giovedì 29 agosto 2013

Il mio secondo Wilbur Smith

So che è un classico, che avrà scritto almeno 50 romanzi, tutti stravenduti. Mia madre ne ha pure due o tre scaffali pieni e anche noi non scherziamo eh (apporto dell'Alpmarito) però sino alla scorsa settimana io non avevo mai letto un libro di Smith.





Poi mi sono trovata in Portogallo con i due libri che mi ero portata finiti e ho dovuto attingere agli ultimi acquisti del'Alpmarito i cui gusti, inutile dirlo, non sempre coincidono con i miei.
Così ho letto "La legge del deserto".
Il mio giudizio? Non male ma niente di eccezionale.
Si legge bene, in modo scorrevole, l'avventura, ambientata in Medio Oriente, con gli arabi cattivissimi e i cristiani buonissimi (ma tanti dialoghi in cui si sottolinea che non è la religione mussulmana da condannare, no, sono solo certe frange estremiste, come d'altro canto ci sono le sette cristiano..quasi l'autore avesse timore di incorrere in qualche censore o temesse denunce e accuse di razzismo...ma per favore!!!) prende abbastanza, i colpi di scena non mancano ed il finale, seppur nell'essenza scontato, non lo è nei modi.
I personaggi principali sono alquanto irreali ma non per questo meno carismatici ed affascinanti però trovo che ci sia un'abbondanza di dettagli truculenti e di scene macabre, un'insistenza sulla violenza e sulla crudeltà che...non so, ma non mi convince.
Nessuna descrizione dell'Africa alla Smith, per pagine e pagine, caratteristica che non mi aveva fatto entusiasmare per "La notte del leopardo" , però, se vi piacciono i romanzi d'avventura, consiglio piuttosto l'inimitabile Andy McNab o il più ripetitivo Clive Clusser.
Per dovere di cronaca, però, sappiate che all'Alpmarito "La legge del deserto" e' piaciuto molto di più che a me.
Questo post partecipa al Venerdì del Libro di Home Made Mamma : www.homemademamma.com