giovedì 15 agosto 2013

O.C.E.A.N.O. ..ovvero...+ 9 in Portogallo

Ieri, come promesso al nano, siamo tornati al mare, questa volta tutti e tre, di nuovo ad Apulia, meno turistica e rinomata della vicina Ofir, dove siamo stati io ed il nano martedì, senza trovarci un granché bene.
La spiaggia era pulita e l"oceano anche, però...tanta sporcizia nei bagni pubblici, nessuna alternativa, una sola doccia per tutta la spiaggia ( e parlo di km), persone un po' puzzolenti e camerieri, gestori e ambulanti scortesi e pronti ad approfittare di una turista sola con bimbo, taroccando i prezzi e dandole una tenda che puzzava di pipì di cane...e tanto affollamento, stile spiaggia ligure a Ferragosto, solo tutto un po' più sporco.
Il paese di Ofir e' praticamente inesistente, il lungo mare invaso da orribili casermoni di tredici piani squadrati che rovinano quello che sarebbe, invece, un paesaggio da sogno, senza, per contro, i bei mulini a vento antichi trasformati in case di vacanza di Apulia.







Il nano, comunque, si è divertito come un matto con il suo nuovo secchiello e le palette (una per se e una per la mamma che deve sempre "aiutare" a fare castelli e formine che lui possa poi distruggere!!!), abbiamo corso insieme incontro alle onde per poi scappare veloci sulla spiaggia, le mie impronte enormi e goffe accanto alle sue di bimbo, la sua risata di cuore contagiosa ed i suoi riccioli biondi ribelli al vento, in un mare di capelli castani e corvini.
Pranzo con frutta fresca e un po' di prosciutto, perché vedere tante persone sovrappeso che si ingozzano sulla spiaggia a me fa, sinceramente, passare la fame...e poi il vento era freddo, come l'acqua, ma il sole picchiava implacabile!!!!
Ieri, ad Apulia, ci siamo divertiti ancora di più, noi tre insieme, a ridere e giocare con la sabbia e le onde, il nano sempre più audace, io sempre più avvezza alla spiaggia, il paesino vestito a festa molto più suggestivo di quello del giorno prima ed una buona scorta di acqua, uva, prugne e banane....
E l'oceano, naturalmente.
Non sono una tipo da spiaggia, decisamente, anche se ogni anno anelo a qualche giorno al mare, non fa davvero per me, non se c' e' sabbia, ecco.
Mentre le altre mamme spalmano una volta la crema ai figli e nessuna o quasi a se stesse, io riempio ripetutamente me ed il nano, entrambi rigorosamente con la canotta ed il cappellino, passo quasi tutto il tempo nella tenda o sotto l'ombrellone e mi scotto comunque, se non mi faccio la doccia subito dopo il bagno, l'acqua salata mi irrita la pelle e lo stesso, ahimè, ho visto che accade al nano.
E la sabbia, che si infila dovunque, sporca ovunque, te la trovi ovunque...ne farei volentieri a meno!!
Però, però, trovarsi al cospetto del mare e dell'Oceano, soprattutto, mi da l'inebriante sensazione di vivere l'immenso, di assistere, piccolo eppure non irrilevante puntino nell'universo, alla magnifica grandezza di una natura che è insieme madre e padrona, che mi lascia estasiata, timida e grata dinnanzi a Lei.
La stessa sensazione che provo in ghiacciaio, giungendo al cospetto delle Alpi o delle Dolomiti, attraversando un ruscello di montagna o fotografando il velo d'acqua di una cascata...
E allora, nonostante la mancanza di una doccia (si paga la tenda ma non si ha null'altro, ne' bagni - solo uno pubblico e sporco per tutto il comune- ne' acqua corrente e/o docce e a nessuno sembra interessare...ma come faccio a pulire il bambino dalla sabbia e a cambiario???E a lavare la frutta? Boh!!), qualche volta, ne vale la pena!
Oggi, ferragosto.
Altro giorno altro scenario.
Valenca de Minho e Ponte de Lima.
Due località incantevoli.
La prima, un intrico di stradine all'interno di due cittadelle fortificate gemelle, collegate da un unico ponte, perfettamente conservate, con una magnifica vista sulla compagna e le cittadine circostanti ed il fiume Minho, al confine con la Spagna.
Suggestiva e bella, nonostante sia invasa da negozietti che vendono solo asciugamani, tovaglie e biancheria per la casa, diventata l'attrattiva turistica della città.
Il nano e' rimasto estasiato da un altro giro sul trenino turistico che, comunque, ci ha consentito una bella vista panoramica di tutto il perimetro delle mura fortificate.
Pic nic alle porte della cittadella, su antiche mura e sotto l'ombra rigenerante degli alberi, nel verde di una regione ricca di boschi e vigneti.
Poi questa. Ponte de Lima (moooolto ma moooolto meglio della vicina Ponte de Barca).
Descritta come la più antica città del Portogallo, con il ponte romano più antico e lungo del Paese...31 arcate perfettamente conservate (ed in parte rifatte, eh), un lungo fiume usato come spiaggia veramente incantevole, anche se un po' affollato (d'altro canto, e' ferragosto pure qui) e una cittadina piccola ma signorile ed accogliente, con angolini medioevali e chiesette romaniche.
Cena in un un ristorante consigliato da Routard,Baccalà cucinato alla moda locale, con purea di patate ed erbette, m.e.r.a.v.i.g.l.i.o.s.o.!!!
E domani...ancora non lo so, visto che l'Alpmarito dovrà lavorare...vedremo. Buona notte!


