mercoledì 11 novembre 2015

A volte insistere serve (forse)

Dopo nove mesi di stop, ad ottobre sono tornata alla carica con il nuoto ed il ricciolino ha cominciato un nuovo corso da sei lezioni di 45 minuti, il sabato mattina, questa volta nella vasca degli adulti (e in quella dei piccoli per i momenti di gioco ad inizio e fine lezione) con le allenatrici ma senza mamma.

Io ho fatto un mini abbonamento, per approfittare del tempo del corso e nuotare anche io, guardandolo dalla corsia accanto.

Perché per quanto mi sia utile la corsa e per quanto mi piaccia l'arrampicata, il nuoto mi manca ancora tantissimo.

Le prime tre lezioni sono state una tragedia: pianti al momento di prepararsi a casa, pianti nello spogliatoio, pianti in vasca, proteste della serie "non ci voglio andare più", "ho paura", "non mi piace PER NIENTE" (con il "per niente" urlato a tutto volume.


Una mattina ha fatto di tutto per farci arrivare in ritardo, aiutato dalla desarpa (il rientro delle mucche dagli alpeggi in alta quota a valle, ovviamente transitando anche per le statali), gongolando: "Che bello, arrivai amiche sarà già finito!"

E invece no, abbiamo perso solo dieci minuti.

Un'altra, in auto, ha cercato di fare leva sulle mie paure di madre: "Mamma, e se affogo?" (Termine che ha imparato subito, peraltro) ed io a rassicurarlo che non era solo, c'era l'allenatrice; "Si', però se si distrae e io affogo?"; ed io a rassicurarlo che non poteva accadere e comunque non si muore annegati i dieci secondi;"Guarda mamma che anche le maestre si distraggono, qualche volta!", "Vuoi che "muoro"?"; ed io a spiegargli che tanto avrei nuotato in una corsia vicina o sarei stata sugli spalti pronta ad intervenire; lui a ribattere "Ma se sei vestita non fai in tempo e poi non sai saltare la ringhiera e io intanto affogo" e ancora "Ma mamma, tu non mi vedi perché non hai gli occhiali e poi non ci senti neanche!" (Perché uso i tappi per le orecchie) e via di questo passo.

Io, però, non ho mollato, anche perché, nei minuti finali delle lezioni, quando le allenatrici facevano giocare i bimbi nella piscina piccola, si vedeva che il ricciolino era contento. E dopo, ha sempre voluto fermarsi ancora a giocare in acqua con me, un quarto d'ora/venti minuti, fino a quando non ci buttavano fuori perché era ora di chiudere per il pranzo!!!

Forse sarà una mia fissazione, forse è irrazionale, ma sono da sempre fermamente convinta che non si possa crescere senza saper nuotare o andare in bicicletta. Che sia un po' come non saper respirare o camminare. Che sia essenziale, anche e soprattutto per una questione di sicurezza.

Lo sapete che ogni anno in Italia ci sono circa 400 morti per annegamento?E che viviamo in un paese con 7375,31 km di coste marine (dati Telefono Blu) senza contare gli innumerevoli laghi della mia zona, i torrenti di montagna che attraversiamo, i fiumi, la vasca da bagno in casa, le piscine e piscinette.

Ovviamente non sempre basta saper nuotare o si tratta di bimbi piccoli. Inoltre, sono ben consapevole che non potrò sempre proteggere mio figlio e che anche ai migliori genitori ed educatori, basta veramente un attimo di disattenzione o un piccolissimo errore. Però vorrei fare il possibile, ecco.

E poi io adoro nuotare e vorrei proprio provare a trasmettere queste sensazione a mio figlio.

Non è solo per il mio benessere che ho nuotato tre volte a settimana, se non quattro, per tutta la gravidanza e che l'ho portato al suo primo corso di acquaticita' a quattro mesi.

Perciò, anche se devo "sacrificare" il sabato mattina e arriviamo a casa alle 13.30, spesso con ancora il pranzo da preparare, anche se la piscina e' pur sempre a 11 km da casa, anche se è un costo ed una fatica, non ho mollato.

D'altro canto, una mia amica mi ha raccontato di aver portato la figlia a sette lezioni, contenta di andare in piscina ma poi bloccata sul bordo senza voler entrare per tutta la lezione. Altro che la mia pazienza e perseveranza (S., sappi che ti stimo molto per averlo fatto !!!)

Ebbene.

Alla quarta lezione, il ricciolino biondo e' riuscito a trattenere le lacrime e ha partecipato attivamente, ammettendo alla fine di essersi divertito, anche se non ha messo la testa sotto l'acqua e non ha voluto fare un tuffo (ma questo non mi interessa).

Sabato c'è stata la quinta lezione e, pur protestando il mattino, non solo non ha pianto ma ha chiesto lui stesso alla allenatrice di metterlo di nuovo nel gruppo dei bimbi da portare nella piscina grande.

Una volta dentro, poi, ho visto che chiacchierava allegramente con gli altri bimbi e rideva.

Alla fine, ha di nuovo confermato di essersi divertito.

Questa settimana ci aspetta l'ultima lezione ma, vista l'evoluzione finalmente positiva del corso, ho già anticipato alla allenatrice che vorrei farlo continuare con il corso successivo, che sarà di sole cinque lezioni, senza interruzioni.

Forse, e dico forse perché magari sabato saranno di nuovo pianti isterici e musi lunghi (da quando sono mamma, ho capito che non si può mai sapere con certezza in anticipo!!!), insistere e' servito.

Forse, e dico forse, il mio istinto di mamma non ha fallito e il ricciolino aveva davvero solo bisogno di essere spinto ad affrontare le proprie paure.