sabato 19 marzo 2016

"La verità, vi spiego, sull'amore": le letture di Mamma Avvocato

"La verità, vi spiego, sull'amore" di Enrica Tesio, ed, Mondadori, anno 2015, pag. 235.

Ho ordinato, comprato e affrontato la letture del romanzo di Enrica Tesio piena di aspettative.
Seguo da tempo il suo blog Tiasmo apprezzandone i contenuti e lo stile, dolce e nello stesso tempo incisivo, leggero e profondo. Me la immagino, mentre scrivo, con un sorriso lieve sulle labbra, a volte un po' nostalgico o malinconico, ma pur sempre un sorriso.
E poi è torinese ed io ho vissuto a Torino e sono e resto una piemontese, anche se ora ho oltrepassato il confine della Regione (anche se di pochi chilometri).
Sapevo che nel suo romanzo avrei trovato anche parte del suo blog. Mi è già successo di leggere libri di altre blogger, a volte trovandoli un po' una replica del blog, altre rimanendo delusa, altre restando favorevolmente colpita.
Questa è una di quelle volte: la realtà ha ampiamente superato anche le mie già elevate aspettative!
Il romanzo e' divertente, fa sorridere e sognare, riflettere sui sentimenti, i rapporti di coppia, il senso di essere una famiglia. E lo fa con il suo stile particolare, lo stesso dei post.
Ho riconosciuto qualche passo già letto su blog e social ma integrato in una storia per me nuova, in cui accade poco a livello di azioni ma tantissimo a livello di sentimenti, cambiamenti familiari ed emozioni.
Un bel romanzo, che ho consigliato anche a mia madre e mia nonna e in cui, forse, tutte noi mamme e donne, soprattutto della mia generazione (che è la stessa della Tesio) possiamo riconoscerci.
Semplicemente un libro sui sentimenti e sulla maternità spassoso e toccante.
"E ci chiudiamo in noi stessi, che' il buio non entri.Ed è questa l'unica lettera, l'unica cosa che dovrei scrivere a Sara, che' se hai fortuna come me i figli ti trovano anche quando ti senti perduta."
"La maternità è tutta una lunga attesa che lui o lei comincino a fare qualcosa di diverso...Se sei una mamma tocca sempre aspettare e, quando non si aspetta, si rimpiange il tempo perduto...."
Oltre al libro, c'è una chicca: il Mammopoli, un gioco dell'oca per mamme e bambini, disegnato da Bura Bacio, in fondo al libro, a colori.
"A questo punto la notizia buona e' che il Mammopoli e' finito, il bambino dorme e tu puoi andare a piangere in salotto con la scusa che stai guardando una puntata di "Grey's Anatomy". La notizia cattiva e' che il Mammopoli e' un gioco, nella vita vera dubito che tu possa stare in salotto. Nella vita vera una madre non riposa. Si dice che Dio sia padre è infatti il settimo giorno sì è riposato.Una madre no."
E voi, lo avete letto? Vi è piaciuto quanto a me? Cosa ne pensate?
Con qualche ora di ritardo, partecipo all'appuntamento del Venerdì del Libro, pregando Paola di perdonarmi!