lunedì 26 settembre 2016

Il Grand Ru di Rhemes-Notre-Dame con un bambino

Da quando sono diventata mamma, le escursioni in ghiacciaio sono diventate un'eccezione ma ho scoperto tante meravigliose passeggiate "a prova di bimbo".

Una di queste, facile ma immersa in un paesaggio verde e tranquillo, è la passeggiata del Grand Ru.
La località di partenza è Rhemes Notre-Dame (AO), localitàsita nel cuore della Val di Rhemes (ne ho già parlato qui) , là dove la vallata "si apre" in prati e declivi, con la Granta Parey a fare da sfondo.


Il termine "rus" in Valle d'Aosta indica i piccoli canali di irrigazione che un tempo si usavano per convogliare le acque dei torrenti verso i prati ed i campi più lontani, spesso posti in luoghi impervi, così da sfruttare tutto il - poco- spazio a disposizione.
Venivano tenuti puliti e funzionanti dagli abitanti e proprietari dei campi, con giornate di lavoro ad intervalli periodici.
Ru deriva dal latino "rivus", ossia "rio", piccolo corso d'acqua.

Alcuni di questi rus oggi sono stati affiancati da bei sentieri, che consentono di camminare con il solo rumore del gorgoglio dell'acqua a fare da sfondo, magari seguendo una foglia o un ramoscello lungo il suo percorso, come ha fatto il ricciolino biondo!



Si parte dal sentiero che sale nel retro del paese, versante sinistro della montagna arrivando da Sud (località Bruil, mt. 1723). Ovvero: sponda orografica destra.
 Il sentiero inizialmente è lo stesso che conduce al Col d'Entrelor ed al lago Pellaud, però vi è subito la prima biforcazione, da un lato si prosegue a bassa quota verso il lago, dall'altro si sale verso il Colle.

Seguendo quest'ultimo percorso, si incontra il Ru.
A questo punto, non resta che costeggiarlo, verso Sud o verso Nord.
Io vi consiglio di andare prima verso Nord e, giunti al bivio ben segnalato, salire ancora verso la cascata dell'Entrelor, mt. 1800.


Si tratta di aggiungere pochi minuti di salita, per godere di questo spettacolo! Direi che ne vale la pena!



Il torrente Entrelor, che nasce nella cima dell'Entrelor (3430 mt), dopo aver formato la cascata, va ad immettersi nella Dora di Rhemes.
Proprio dalla cascata, si diparte il Grand Ru.



Tornate quindi dallo stesso sentiero fino al bivio e, a quel punto, dirigetevi verso sud, in direzione Alpe Canavesan (1800 mt).



Dopo un primo tratto in salita, per intercettare il grand ru e raggiungere la cascata, il percorso è pressochè pianeggiante e attraversa un bellissimo bosco di conifere, a monte degli abitati di Broillat (frazione Chaudanne, mt. 1820), Bruil e Chanavey.


Arrivati al termine del Grand Ru, si può scendere verso l'abitato e la strada asfaltata grazie ad un sentiero di raccordo che taglia per i prati in discesa. Poi, si imboccare il sentiero che costeggia la Dora (senza attraversare il ponte), per tornare verso il capoluogo (ossia il paese, dove c'è la chiesa), compiendo così un giro circolare, oppure proseguire ancora fino al lago del Pellaud, passando la frazione Chaudanne (Broillet o Broillaz).


Oppure, dal capoluogo (località Bruil), andando verso nord, si possono seguire, sempre sulla sponda orografica destra della Dora, le indicazioni per il lago Pellaud, poi dalla frazione Chaudanne (Broillaz-Broillet), salire alla cascata d'Entrelor, ridiscendere fino all'ultimo bivio e seguire il Grand Ru verso sud fino al'Alpe Canavesan, per poi scendere per i frati al fondovalle e risalire al capoluogo costeggiando la Dora.

Costeggiando il Grand Ru due anni fa!

O ancora, partendo dalla frazione di Chanavey (dove si trovano l'Ufficio del Turismo e gli hotels, per intenderci), salire verso l'Alpe Canavesan e percorrere il giro circolare in senso inverso (Gradn Ru verso nord, cascata d'Entrelor e poi scendere, per il sentiero segnalato, verso gli abitati di Broillat, Chaudane ed il lago Pellaud, rientrando infine verso il punto di partenza dal sentiero del fondovalle che costeggia la Dora).


Non importa la direzione che prenderete, sarà comunque una bellissima escursione, facile facile, anche considerato il sentiero comodo e lo scarso dislivello positivo!

Godetevi il rumore dell'acqua che scorre, il silenzio, il sentiero ombreggiato dagli alberi e gli scorci sulle montagne intorno a voi.



Tra l'altro, il lago Pellaud piace molto ai bimbi, perchè c'è tanto spazio per giocare sulle sue sponde (e anche tavolini da picnic e due bar nelle vicinanze, oltre ad un parco giochi).

Qui il ricciolino biondo al lago due anni fa!