martedì 13 agosto 2013

+ 6 in Portugal

Domenica, con l'Alpmarito fra noi, abbiamo pensato di sfuggire all'opprimente calura rifugiandoci nel Parco National de Penada - Geres che la Lonely Planet descrive come "montagna".
Ingenui.
Non solo non faceva affatto fresco e siamo arrivati se va bene a 300 mt sul livello del mare (meno del Canavese!), ma essendo domenica erano chiusi tutti gli uffici del turismo e quindi...non abbiamo capito dove fossero questi benedetti sentieri per inoltrarsi nel bosco, non segnalati da nessuna parte e che nessuno pareva conoscere...
Ponte Da Barca, con il suo lungo fiume trasformato in spiaggia dai locali (con tanto di ombrelloni, giochi nella sabbia, bar e trampolini) ed il suo minuscolo o quasi inesistente centro storico, non meritava granché, se non per una sosta pic- nic all'ombra dei salici piangenti.
Molto più carina la vicina Arcos de Valdevez, immersa in una caotica festa popolare che pare duri 15 giorni, dove ci siamo appisolati ascoltando due bravissime bande e abbiamo assistito ad una suggestiva rievocazione storica con chiatte trasportanti torri medioevali e statue della Madonna in miniatura sul fiume....insomma, una festa come quella dei paesini intorno a dove vivo, solo moooolto più chiassosa.
Cena in un ristorante locale con carne ottima e ottimo vino, in compagnia del pilota portoghese e di un'altra tecnico di base nelle vicinanze.
E si, perché, abbiamo anche lavorato eh!!!
Il nano si è divertito come un matto ad aiutare l'Alpmarito a lavare gli elicotteri, nonché a guardare incantato decolli e atterraggi, fino alle 9 di sera, quando finalmente gli uomini ( e la donna, hanno arruolato anche me) hanno smesso di lavorare.
Oggi, invece, io ed il nano siamo stati a Citania de Briteiros, il più importante sito archeologico del Portogallo, museo a cielo aperto del più vasto gruppo di insediamenti di origine celtica diffusi nel nord del paese, risalenti ad almeno 2500 anni fa.
7 ettari molto suggestivi, in posizione incantevole e panoramica sulla cima della collina più alta nei dintorni di Braga....da visitare senza passeggino, però, perché i vicoli tra le fondazioni delle case sono rimasti quelli di un tempo.
A dir poco audaci le pendenze e i tornanti della strada per giungerci, resi pericolosi dalla particolare guida portoghese....
Adoro questi "sentieri tra le città che furono", che lasciano spazio all'immaginazione, facendoti respirare la storia.
Pomeriggio in girula nel centro storico di Braga, visita alla splendida cattedrale e giretto con l'immancabile (ma sempre amato dai bambini) trenino panoramico, fino a che il nano non è crollato sul passeggino.
Pesce alla griglia e vino rosso (pare che qui facciano il contrario che da noi, rosso con il pesce e Vinho verde o bianco con la carne...) per concludere la serata.
Peccato solo non avere un po' di compagnia: condividere ciò che si vede, secondo me, accresce il piacere e stempera la noia delle soste obbligate ad ogni giardinetto pubblico ( e c'è ne sono abbastanza) che incrociamo...
Domani, forse, di nuovo
OCEANO.

domenica 11 agosto 2013

Porto e Guimaraes...ovvero + 4 in Portogallo

Sabato.

