mercoledì 21 maggio 2014

P come...

P come passeggiate.
P come Piemonte.
P come papà, alias Alpmarito, che mi sprona a prepararmi ed uscire, che se ascoltassi la mia pigrizia da fine settimana (leggi: stanchezza), non so se lo farei ma poi di sicuro me ne pentirei.

L'arrivo, tanto atteso, della primavera, ha portato con sè la voglia di escursioni e di gite fuori porta.
Tanto in alto non si può ancora andare, perchè la neve resiste, e con il nano le gite lunghe sono, per il momento, fuori portata.
Così sfoghiamo la nostra voglia di stare all'aria aperta con passeggiate nei dintorni, qualche ripida salita e la scoperta (o ri- scoperta) di angoli del Piemonte poco conosciuti o nascosti che, invece, andrebbero valorizzati.

Perchè condividere la bellezza è un dovere morale.


  ANDRATE  (TO) - Canavese



Noi siamo saliti da Bienca ad Andrate in meno di 1 ora, in gran parte passando per il sentiero (e la mulattiera) nei boschi che costitusce uno dei tratti della mitica corsa di montagna: "Ivrea - Mombarone", tanto amata e conosciuta da eporediesi e canavesani.
L'ultimo tratto per raggiungere Andrate è sull'asfalto.
Il sentiero è indicato con frecce e segni gialli ma l'imbocco a Bienca non è facile da trovare.
Noi abbiamo sostato nell'area sportiva di Andrate, dotata di giochi per i bimbi, per riposare, mangiare un panino e far sfogare il nano.




Finalmente senza calze..(no, non sono queste le scarpe che uso per le canmminate, tranquilli!!!)

ASTI

 

Anche le cittadine hanno il loro fascino, soprattutto in una domenica (o in un sabato pomeriggio) di sole. Asti, poi, è particolarmente elegante e accogliente, anche se piccolina.