mercoledì 28 agosto 2013

Portogallo + 17 e rientro

Venerdì scorso, ultimo giorno di vacanza, l'ho trascorso in spiaggia, con un nano insolitamente svogliato e cappriccioso, con l'Oceano insolitamente calmo e il sole caldo.
Però avevo la febbre e la tonsillite, di nuovo, e come capita in questi casi, più io stavo male e chiedevo al nano di avere pazienza e fare almeno un sonnellino pomeridiano da un'ora, più lui stava sveglio e non collaborava. E poi sveglia all'alba, anzi prima, attese infinite all'aeroporto, febbre e fatica.
In compenso, venerdì ho avuto il privilegio di vedere il mercato del pesce di quel paesino un po' diroccato ma tanto suggestivo che è Apulia e sono rimasta incantata dalla scena di ordinaria quotidianità.
E, contrariamente a quanto temevo, non ho avuto alcun problema ne' a prendere i voli da sola con nano, passeggino e bagagli, ne' con la Ryanair e le sue restrizioni in tema di dimensioni e peso dei bagagli (e' vero, però, che a bordo ti tempestano di proposte di vendita e che la loro bilancia aggiunge un chilo o due sul peso!!). Al ritorno il nano ha persino dormito tutto il volo, sdraiato nel sedile accanto, visto che l'aereo non era pieno e nessuno si è accorto che lui non avrebbe avuto diritto al posto a sedere....lo so, e' un po' da italiani però sono questioni di sopravvivenza (non mia o del nano, ma del mio braccio anchilosato, eh).
Ora non resta che passare al setaccio le 1400 foto scattate (e non è un numero a caso)!!!!!
Prima di Natale, magari...