martedì 28 giugno 2016

In campeggio con un figlio, ovvero l'evoluzione delle tende come metafora delle vacanze, da coppia a famiglia #diversamentevacanze.

Dopo più di cinque anni di assenza, io e l'Alpmarito ci siamo rimessi a viaggiare in tenda, come facevamo da giovane coppia innamorata.

E nulla è più uguale a prima.
A cominciare dalla tenda.

Premetto che da bambina e ragazzina io non ero mai stata in campeggio. Ricordo di aver dormito qualche volta in alberghi terribili, sporchi e cupi, di aver passato una notte (o quasi, il ricordo si è sbiadito ma mia madre lo sa di certo) in auto, perchè mio padre aveva la fastidiosa tendenza a non prenotare mai in anticipo e aspettare l'ultimo minuto per cercare un luogo dove trascorrere la notte.
Ricordo ostelli della gioventù, pensioncine, tanti rifugi di montagna con i bagni, ovviamente esterni e gelati, a picco sugli strapiombi e pure grandi hotel, ma niente campeggi.

Poi ho conosciuto l'Alpmarito e, essendo giovani e squattrinati ma volendo viaggiare, abbiamo iniziato a campeggiare.
La nostra prima tenda era in realtà la sua, una tendina da montagna da un posto, super resistente ad acqua e vento ma decisamente stretta e scomoda.
Tipo questa, per intenderci:

Immagine dal WEB
Veloce da montare, sicura e pure romantica (nel senso di intimità garantita), però provate a immaginare le contorsioni per vestirsi e vestirsi, l'assenza di zanzariera e, soprattutto, la temperatura raggiunta all'interno dopo una giornata al sole al mare.
Aggiungetevi una persona non abituata al campeggio, che parte con una valigia di quelle rettangolari, classiche , grandi e rigide, con praticamente tutto il guardaroba estivo e...capirete il mio trauma!

Però il risparmio era consistente, si poteva cambiare campeggio ogni notte, per una tendina così piccola si trovava posto sempre e comunque, io adoravo i viaggi itineranti e, soprattutto, la nostra tenda ci ha salvato in più di una occasione di pioggia torrenziale e vento forte, quando nel resto del campeggio c'era il fuggi fuggi generale e tutti erano inzuppati.

Anche le cose belle, però, hanno una fine e, rotte praticamente tutte le stecche della tenda e lacerato il telo dall'uso, è stato il momento di un nuovo acquisto.
Ha prevalso la comodità (cioè le mie proteste!), il caldo estivo che ci aveva stremato in tenda più di una volta e  lo spazio che, finalmente, in auto c'era, nonostante viaggiassimo con una piccola utilitaria a tre porte: io, infatti, negli anni avevo imparato a razionalizzare il bagaglio, a minimizzare i cambi e portare con me l'indispensabile per il campeggio, 
come un beauty con gancio e tanti scomparti chiusi e impermeabili, da appendere in bagno, 
l'antizanzare a pile, 
le pile frontali per leggere ed andare in bagno di notte, 
una scopetta per pulire la tenda, 
filo e mollette per stendere asciugamani ed eventuale bucato,
 un completo pantaloncini e maglietta come pigiama, per non girare di notte  in desabillé 
ecc. ecc.

E allora è stata la volta di una tenda come questa (anche se non rosa!):

Immagine tratta dal web.

Due (tre nel nostro caso) secondi per montarla, almeno dieci minuti per richiuderla (soprattutto le prime volte), tenuta all'acqua mediocre, resistenza al vento così così ma se "zavorrata" di bagaglio ottima, zanzariera e aereazione decisamente migliore dell'altra, perfetta anche arrivando in camping al buio e/o sotto la pioggia o l'invasione delle zanzare.

Però, però...
dopo un altro buon numero di viaggi, è arrivato infine il ricciolino biondo e l'opzione "campeggio" è stata scartata.
Lo so che francesi e tedeschi con lattanti al seguito insegnano che è possibile, ma io proprio non ce la potevo fare e, in fondo, lavorando entrambi qualche soldo in più lo avevamo (mentre i giorni di ferie si erano drasticamente ridotti).