Sveglia naturale (=decisa dal nano) più tardi del solito, colazione rilassata, pigre riflessioni su cosa vedere e dove andare ,l 'Alpmarito, un po' malaticcio per una brutta scottatura solare dei giorni scorsi (presa nonostante fosse interamente vestito), a nostra disposizione per tutto il fine settimana...insomma, un po' di clima vacanziero, finalmente.

Alle 10.30, circa tre ore più tardi di quanto avremmo fatto pre-nano, ci dirigiamo alla volta di Porto o Oporto, ad una quarantina di km da Braga, percorsi rapidamente in una tortuosa ma poco trafficata autostrada a tre corsie.

Parcheggio centrale un po' caro, ma comodo e, comunque, non ne troviamo di liberi.

Ci affascinano i vicoli della città vecchia, angusti, tutti uno scalino ( e pazienza se è faticoso con il passeggino, ne vale la pena), con i panni stesi ad asciugare tra le vie e con stenditoi di corda improvvisati sulle antiche mura, una signora che cuoce verdure alla brace direttamente di fronte alla sua porta di casa, nel vicolo, finestre aperte da cui chiacchierano, affacciate, altre donne, portoni di ingresso da cui escono, ad alto volume, musica e rumori di vita, tantissimi piccioni appoggiati un po' ovunque, rivoli di acqua e non voglio sapere cos'altro per terra e un po' di sporcizia, facciate fatiscenti alternate ad altre ben tenute e ricoperte di azuleias colorate, svolte improvvise e magnifiche chiese decorate che si ergono di fronte ad improbabili spianate, e poi...e poi il fiume, il variopinto lungo fiume (la Ribeira), le bancarelle, gli odori di cibo, fritto, pattume, sudore, spezie, profumi che penetrano ovunque...vita.

Il famoso ponte di ferro di Gustavo Eiffel, le Iglesie ricoperte di azuleias azzurre e bianche, palazzi in stile liberty e viali alberati, fontane scenografiche e sedie e tavolini lasciati li, in centro nella parte "non nuova ma quasi" della città, per donare riposo e frescura ai visitatori e ai locali...l'impressione di una vecchia capitale caduta un po' in dissesto, con il centro storico solo minimamente ristrutturato ed abitato e i grandiosi fasti del passato in un centro "moderno" ben tenuto e curato, cuore politico ed economico.

Pranzo, ahimè, al Mc Donalds, perché il caldo opprimente, che nei giorni scorsi era sempre temperato da piacevoli brezze fresche, si fa sentire e l'unico ad avere fame e' il nano ( entrare in un ristorantino in tre e consumare in 1, anzi 1/2?)

Anche qui noto, come già mi era capitato in altri paesi, che il Mc non è affatto così standardizzato come si pensa: zuppa di legumi o verdure, tante salade con frutti di mare e formaggio fresco e nessun Mc nuggets ( non so come si scrive perché non sono una frequentatrice abituale) denotano attenzione ai gusti locali.

E poi, come fanno a essere sempre in edifici bellissimi esattamente al centro delle città???

Proseguiamo la nostra visita, saltando, per questa volta, l'altra riva del Douro ossia la zona di Villa Nova de Gaia: fa troppo caldo, e' troppo presto per infilarsi in una cantina a sorseggiare il vino e l'Alpmarito e' tutt'altro che in forma....si riparte, sapendo che torneremo un'altra giorno.

Guimaraes: un gioiellino, una cittadina incantevole da girare a piedi in un pomeriggio, ci cattura con il suo fascino medioevale.

Forse molti non condivideranno ma, per me, e' meglio di Porto.

