di mezzo. Ora sta benissimo ed è contento, però il mio cuore di mamma ha perso un colpo!!!

E voi, come è stato il vostro luglio ?

Succede a Luglio è una idea di Mamma Piky, creatrice anche del "banner mensile" dell'iniziativa!