Poi, archiaviate le fasi "seggiolone, passeggino, svezzamento, pannolini", lo scorso anno abbiamo deciso di riprovarci.

Riesumata la tenda dalla cantina della nonna bis, l'amara sopresa:
non ci sta in auto (sempre utilitaria ma un pò più grande e cinque porte) !!
Che poi l'Alpmarito, da bravo ingegnere, mi aveva avvisato ma io, che sono come San Tommaso, ho dovuto sbatterci il naso: il diametro era tale da occupare quasi interamente il retro dell'auto, senza lasciare spazio alle gambine del ricciolino biondo.
Dinnanzi alla scelta: o il figlio o la tenda, abbiamo dovuto desistere.

Quest'anno, però, ci abbiamo pensato per tempo e...ta dà!


Tenda quattro posti, con due camere laterali e "soggiorno" centrale!


Un mostro la cui grandezza, complessità e peso, anche da chiusa, non avevamo attentamente ponderato.
In auto ci sta, per carità, ma certo non rimane tanto spazio (dunque niente sgabelli, tavolino o simili).

Una volta montata, operazione che ha richiesto un'ora abbondante per un risultato che, alla prova pioggia, prontamente giunta ad allietarci, ha dimostrato essere stata effettuata con qualche "piiiiiiccolo" errore (con conseguente allagamento del "soggiorno" centrale), la tenda si è rivelata comodissima e gigante, comunque.
A prova di famiglia e con pure un pò di privacy !

Credo, però, che il tempo di "un campeggio diverso ogni sera" sia, almeno momentaneamente, tramontato.

Risultato di tre giorni/due notti in tenda? Io sono tornata a casa con un mal di schiena allucinante e le occhiaie profonde da "neomamma" dei primi giorni, l'Alpmarito ha dormito come al suo solito anche se maluccio, io ho impiegato due giorni a lavare la tenda infangata in giardino, farla asciugare e ripiegarla (ovviamente da sola) e abbiamo appreso che il costo dei campeggi è decisamente aumentato (o forse siamo noi che siamo rimasti indietro)
Anche se, per tranquillità, pulizia (impeccabile), vista sul Lago di Garda con spiaggia e piscina (due per bambini, una per adulti, di fianco a bar/ristorante e minimarket), presenza di giochi per bambini, questo li meritava tutti.






In compenso, il ricciolino biondo si è divertito, ha dormito come un ghiro nella sua "stanzetta", ora non vede l'ora di tornare in campeggio e da giorni chiede con insistenza, nei momenti più improbabile, di costruirgli, nella casa nuova, un bagno a misura di bambino come quello del camping, questo:






Per il resto, devo ammettere, campeggio, ostello o hotel non fa differenza, se si viaggia con un bambino:
le lagne in auto, le sgridate ed i richiami continui,
la fame improvvisa ed insopportabile cinque volte al giorno,
la carenza di sonno,
la mole di vestiti sporchi,
le corse in bagno,
le lotte per fargli la doccia e fargli lavare i denti
la necessità di programmare svaghi che siano anche a misura di bambino,
la difficoltà di fermarsi a leggere un libro,
la crema solare ovunque,
la stanchezza cronica,
ecc. ecc.,
non cambiano.
Solo che in campeggio devono sorbirseli pure gli altri poveri campeggiatori!

Come sopravvivere? Con tanta ironia e, soprattutto, ricordando che si è insieme e lontani dall'ufficio.

p.s. Glielo spiegate voi, a mio figlio, che non si resta bambini per sempre e un bagno così, per quanto bello, pulito e accogliente, in casa proprio non si può fare ?

Con questo post, partecipo al tema del mese delle #stormoms, #diversamentevacanze. Qui la pagina facebook delle StorMoms.