Qui nacque, nel 1100, Alfonso Henriques, primo re del Portogallo indipendente, che sempre da qui lancio l'offensiva contro i mori durante le guerre della Reconquista, diventando così il re del Regno del Portogallo.

Il centro, non molto esteso, e' un labirinto di viuzze con case dalle bellissime e colorate facciate in legno ( e non azuleias), piazzette incantevoli e palazzi e chiese più o meno del 1300, fino a giungere alla cima della collina dove si staglia l'imponente castello ( difficile definirlo solo un palazzo) del primo Duca di Braganca (XV secolo), immerso in un parco ombreggiato e fresco, dove sdraiarsi nell'erba con il naso all'insù o giocare al girotondo con il nano!

Il parco ospita anche la chiesetta medievale del castello e un imponente torrione, con una parte delle antiche mura fortificate...un luogo ricco di fascino, che ben si presta a scalate improvvisate sulle mura del nano ( e nostre).

Cena finalmente in un vero ristorantino sulla più bella piazza interna del centro, su cui si ergono una chiesa e suggestivi portici medioevali, mangiando baccala' alla griglia con patate e cipolle, sardine alla brace e tortino locale, il tutto accompagnato dal famoso Vinho verde (un po' asprigno ma fresco e leggero), circondati dalle facciate colorate delle case le cui finestre, all'imbrunire, si sono accese di mille luci, rendendo magica la piazzetta e la serata.

Peccato per il caldo, l'Alpmarito malaticcio ed il nano un po' capriccioso (un po' annoiato da tanto girovagare senza svaghi a sua misura)....per il resto, ottima giornata.

L'unico mio rammarico e' che, da quando viaggiamo con il nano, non riesco più a leggere le informazioni storiche ed artistiche dei monumenti ne' a visitare musei o luoghi di culto, se non raramente e con il contagocce. È un aspetto culturale che mi manca ma mi auguro che, quando crescerà, sarà di nuovo possibile anche questo.

sabato 10 agosto 2013

Piccola cronaca di viaggio: + 3 in Portogallo

Portogallo, regione del Minho, Nord del Paese.
Siamo di tappa a Braga, terza città del Portogallo, dove soggiorna l' Alpmarito e dove siamo giunti dopo un volo travagliato Bergamo Orio al Serio- Oporto.
Questo per me e' un periodo sfigatello ed infatti....arriviamo all' aeroporto con mezz'ora di anticipo sull'apertura dell'imbarco bagagli (4.00 a.m.), dopo esserci addormentati alle 11 p.m. ed io risvegliata alle 00.30 per nubifragio ( chi ha lucernari in camera può capire)....ma non divaghiamo.
Blackout di non si sa cosa, impossibile chiamare i voli, imbarcare i bagagli e fare i controlli di sicurezza, porte bloccate e aria condizionata fuori uso....il tutto mentre centinaia di persone si ammassavano in una stanza, in attesa, con bimbi e bagagli (il problema riguardava TUTTI i voli!)
Alle 5.45, con più di un'ora di ritardo, finalmente la situazione si sblocca, io sono la seconda della fila, imbarco il bagaglio(12 kg...brava eh?) e corro ai controlli, superati in un lampo perché in realtà non funzionava nulla e facevano solo finta...corsa al gate, sulla fiducia perché indicato a voce dalla hostess e non segnalato ne' sugli schermi delle partenze ne' al gate stesso..alle 6.45 si inizia a salire, alle 7.55, finalmente, si decolla.
Il nano ha dormito un'ora e trenta, e' stato mediamente paziente in aeroporto e ha giocato senza grossi danni l'ultima ora e mezza di volo...siamo arrivati stanchi dalla notte insonne ed in ritardo ma..che gioia buttarsi tra le braccia dell'Alpmarito!!
Abbiamo girato senza metà per Braga, davvero una bellissima cittadina con un centro barocco, tanti spazi verdi, fontane, aiuole e giochi per bambini.
Nanna presto.

La bella, elegante e un pò decadente BRAGA























Ieri, invece, io ed il nano, con la nostra auto a noleggio, siamo andati a visitare  
BARCELOS
un paesone a 20 km circa famoso per la Feira ( mercato) del giovedì.....una quantità di gente impressionante ed un immenso mercato che NON abbiamo visto, salvo che per una bancarella a lato in cui abbiamo comprato un cappellino della nazionale di calcio per il nano, visto che il suo l'avevo dimenticato in albergo.
Troppa confusione per il nano.







