giovedì 16 maggio 2013

Violenza gratuita, anche se su piccola scala

Ieri all'asilo, il nano è stato oggetto di aggressione immotivata da parte di un altro bimbo, che lo ha graffiato sul naso e sulla guancia (un graffio profondo, che gli ha aperto una brutta ferita neanche tanto piccola sullo zigomo), con relativo ematoma.
Nnn gli rimarranno i segni della varicella, ma rischia di portarsi dietro quelli che gli ha fatto  questo compagno.
Di nuovo.
E di nuovo le maestre non hanno voluto dirmi il nome del bambino, anche se il nano un nome lo ha fatto ed era convinto, ma non so quanto sia attendibile.
Sospetto che sia lo stesso bimbo che già due volte lo ha morso e un'altra volta graffiato proprio vicino agli occhietti.
Così arriviamo a quota quattro e io inizio ad essere stufa.
Cosa devo insegnare a mio figlio? A reagire, a spintonare? A subire e basta?
Non lo so. Non vorrei insegnarli la violenza neppure come difesa e reazione, però è troppo piccolo per discorsi e ragionamenti e poi la vita mi ha insegnato che con bimbi che agiscono così, non serve.
Serve mostrarsi sicuri e più forti, ma il nano è ancora così piccolo e indifeso.
Sono un pò arrabbiata con le maestre, con il nido e con la società, anche.
Perchè un solo bambino deve scatenare la paura negli altri, perchè trenta devono subire per non emarginare uno?
Ecco, visto che non è la prima volta e si è già comportato così con altri bimbi, mi piacerebbe che le maestre dessero un ultimatum ai genitori: o la smette o è fuori.
Non è una scuola dell'obbligo, è un nido.
E forse è brutto per questo bambino, che evidentemente qualche problema lo ha, visto che non fa male mentre sta giocando o per sbaglio ma improvvisamente e "volontariamente" (anche se certo non per cattiveria, non dico questo, ha solo poco più di due anni).
Però mi so un pò stufata del "buonismo", del "bisogna capire" una situazione difficile, un carattere difficile ecc.
Ho sentito questi discorsi per troppo tempo prima, da studente, ora non voglio sentirli da mamma.
Avrei voluto parlarne direttamente con i genitori del bambino, ma non mi è concesso e, comunque, se è chi dici il nano, dubito che parlare con loro servirebbero. Ho visto come si comportano.
Mi sento arrabbiata ed impotente.
Voi, cosa fareste?