venerdì 25 settembre 2015

"Dov'è finita Audrey?"

"Dov'è finita Audrey ?" di Sophie Kinsella, ed. Mondadori, Euro 16, pag. 285
Un romanzo ironico e divertente, in pieno stile Kinsella, che indaga con delicatezza il rapporto madre -figli e il problema della difficoltà di crescere, dei disturbi adolescenziali e dei suoi risvolti, per fortuna nel caso di specie non così tragici.
Al centro del romanzo vi è un fatto di bullismo femminile solo accennato, mai descritto, a seguito del quale Audrey, ragazzina intelligente ma timida,cade in depressione.
La sua imperfetta ma magnifica famiglia farà di tutto per aiutarla ma la svolta arriverà solo quando un amico del fratello particolarmente sensibile e divertente riuscirà ad avvicinarla, dandole un buon motivo per uscire dal suo guscio.
Intorno ad Audrey si muovono una madre nevrotica, ansiosa ma mossa da tutto l'amore che solo una madre sa dare e che ha rinunciato ad un buon lavoro per stare vicino alla figlia, senza mai farglielo pesare, un fratello dipendente dai videogiochi che non riesce a far comprendere ai genitori il suo mondo, un padre un po' assente che cerca di non contrariare la moglie, le ex compagne di scuola ed una terapeuta.
Da questo mix nasce un romanzo che fa sorridere e cattura, portando a riflettere su temi importanti.
Mi è piaciuto molto e, devo ammettere, mi sono immedesimata ora nella mamma ora nella figlia, a seconda delle situazioni, segno di quanto l'età e la maternità mi abbiano cambiata!!!
"Il problema con la mamma e' che non conosce le cose di cui parla. Non lo dico come critica. È che gli adulti sono così. Sono ignoranti, ma hanno il potere. È una cosa da pazzi. I genitori hanno il controllo su tutta la tecnologia della casa e sulle ore passate davanti ad uno schermo e sui social network, poi però se il loro computer ha qualcosa che non va diventano come bambini e chiedono: "Cos'è successo al mio documento?", "Non riesco ad andare su Facebook", "Come si caricano le foto? Doppio clic come? Che vuol dire?".
E siamo noi a dover sistemare le cose." Pag. 137
"Ma sono stufa di questo dannato grafico che va su e giù" ho detto, frustrata. "Lo sai no, due passi avanti, uno indietro. È così doloroso.È così lento.È come giocare all'infinito al Gioco dell'oca."
La mamma mi ha guardata come se non sapesse se ridere o piangere e poi mi ha detto:"Ma Audry, questa è la vita. Abbiamo tutti un grafico che va così. Io per prima. Un po' si sale, un po' si scende. È la vita." Pag. 265
Ecco quindi a voi il mio consiglio di lettura per questo Venerdì del Libro.