giovedì 18 febbraio 2016

Sfidando la pioggia..

Sembra già passato un secolo da martedì scorso, martedì grasso.
Sembra già passato un secolo dalla fine delle c.d. vacanze d'inverno, ma sarebbe meglio chiamarle vacanze d'inferno, visto che sono vacanze per insegnanti e bambini o per quei pochi fortunati che possono concedersi una settimana bianca a febbraio (o quegli sfortunati che possono andare in vacanza solo d'inverno, perchè magari d'estate lavorano non stop, capita anche questo).

In ogni caso, siamo sopravvissuti e abbiamo sfidato il tempo inclemente.
Sì, perchè dopo due mesi ininterrotti di siccità, ha piovuto e nevischiato giusto a Carnevale, bagnando battaglia delle arance, rievocazioni storiche, spettacoli pirotecnici e sfilate di carri allegorici e gruppi in costume.

Noi, però, siamo una famiglia di temerari (per i canoni italiani, si intende; probabilmente nei paesi del Nord Europa ci considererebbero dei rammolliti) e quindi io ed il ricciolino siamo andati comunque ad assistere alla sfilata del martedì, senza quasi utilizzare l'ombrello (=usato nella mezz'ora di camminata per raggiungere il centro del paese e poi dimenticato a casa di un amichetto quando sarebbe servito).

Il Petit Prince di casa ha trovato copricati alternativi, pur di sfoggiare in tutto il suo muscoloso splendore il suo costume di Capitan America


 Avrei voluto arrangiarmi anche quest'anno con i vestiti ed il materiale in casa, per confezionare una sorta di costume, come avevo fatto lo scorso anno con il travestimento da diavoletto, ma poi tempo tiranno, l'Alpmarito e altre priorità mi hanno fatto desistere e ci ha aiutato Kiabi.ù

Il ricciolino biondo ha apprezzato tantissimo, anche perchè aveva ampiamente chiesto di travestirsi da uno degli Avengers (con esclusione della "femmina" e di "occhi di falco", perchè con un costume non abbastanza colorato, pare).


La sfilata in sè è stata abbastanza "povera", quest'anno, proprio a causa della pioggia. Niente a che vedere con quella del 2015 o del 2014.

 Tuttavia ci sono stati comunque gruppi e carri colorati da ammirare, come questi simpaticissimi mattoncini Lego..


 ..o il fantasioso "Ipermarché Bousc Daré", supermercato locale di fantasia, "Duert a Carlevé", ossia "Aperto a Carnevale", con tanto di Fontina, carrelli, commessi addetti alle pulizie e pagnotte fragranti.


e quelli dei personaggi storici, la Ninfa, San Martino, il Diavolo ed i Salassi..


accompagnati dalla Banda Musicale e  dai Pifferi e Tamburi di Arnad...



...il ricciolino ha visto i suoi amichetti, ha lanciato coriandoli, raccolto e mangiato caramelle e finito la giornata a far merenda da uno dei suoi amici del tempo del nido.


Quindi, per quel che ci riguarda, è andata comunque bene!!!


Non c'è dubbio, infatti, che con l'arrivo di un bambino in casa cambino abitudini e si scoprano nuovi modi per partecipare ad eventi tradizionali o non e per continuare a fare ciò che ci piace.
Nel nostro caso, archiviate per un pò alcune delle uscite serali carnevalesche e ridotto il tempo dedicato alla battaglia delle arance e/o a fagioli grassi e feste mascherate, mi sono dedicata a far conoscere ed apprezzare il Carnevale anche al Petit Prince.
Le feste sono diventate un pretesto per incontrare i suoi amichetti ed i loro genitori, per passeggiare per i paesi addobbati, per creare o cercare costumi e per godere, ancora una volta, della sua felicità e allegria, cercando di schivare i momenti di capricciosa stanchezza!

E voi, siete stati a qualche sfilata? Come si sono vestiti i vostri bambini? Il tempo è stato clemente con voi?