lunedì 1 settembre 2014

Del mare d'agosto e del nuovo anno

E siamo a settembre.
Qui da noi, a settembre comincia l'autunno, questa volta senza essere mai stata veramente estate.
Per me, l'anno è sempre finito a giugno e iniziato a settembre, con in mezzo quella sorta di limbo libero che erano le vacanze scolastiche.
Fra pochi giorni, poi il nano finirà il nido e inizierà la scuola materna.
E questo spiega la mia assenza dal blog.
Da ormai quattro settimane, quando riesco a meterlo a letto prima delle dieci, passo il resto della serata, fino a tarda ora, a ricamare a punto croce il suo corredino.
Il resto del tempo libero giornaliero (??), è consacrato alla lettura, senza la quale non posso vivere.

E poi ci sono state le vacanze, quest'anno intese solo come "assenza di lavoro fuori casa", anche se per pochi giorni.
L'Alpmarito non le ha trascorse quasi mai con noi (anche se avrebbe voluto) e in pratica non siamo mai partiti, pero' abbiamo "fatto cose" e "visto gente". Ve ne parlerò.
Niente riposo, non per me almeno, ma tanti stimoli e un'ora di dormita in piu' al mattino.

Dicevo, non siamo mai partiti veramente, salvo cinque giorni, vaggio compresi.
Troppi pochi per rilassarsi, per entrare nel clima, anche perchè siamo stati quasi sempre io ed il nano.
E' stato mare, un po' perchè dopo l'oceano della scorsa estate mi mancava, un po' perchè ci siamo fatti condizionare da quella antica credenza, credo ormai del tutto priva di senso, per cui i bambini almeno una volta all'anno al mare ci DEVONO andare.
Visto il poco tempo, la scelta è caduta sulla Liguria, la piu' vicina a noi.
Mai decisione fu più sbagliata.

Traffico, spiaggie libere quasi inesistenti, dei fazzoletti 6 * 2 mt (giuro, misurati) di sabbia o sassi sporchi e straripanti di asciugamani e gente, che per arrivare al mare dovevi fare salto in lungo e slalom in contemporanea, a livello olimpionico.
E poi, mi spiegate tutti questi bambini obesi e la maleducazione delle persone in spiaggia ed in campeggio ?!?
Un po' meglio Ceriale, solo sassi e un'infinità di cicche di sigaretta ad Albenga, mare praticamente inavvicinabile ad Alassio.
Prezzi esorbitanti, campeggio pulito ma vecchissimo e puzzolente di fogna,  adiacente ad un'altro con baby dance e poi musica da discoteca sino all'una di notte, tutte e quattro le notti.
Ci abbiamo messo una croce sopra.
Mare ad agosto in Liguria, no grazie.

Per fortuna, ci sono state anche le focacce (quanto è buona quella di Recco?!?), il mare pulito, i borghi incantevoli e ricchi di storia, come quello di Albenga, in cui perdersi e riperdersi.
























E poi le gite in trenino, i sassi lanciati sulla spiaggia o raccolti con cura,


 le letture e i giochi,


le passeggiate sul lungomare, le capatine nell'entroterra, il pesce e le pizze mangiati con gusto, le librerie,




la torre civica


Cosa sta facendo? Studia la meccanica della serratura e controlla le ruote!!! Giuro!

il trenino turistico e le grotte di Toirano (che meritano un post a parte), i parchi giochi e le camminate sul bagnasciuga.

Qui quello di Alassio, spettacolare!



 Alassio



e tanti chilometri di traffico e "Siamo arrivati???" ripetuto ogni cinque minuti.

 Tanto e poco insieme, condensati e concentrati.