venerdì 23 maggio 2014

Studio illegale

Gli avvocati non sono tutti uguali.

Ci sono quelli di provincia, più o meno specializzati in alcuni settori e/o materia e quelli che più o meno "si occupano di tutto".
Ci sono quelli che lavorano nei grandi studi legali delle grandi città, tutto vetro e cemento, organizzati sotto forma di associazioni professionali, alla americana, con soci anziani e meno anziani, avvocati alle prime armi e praticanti, esperti super specializzati e legali che hanno il solo, ma importantissimo compito, di attrarre clienti.
Ci sono gli avvocato delle grandi città, che frequentano grandi tribunali, sempre elegantissimi, ma solo per le udienze "importanti" o in cui presenzia il cliente.
Per loro, le "commissioni" in Cancelleria e le udienze di routine sono "roba" da avvocati dipendenti o da praticanti.

Ci sono quelli che in udienza non ci vanno mai, perché redigono contratti, preparano transazioni e grosse operazioni societarie, seduti ad un tavolo da riunione tutto mogano e vetro, dopo che qualche giovane collaboratore, nell'ombra, ha sudato ore e ore seduto ad una scomoda scrivania in un cubicolo per preparare il testo.

Ci sono quelli delle piccole cittadine, a volte senza segretaria o collaboratori che seguono la pratica dall'inizio alla fine da soli, fotocopie, depositi e udienze comprese.

Ci sono quelli che fatturano "a ore" e ti ci mettono pure il rimborso spese dei pasti e dei chilometri e quelli che vanno avanti a "forfait".

Quelli del patrocinio a spese dello Stato e quelli "io solo le cause che sono sicuro di vincere e i clienti solvibili".

Ci sono avvocati veri, che praticano la professione sul campo, e quelli finti, che si fregiano del titolo ma poi fanno politica e dei problemi della giustizia e degli "operatori della giustizia" non ne sanno nulla, che a far riforme (assai discutibili) a tavolino sono capaci tutti.

Ci sono quelli che sono liberi professionisti davvero, in studi indipendenti, e quelli che non possono o non vogliono esserlo e, seppur con partita IVA, sono di fatto dipendenti, con i pregi e difetti che questa situazione comporta.

Ci sono le donne, ormai la maggioranza dei giovani professionisti eppure sempre discriminate, dai clienti più che dai colleghi e dai giudici, che guadagnano meno pur lavorando di più.
Donne che spesso e volentieri si sentono apostrofare come "Dottoressa" (quando va bene) o "Signora", perché l'avvocato e' per definizione un uomo (o anche solo perché persiste l'amletico dubbio: si dice comunque "avvocato" o "avvocatessa"? La risposta giusta e' "avvocato" e non ci offendiamo, tranquilli).

Ci sono i più competenti ed i più abili a vendere fumo più che sostanza.
Ci sono gli onesti e deontologicamente corretti e i meno, perché anche gli avvocati sono eseri umani.
Magari non sembra, a volte, ma è così.

Quel che è certo e' che esistono due categorie di avvocati: quelli che "fanno gli avvocati" e quelli che "sono avvocati".
Questi ultimi sono la maggioranza e, anche se non lo ammetteranno mai, pure i primi finiscono, con il tempo, per acquisire una forma mentis che ti porta a ragionare SEMPRE da avvocato, ad approcciarti a tutto e tutti pensando ad ipotetiche ed eventuali contenziosi, a norme giuridiche applicabili, a prove e soluzioni processuali.

Il libro di Duchesne, che racconta una parte del percorso professionale di Andrea Campi, detto Endriu, giovane e super qualificato avvocato di un rinomato studio "internazionale", specializzato in operazioni societarie e contratti, "libero professionista" che DEVE essere in studio entro le nove, ha solo un'ora di pausa pranzo e NON può uscire prima delle otto, meglio le dieci di sera e che dipende dai capricci del capo, "però vuoi mettere che figata, sono un'avvocato d'affari!", questo lo esprime benissimo.

Se siete curiosi di conoscere un pezzettino di questo mondo, descritto con sguardo disincantato, in modo ironico e scorrevole, ma anche con amore per una professione che traspare comunque tra le righe e nel finale amaro, leggetelo. Non vi annoierete.

E capirete perché io scelto di NON fare l'avvocato d'affari, ma l'avvocato di provincia, "libero professionista" (che poi null'altro vuol dire che "schiavo del cliente di turno", soprattutto se a fine mese ci devi arrivare, però "schiavo" sempre e solo  fino ad un certo punto).

Ricordate, però, che quello descritto nel libro è solo una piccola parte di un mondo molto variegato.

Studio Illegale, Duchesne, alias Federico Baccomo, pag. 318, Marsilio Editore, 17 Euro
Lo scrittore e' anche autore del seguitissimo (in ambito legale) blog: http://studioillegale.wordpress.com/2009/03/18/were-a-funny-combination-me-and-i/#more-145, ormai non più aggiornato ma che è sempre un piacere leggere, magari tutto di seguito, come un romanzo.

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di Home Made Mamma, come tutti i venerdì!