mercoledì 25 novembre 2015

Nuoto vs. corsa. 15 vantaggi della corsa e 10 motivi per cui praticarla con moderazione (e attenzione).

Dopo aver elencato i pro ed i contro del nuoto, secondo me,
ecco i vantaggi e svantaggi della corsa, sempre secondo la mia personale opinione. 
 
Vantaggi: 1 - non richiede il pagamento di biglietto di ingresso 2 - si può correre praticamente ovunque ed in ogni ora della giornata, condizioni climatiche a parte; 3 - basta vestirsi ed uscire a correre, niente docce e vasche lava piedi prima. Inoltre, non si 
perdono minuti preziosi per raggiungere la piscina, mettersi il costume, rivestirsi, tornare in 
ufficio/casa. Sempre che si possa correre vicino al luogo di lavoro o all'abitazione, si intende;
4 -l'attrezzatura davvero indispensabile si riduce ad un buon paio di scarpe, per il resto va bene 
qualunque maglietta, paio di calze e pantaloni della tuta;
5 - in compenso, se amate la moda, i colori o i cambi di look, avrete infinite occasioni di shopping 
e capi di vestiario per ogni stagione e potrete indossare colori fluorescenti senza sembrare 
fuori luogo.  In più, è per una buona causa no? State solo curando la vostra salute!! 
 
6 - si possono variare durata e luoghi e, conseguentemente, i paesaggi da osservare. 
Sempre che abbiate la lucidità per alzare gli occhi e non stiate annaspando;
7 - offre una buona occasione per ascoltare musica in santa pace. So che qualcuno riesce anche ad 
ascoltare audio libri o corsi di lingua, ma io non ho mai provato;
8 - la mente divaga nella ripetizione del gesto e ciò aiuta a distendersi, rigenerarsi e rilassarsi;
9 - puoi ascoltare il suono dei tuoi passi e concentrarti sul tuo respiro e sulle sensazioni del tuo corpo;  
10 - è uno degli sport “comuni” che offre il massimo risultato con il minimo tempo, in termini di 
dimagrimento. Non necessariamente si perdono chili, però taglie e centimetri sì;
11 - sforzandosi nella corsa a sufficienza, l'appetito, almeno per il pasto successivo all'uscita, 
tende a diminuire, anziché aumentare;
12- il colore delle scarpe da running ed i colori della natura (se si è fortunati), rendono l'uscita allegra
 e terapeutica; 
 
13- i corridori, maschi e femmine, che si possono incontrare, offrono spunti per mille considerazioni 
di carattere sociologico e psicologico. Altro che annoiarsi!
14- si può praticare da soli o in compagnia;
15- amici e parenti troveranno sempre qualche gadget o capo di abbigliamento da regalarvi.

Svantaggi:
1 - l'acqua calda per la doccia a casa la paghi a parte;
2 -  scarpe di media qualità costano, da sole, costano  come cuffia, costume, ciabattine, accappatoio 
e occhialini messi insieme e se correte con costanza, durano di meno del “kit da nuoto”;
3 - nonostante bastino le scarpe giuste, presto o tardi vi appariranno come indispensabili anche 
quel paio di pantaloncini in licra con il taschino tattico, la super maglietta traspirante fucsia o 
giallo fosforescente, i pantaloni lunghi con la fascia rifrangente (non si sa mai, il buio, le auto...
è per la sicurezza), la fascia porta telefono, le calze con i rinforzi nei talloni, il lettore mp3 e così via, 
fino ad arrivare alla borraccia ed al marsupio porta borraccia per le giornate estive, al frontalino 
per le serate buie, il cappellino termico,i guantini leggeri e, naturalmente, un super mega orologio c
he misuri velocità, chilometri, calorie ecc. ecc. 
In altre parole: potrebbe diventare un salasso! 
 
4 - neanche l'abbigliamento più tecnico, colorato e fashion del mondo saprà distogliere  l'attenzione
 dalla capigliatura spettinata e dal viso sudato rosso pomodoro alla fine di una corsa, o dal fiatone 
mentre arrancate in salita!
A meno che non siate molto più allenate di me o una di quelle fortunate che non sudano in viso e 
e sembrano fresche come delle rose anche dopo aver scalato il Monte Bianco.
 In piscina, invece, il sudore si vede e, soprattutto, si sente meno;
 
 
5 - si può praticare ovunque, è vero, però troverete condizioni climatiche ottimali giusto due o tre 
giorni all'anno: il resto dell'anno farà sempre troppo freddo o troppo caldo, pioverà, nevicherà, 
ci sarà troppo vento o vento contrario, troppo buio, troppa luce ecc. ecc.
Da questo punto di vista, i corridori sono dei rompiballe, sappiatelo;
6 - non si possono escludere incontri poco piacevoli o addirittura pericolosi.
E non parlo solo di uomini con cattive intenzioni o semplici scocciatori, ma anchedi cani liberi.
Insomma, in certi posti ed orari, bisogna stare attenti, purtroppo. 
Non ho invece notizia di incontri davvero pericolosi in piscina;
7 - esagerando (ma qui si parla di mamme e donne non comuni), si rischia un  dimagrimento 
eccessivo, con la pelle tirata ed il seno cadente.  Con il nuoto ? Guardate la Pellegrini e la Tania Cagnotto;
8 - la corsa è una droga. Basta poco per diventarne dipendenti,  con tanto di crisi di astinenza e 
fissazioni maniacali.
Finirete per pensare alla corsa mentre preparate le valigie per le vacanze, sacrificando vestitini 
e sandali con il tacco per scarpe da corsa e completo da running, maledire l'influenza non per i giorni 
di lavoro ma per gli allenamenti persi. Soprattutto, finirete per parlare di corsa con chiunque si mostri
minimamente interessato. 
 
9 - infortuni ( anche se io per ora non ne ho avuto)e doloretti vari (questi sì) sono all'ordine del giorno. 
Saremo anche tutti nati per correre, però è indubbio che la corsa "moderna" solleciti le articolazioni 
ed il cuore e che, allo stato, non sia adatta proprio a tutti.  
Sulla sua pratica in gravidanza ci sono pareri contrastanti e non posso dirvi la mia, avendo iniziato 
dopo, però certo ci vuole più attenzione che con il nuoto. 
10 - la corsa spinge al confronto, molto più del nuoto. 
Vi verrà voglia di gareggiare, presto o tardi,  inizierete a tenere un diario scrupoloso di tempi e distanze,
nonché a studiare tabelle di allenamento, parlare di ripetute e leggere gli articoli sul web.
In altre parole, diventerà una mania. Il che non è necessariamente negativo, si intende, però
potrebbe anche esserlo;  
 
 
Il rischio, infatti,  è che da attività distensiva la corsa diventi una ulteriore  fonte di stress ed ansia.
Già “corriamo” tutto il giorno per stare dietro a figli, lavoro, casa, mariti/mogli e incombenze varie, 
gareggiare con la testa e l'orologio anche nell'ora di sport che dedichiamo a noi stessi, forse non è l'ideale.
Difficile che accada lo stesso con il nuoto amatoriale.

Corsa o nuoto che sia, però, una certezza c'è: dopo vi sentirete stanchi ma sempre come rinati, 
rigenerati e più rilassati.
E la salute ci guadagnerà. 
 
Mamme e papà (ma anche nonne, zie, donne e uomini tutti), aspiranti runners o runners veri, che ne dite
Avete altro da aggiungere o qualcosa da rettificare ? 
Preferite corsa o nuoto (o nessuno dei due)?