La cittadina, in compenso, e' veramente molto carina e merita una visita: torre medioevale, giardini centrali, viuzze dello shopping con palazzi ricoperti dalle caratteristiche azuleias colorate e tante fontane...




in più su una altura che domina la cittadina, ci sono i resti del castello ducale, in un suggestivo piccolo museo archeologico all'aperto, ad ingresso gratuito..bellissimo.




 Il galletto con corpo nero dai disegni variopinti e la cresta rossa, uno dei simboli del Portogallo, deve i propri natali proprio a Barcelos ed è simbolo di fede, buona fortuna e giustizia.


"Racconta la leggenda che gli abitanti del borgo erano allarmati perché qualcuno aveva commesso un omicidio ma non si riusciva a trovare il colpevole. Un bel giorno in città fece la sua comparsa un galiziano dall’aria sospetta; le autorità decisero di imprigionarlo e, sebbene l’uomo non si stancasse di proclamare la propria innocenza, nessuno credeva si potesse davvero trattare di un pellegrino diretto a S. Tiago de Compostela per mantenere una promessa.

Condannato alla forca, l’uomo chiese di essere portato al cospetto del giudice, che stava banchettando con alcuni amici, per riaffermare la propria innocenza. Poiché nessuno sembrava credergli, il galiziano indicò un galletto arrosto che era sul tavolo e disse: “Quanto è vero che sono innocente, quando mi impiccherete questo gallo canterà!”.

E ciò che sembrava impossibile, divenne realtà! Infatti, proprio quando il pellegrino stava per essere impiccato, il galletto arrosto si alzò dalla tavola e cantò. Il giudice corse alla forca e, nel vedere che il nodo della corda aveva impedito che l’uomo venisse impiccato, ordinò che fosse liberato immediatamente, lasciandolo andare."
(da https://www.visitportugal.com )

Tra l'altro, siamo stati così fortunati da imbatterci in una giornata dedicata a pompieri e polizia, così il nano ha potuto salire sul camion dei Vigili del Fuoco e sulla motocicletta della Polizia...era estasiato!


Oggi, invece, io ed il nano siamo andati sull'Oceano, ad
APULIA

paesino di campagna un po' trascurato, con negoziati di cianfrusaglie di mare, orribili condomini e belle spiagge di sabbia chiara, anche se di una consistenza più granulosa della nostra (ricorda la farina grezza, più che sabbia). Non pulitissima, a dire il vero.
D'altro canto, basti pensare che c'è un unico bagno pubblico per tutto il paese e nelle spiaggie non ci sono doccie, nè per i piedi nè integrali, neppure a pagamento.

 Contrasti portoghesi

Sulla spiaggia affiorano rocce e roccette, intorno alle quali si formano pozzette di acqua calda, ideali per il gioco e il bagnetto dei piccoli (la temperatura dell'Oceano, mi hanno detto, si aggira intorno ai 15 gradi).


Abbiamo affittato una sorta di tenda beduina (8 euro tutto il giorno, a me sembrava tanto ma non conosco i prezzi correnti in Italia) visto che il sole picchia duro e, soprattutto, si rischia di non accorgersene per il costante venticello fresco che, a tratti, si trasforma in un fastidioso ventaccio ( ed allora senza tenda e' un problema con un piccolino e/o con la mia pelle). Non l'avrei mai detto ma...e' davvero comodissima e in più secondo me ha un tocco di esotico che mi piace!


Abbiamo oziato tutto il giorno, il nano ha giocato con la sabbia e con altri bimbi, perché la lingua per lui non è un problema e, per fortuna, per ora neppure la condivisione dei giochi.




Vorrei accompagnare questa piccola cronaca di viaggio con le foto ma non posso, perché avendo a disposizione una Reflex, non uso l'Ipad ( che mi fa da navigatore, ora) che mi sono ben guardata da tirare fuori in spiaggia e non so ancora, ammesso che sia possibile, scaricare la scheda direttamente sul tablet.
Questo e' il brutto della Reflex...una volta che la provi, non torni più indietro, neppure se devi portarti costantemente al collo 5 kg di macchina ed obiettivo, neppure se rischi furti o danneggiamenti, perché non c'è fotocamera di tablet o telefonino che tenga.

