venerdì 28 settembre 2018

Le letture di Mamma Avvocato: “Ragione e sentimento” di Stefania Bertola


"Ragione e sentimento” di Stefania Bertola, ed. Einaudi, 2017, pag. 224


Di questa autrice ho già parlato spesso, su questo blog (con  "Ne parliamo a cena", forse il più bello in assoluto, di cui ho raccontato sia le mie prime impressioni su questa autrice, sia quelle derivanti dalla rilettura ; "Ragazze mancine", altro riuscitissimo romanzo, al pari di "La soavissima discordia dell'amore"..; ed infine "La luna di Luxor", quello che ho apprezzato meno e "Il primo miracolo di George Harrison" una originale raccolta di racconti), qui perché i suoi romanzi mi piacciono davvero molto e non me ne perdo neppure uno.

In primis, è una scrittrice italiana, anzi, piemontese. E questo mi inorgoglisce (permettetemi un po' di sano campanilismo).

In secondo luogo, i suoi romanzi sono sempre ambientati a Torino, dove ho vissuto per quattro anni e che ho frequentato e frequento ancora, dove ho ancora qualche amica e dove sono nati i gemelli…dunque tra le pagine dei suoi libri, respiro aria di casa e riesco facilmente ad immaginare le protagoniste muoversi tra viali, controviali, vie pedonali, piazze, colline ecc. del capoluogo piemontese.

In terzo luogo, ma forse primo in ordine di importanza, sono scritti in un italiano corretto, con una prosa scorrevole, tanta ironia e una buona dose di leggerezza, anche se le protagoniste, tutte al femminile (i ruoli maschili sono sempre complementari), affrontano momenti difficili della vita.
È un po’ come se sapessero reagire con quell’innata imperturbabilità di facciata e quelle intime forza e  determinazione che, secondo me, rendono vincenti i piemontesi, seppur in modo poco appariscente.

In ogni caso, si tratta di romanzi rosa da leggere tutto d’un fiato, per ridere e sorridere e questo libro non fa eccezione.

Impossibile non sviluppare empatia per Eleonora e non sospirare come lei dinnanzi alla sua svagata sorella Marianna, alla disperata ricerca di un amore puro ed eterno, che somigli a quello descritto dai sonetti di Shakespeare, ed alle trovate della piccola Margherita, capace di elaborare lutti e cambiamenti rifugiandosi in un suo mondo parallelo, ove dialogare con i suoi fidanzati immaginari, niente meno che idoli del rock. 
Impossibile non sorridere, nonostante tutto, vedendo la capacità della madre, Maria Cristina, di mantenere ferme le sue signorili abitudini anche in povertà e, soprattutto, difficile non esultare quando Lux e Rossana, due "rivali” in amore ed in famiglia delle tre sorelle Cerrato, saranno abilmente rimesse al loro posto.

Alla fine, infatti, ragione e sentimento riusciranno a fondersi e trionfare insieme, nella migliore tradizione del lieto fine.
Insomma, una lettura che regala relax e buon umore!!!

Questo è dunque il mio consiglio di lettura per questo venerdì del libro.