mercoledì 12 aprile 2017

La tomba dei Giganti di Lu Brandali e le Cave Romane di Capo Testa: la Sardegna storica

Uno degli aspetti che ci aveva colpito di più durante il nostro viaggio estivo in Sardegna di due anni fa, è certamente la compresenza di un mare straordinariamente bello, di un territorio interno tutto da scoprire e di siti archeologici molto interessanti.

Uno di questi è certamento il complesso di Lu Brandali, insediamento nuragico situato nel Comune di Santa Teresa di Gallura, forse più famosa per le sue spiaggie.



Il complesso comprende la Tomba dei Giganti, così chiamata per le pietre di grosse dimensioni usate per la costruzione, che hanno alimentato la leggenda di una tomba per figure giagntesche, mentre in realtà si tratterebbe della tomba del villaggio sito nelle vicinanze.
In effetti, le dimensioni dei resti sono davvero impressionanti e hanno colpito molto il ricciolino, nonostante all'epoca della nostra visita avesse solo tre anni.


La Tomba dei Giganti

Vi sono poi i resti di un villaggio abitato tra il XIV ed il X secolo a.c., nel quale ci siamo aggirati pieni di stupore e meraviglia, cercando di immaginare con il ricciolino come poteva essere la vita quotidiana all'epoca e fingendo di essere circondati da persone intente nelle loro occupazioni quotidiane.



Infine, il Nuraghe del villaggio, purtroppo non accessibile nel corso della nostra visita per i numerosi crolli avvenuti nel corso del tempo, se non per una torre alla sua estremità.

Il ricciolino si è divertito a farci da guida turistica con la mappa consegnataci all'ingresso e noi abbiamo respirato la storia, camminando nel complesso, prima di dirigerci al vicino Capo Testa, per ammirare la sua spiaggia e, soprattutto, i resti delle sue cave romane, affacciate sulla baia di Santa Reparata, dove abbiamo ammirato il tramonto.



In questo luogo, infatti, in epoca romana veniva estratto il granito, diventata vera e propria risorsa economica dell'isola insieme all'esportazione del grano.

Le formazioni rocciose, maestose, presentano i segni dei tagli sulle pietre e le pareti di granito, poichè la roccia veniva tagliata "a gradoni" dall'alto verso il basso, fino a spianare la parete, per estrarre i blocchi. 
Sono inoltre visibili i fori di inserzione dei cunei usati per lo stacco.


Il granito, oltre ad essere lavorato ed utilizzato in Sardegna, veniva esportato a Roma, per essere utilizzato nella costruzione dei monumenti.
L'insediamo di Capo Testa, tra l'altro, era importante perchè consentiva il controllo diretto delle Bocche di Bonifacio, da cui passava la rotta che collegava l'Italia con le provincie occidentali dell'Impero Romano.


Oggi, posso dire che il luogo è diventato affascinante, sia per la sua storia, sia per la sua bellezza paesaggistica.

Insomma, se visitate il Nord della Sardegna, non limitatevi ai bagni in mare, poichè perdereste un'occasione preziosa per voi e per i bambini!
Tra l'altro, rispetto al resto d'Italia, le tariffe d'ingresso ai musei, nuraghe e siti archeologici della Sardegna sono veramente simboliche: ad esempio, ingresso a 2 Euro per Lu Brandali, a 3 Euro al Museo Archeologico di Sassari ecc.

La spiaggia della baia, da cui si raggiungono le cave romane

INFO PRATICHE
p.s. I resti della Cave Romane si raggiungono a piedi dalla spiaggia della Baia di Santa Reparata, nel versante Nord-Est dell'istmo, tramite un sentiero che costeggia la scogliera, bene visibile, arrivando in pochi minuti e sono aperti e gratuiti.
La località turistica, che porta lo stesso nome della baia, noi non l'abbiamo visitata perchè moderna, così come non siamo stati nel paese di Capo Testa, comunque vi è di sicuro di che ristorarsi in caso di bisogno.
Sulla spiaggia infatti non ci sono bagni pubblici, fontane o altro.
Per la visita al sito di Lu Brandali, che si svolge a piedi (considerate un'oretta) - parcheggio interno gratuito- potete trovare tutte le informazioni a questo indirizzo.
Il sito è aperto dal 1 aprile al 31 ottobre. 

Nelle vicinanze, potete fare una sosta gelato a Santa Teresa di Gallura e, perchè no, salire sulla terrazza panoramicha della Torre cinquecentesca di Longosardo (se ne avete intenzione, sappiate che c'è un biglietto cumulativo  per torre e sito di Lu Brandali, qui le tariffe).
Il ricciolino nel nostro caso non ne aveva voglia ma già camminare sotto la torre offre uno scorcio meritevole di attenzione!

Scorcio di Santa Teresa di Gallura e la Torre di Longosardo

La vista di cui si gode camminando ai piedi della Torre

Post non sponsorizzato.