Quanto ai portoghesi...per ora posso solo dire che sono molto gentili ed educati, che guidano come dei pazzi, ad una velocità folle anche in città, senza rispettare gli stop e viaggiando sempre in centro strada, meglio se tra una corsia e l'altra in autostrada, eppure...se ti avvicini alle strisce pedonali, inchiodano per farti passare!!
Le autostrade sono poche trafficate, hanno pendenze assurde per gli standard italiani e curve a gomito una dietro l'altra, che ovviamente loro prendono ai 150 km all'ora o giù di li senza scomparsi.
Rispetto all'autostrada della Valle d'Aosta (la più cara d'Italia) e alle altre del Nord del nostro paese, sono convenienti ma, a quanto ci dicono, per loro troppo care.
Che altro?
Niente, o meglio, tutto.
Mi godo paesaggi sconosciuti, curiose viuzze, un verde rigoglioso, santuari con splendide e lunghissime scalinate (Bombe De Jesus, a 5 km dal centro di Braga, con magnifica vista sulla città e i dintorni perché posto su una collina molto panoramica) parchi a sorpresa appena dietro detti santuari
e nuove conoscenze.

Come la portoghese che vive a Zurigo ma ha imparato l'italiano e il francese che oggi, spontaneamente, mi è venuta in aiuto al bar della spiaggia e ha voluto sapere tutto di noi, riuscendo anche a non essere invadente.

Come la moglie del proprietario del suddetto bar, con due bimbe di tre e due anni e una nipotina più o meno di tre, che si è sistemata nella tenda di fianco alla nostra perché le bimbe potessero giocare con il nano e, in cambio dei sassi che lui, riconoscente, le portava, gli ha elargito frutta fresca e croissant.
Come i campi di patate e l'animo contadino del paese che la nuova app che mi fa da navigatore satellitare, mi ha fatto scoprire nel disperato tentativo di portarmi a destinazione (grazie eh? Fa piacere, sei gentile, ma il tuo ruolo sarebbe quello di farmi arrivare per la strada più breve e magari larga abbastanza per passarci!!!)
Insomma, il bello del viaggiare, anche se con un nano non sempre facile da gestire al seguito, visto che l'Almarito in questi due giorni ha lavorato, arrivando alle otto per cena ( ad esempio, difficilissimo andare in bagno...lascio il nano solo e mi porto il borsone - non ho una borsa, ma una bordo a del cambio con dentro di tutto!- , prendo il nano e lascio il borsone ed il passeggino, porto entrambi...ma come faccio a starci?)

martedì 6 agosto 2013

Conto alla rovescia

Dunque, fra poche ore io ed il nano ci metteremo in auto per raggiungere l'aereoporto.
Fra poche ore, in piena notte, scoprirò se tutte le critiche lette sui vari forum a proposito di Rayanair in merito a bagagli e trattamento delle persone con bambini, sono vere o no.
O se sarò fortunata, semplicemente.
Sembrerà strano, in vita mia ho preso molti aerei eppure non ho mai volato con Rayanair.
Con Easyjet, Volareweb (che credo non esista già più e che comunque ci ha persi i bagagli, restituiti dopo TRE giorni, TRE) ed altre compagnie low cost e con innumerevoli compagnie di bandiera e, a parte i sedili che mi sembrano sempre più stretti ogni anno che passa (e non dite che sono io che mi allargo), mi sono sempre trovata bene.
Però di Rayanair ho sentito di tutto e di più e, considerato il prezzo che paghiamo io ed il nano, non è low cost per nulla...si vedrà.
Ammetto che preparare le valigie mi ha creato non poche difficoltà, tanto che non dirò cosa ci ho cacciato dentro, perchè poi mi verrebbero dubbi su dimenticanze e scelte...io odio preparare zaini e valigie, non sono mai riuscita a fare prima gli abbinamenti, mi tocca sempre improvvisare a destinazione.
Poi, capirete che 15 kg in stiva e 10 a mano + passeggino ultraleggero, non sono tanti per 18 giorni con nano sotto i due anni al seguito.
Per dire, già Ipad, Reflex, libri e cambio completo per il nano (+ salviette e quattro pannolini) occupano tutto il trolley del bagaglio a mano...e senza portare il tele e il fisheye, purtroppo.
Quanto ai giochi...vero tasto dolente.
Lunamonda, su un post di ieri, mi pare, consigliava di non portare nulla ed improvvisare, io non ci sono riuscita: pennarelli (la carta me la procurerò sul posto), quattro macchinine, due palette, un rastrellino, formine, setaccino mini, due annaffiatoi mini, tre macchinine in plastica da bagnetto, palla, animali di stoffa piatti e naturalmente il suo doudou...tre libri + due libbricini nuovi da bagaglio a mano.
Troppo, troppo poco?
Un pò di spiaggia speriamo di farla, anche se difficilmente faremo il bagno.

