venerdì 9 ottobre 2015

Tre letture di fine estate, molto diverse tra loro

Questa estate e' stata all'insegna della lettura. Ho letto veramente molto, anche per i miei standard, un po' per insonnia, un po' grazie ai giorni di vacanza e a qualche pomeriggio al lago.
Di molti libri letti ho già parlato, venerdì del libro dopo venerdì.
Ne ho lasciati indietro tre, che mi sono piaciuti e ho letto volentieri ma senza entusiasmarmi come gli per altri, per ragioni diverse.
"Io nuoto per amore" di Federica Pellegrini, pag, 99, ed. Mondadori, 2009, Euro 16,00
Ho già detto spesso quanto ami nuotare. Seguo anche le gare di nuoto, tuffi compresi, quando i media ed il tempo lo consentono. Quindi non potevo esimermi dal leggere questo libro, di una delle mie eroine, da un punto di vista sportivo. Ero molto curiosa, perché la Pellegrini e' diventata anche un personaggio pubblico, a volte molto chiacchierata per le sue scelte sentimentali, tanto criticata per i fallimenti, quando osannata per i successi.
Non è certo facile essere un agonista a tempo pieno, in qualsiasi sport. Richiede abnegazione e sacrificio, come far il musicista. Richiede volontà e determinazione.
E nel libro, si capisce che la Federica nazionale ne ha molta. Si racconta con sincerità ed immediatezza, in quello che è una specie di diario, purtroppo con molti buchi temporali, di raccolte di riflessioni.
Leggendolo, ho visto la ragazzina tormentata dal suo stesso successo ma anche la campionessa, il personaggio pubblico e i problemi di una ragazza "normale".
Lati di una personalità complessa come quella di ogni essere umano, che a volte vengono dimenticati dai media quando si tratta di giudicare o fare gossip.
Insomma, non un capolavoro e neppure una vera autobiografia, nessuna particolare rivelazione, ma un diario sincero che aiuta a comprendere un po' di più l'identità di una nuotatrice d'eccezione.
"Tutto, in me, e' una gara senza fine.
Una lotta di opposti, un continuo passaggio dal giorno alla notte, un alternarsi della luce più abbagliante con le ombre più cupe.
Questo è il mio carattere.
Questa sono io."

*****
"Operazione Cremlino" di Chris Ryan, pag. 353, ed. Longanesi &C.
Protagonisti di questo romanzo di spionaggio sono Rick, un SAS, e Sasa, soldato russo.
Inghilterra e Russia vogliono migliorare i propri rapporti dopo la guerra fredda e, su richiesta degli Stati Uniti, un gruppo di SAS, guidati da Rick, viene inviato in Russia per addestrare alcuni militari russi.
Lo scopo dovrebbe essere condividere trucchi e sistemi per collaborare e per aiutare i russi a sconfiggere la mafia, che rende instabile e pericoloso il paese e, per questo motivo, non piace neppure a USA e Inghilterra.
Ben presto, però, i SAS scopriranno che sotto c'è molto di più e dovranno adeguarsi, seppur di malavoglia, a fare il doppio gioco. Solo alla fine, dopo varie "missioni" con i russi, scopriranno di non essere stato gli unici!
Un romanzo dalla storia abbastanza appassionante ma scritto senza quella capacità di far immedesimare i lettori, senza quel ritmo della narrazione, che invece si trova nei libri di Andy Mac Nab, ad esempio questo o questo, anche lui SAS, come l'autore di questo romanzo, anche lui coinvolto nella operazione Bravo Two Zero.
Sicuramente consigliato agli amanti del genere ma senza aspettarsi che sia a livello di quelli di McNab!!
*****
"Le domande di Brian" di David Nicholls, pag. 393, ed. Beat
Ho comprato questo romanzo alla fiera del libro di Torino, dopo essere rimasta piacevolmente colpita da un altro libro dello stesso autore, "Noi".
Questo scritto non mi è piaciuto altrettanto, la storia mi è sembrata meno briosa, forse meno consona alla mia vita attuale.
È ben scritto, consente di immaginare bene il clima sociale e l'atmosfera dei luoghi evocati dall'autore, l'Universita di Bristol negli anni '80, la campagna, i programmi televisivi a quiz, le differenze culturali ed economiche tra gli studenti ecc., però il protagonista, Brian, non mi è mai risultato simpatico e non ho vissuto nessun tipo di immedesimazione.
Piuttosto, ho provato pena per lui, mi sono irritata per la sua sbadataggine e incapacità di guardare oltre l'apparenza, anche in ambito amoroso.
Mi sono piaciuti di più i personaggi collaterali, gli amici Spenser e Tone e la ragazza ebrea intelligente che sa vedere in Brian la persona che è, anziché quella che si sforza, senza successo, di diventare.
Un romanzo sui tormenti della giovinezza, sul desiderio di riscatto sociale attraverso lo studio e l'istruzione, sulle difficoltà relazionali, che forse ho solo letto nel momento sbagliato.



In conclusione: non sconsigliato del tutto ma neppure consigliato.