Dove andiamo?
A trovare l'Alpmarito, naturalmente, in Portogallo, zona nord, Braga e Porto...
si accettano consigli perchè quest'anno non parto proprio con lo stato d'animo adatto.

Sarà che avevo in mente tutt'altre vacanze, sarà che ho lavorato come una matta sino all'ultimo, sarà il caldo impossibile o il fatto di sapere che comunque l'Alpmarito dovrà anche lavorare, nonostante la nostra presenza, sarà il clima teso in famiglia......speriamo che la voglia venga viaggiando!

domenica 4 agosto 2013

Insolito risveglio

Avete presente l'ebrezza da primo giorno di vacanza vera, dopo essere già giunte sul luogo di destinazione ed averli passato la prima notte, quando vi svegliate e avete la giornata davanti, potete fare colazione con calma, decidere cosa indossare e cosa fare, senza l'assillo dell'orologio?

Ecco.
Non sono in vacanza ma oggi, dopo venticinque giorni di assenza del'Alpmarito, dopo un sabato ed una settimana trascorsi a lavorare come una dannata e in più incastrare revisioni auto, cambio gomme (l'ennesima sfiga di questo periodo eh?), assicurazioni da rinnovare, spesa per noi e per il gatto, commissioni assortite, lavatrici ecc, con nido chiuso per ferie, dopo tutto questo, questa mattina ho ricevuto un regalo inaspettato.
Il nano dorme ancora.
Son solo le otto, intendiamoci e ieri si è addormentato alle dieci e trenta però io ho goduto, si proprio goduto, di un'ora intera di pace.
Mi sono depilata ( udite udite, con l'epilatore elettrico mica con la solita passata decisa al volo di rasoio!!!) senza urla strilli e torri da costruire di contorno.
Mi sono fatta la doccia con calma (anche se con le orecchie tese a cogliere ogni minimo segnale di risveglio imminente), senza il nano seduto fuori che, in preda all'impazienza, apre le angine ogni 3 secondi netti e chiede " mamma, finitooooo????" , spiegando: "Voio giocae"!
Mi sono persino messa la crema idratante!
Ho risposto ad una mail dell'Alpmarito e ai commenti, lasciati giorni fa, ai miei post.
Ho bevuto la mia tazzona di acqua calda a digiuno senza il nano in braccio che si stropiccia gli occhi.
Ho fatto la mia serie di trenta addominali finalmente priva di un nano saltellante sulla pancia e ora, miracolo dei miracoli, sto sorseggiando il mio caffè in tazza grande con miele davanti alla finestra aperta.
Senza il nano che, contemporaneamente, cerca di arrampicarsi sul davanzale per tentare il suicidio (quindi finestra chiusa e addio refrigerio), pretende cucchiaini di miele che si riversano in parte sulle mie gambe, in parte sulla sedia, in parte sul tavolo, in parte sul pigiamino e, per quel che resta, nella sua boccuccia vorace, e senza discorsi improbabili ( che adoro, ma alle volte un po' di silenzio non guasta) e disperati tentativi di fargli mangiare almeno un biscotto di quelli aperti...
Mi manca solo di riuscire, dopo un'anno o forse più, a mettermi lo smalto sulle unghie dei piedi ( su quelle delle mani non ci provo neppure) e poi....inizierà a nevicare, come minimo!!!

No, tranquilli/e: si è appena svegliato.

So già che pagherò pegno, ma ora non ci voglio pensare!