lunedì 25 luglio 2016

La versione estiva della felicità

La felicità, d'estate, è ....

...pagaiare sul lago con il papà..


...ridendo della lentezza della mamma sull'altra canoa e lanciandosi all'arrembaggio degli altri "velieri", fingendosi pirati...



....pulire i fagiolini freschi dell'orto dell'amichetto per la mamma;
poi mangiarseli freddi, bolliti, senza condimento, come patatine


...il corso di mountain bike che tanto sognavi, fin da quando spingevi la bici di legno senza pedali con le tue gambotte ancora cicciotte..


... scoprire un ambiente sportivo con istruttori e genitori simpatici, tranquilli, senza sfrenate ambizioni e con tanta voglia di stare insieme e pedalare, farsi nuovi amici, festeggiare insieme, sentirsi parte di un gruppo pur essendo il più piccolo e "nuovo"..

L'unica bici in piedi è la sua, ovviamente!
...i giri in pedalò con mamme e nonna..


...osservare insetti e animali. E stupirsi della meravigliosa varietà del mondo vivente..


...avere un pò di paura di fronte alla meravigliosa varietà del mondo vivente...


...giocare a pallone nel prato, usando piante e fiori come "pali" della porta immaginaria,
e cercare di non colpirli mai!



 ...tuffarsi e nuotare...
...nuotare e tuffarsi...
...tuffarsi e nuotare...
... nuotare e tuffarsi... 
con "i bimbi del lago"
con l'amica di sempre
con la mamma
con il papà
con le cuginette
in una piscina o in un'altra
..purchè sia tuffarsi e nuotare...



... cene in giardino e grigliate, purchè si faccia tardi, perchè dormire è perdere tempo, 
anche se il giorno dopo è dura alzarsi dal letto...

... partecipare alla tua prima gara (non competitiva ovviamente) di muontain bike, categoria GZero, in montagna e poi mostrare con orgoglio ad amici e parenti che c'è la tua foto con il di piccoli atleti ciclisti sul giornale locale e andare a dormire con la medaglia stretta forte nel pugnetto...



...osservare il panorama dal centro del lago...




...andare al centro estivo due giorni sì e uno no, un giorno sì e due no, perchè "mamma, mi diverto, però a casa con te o i nonni sto meglio!" 
Con la complicità dei suddetti nonni, ça va sans dire...

..divorare gelati al biscotto e ghiaccioli alla fragola, che poi se invece è amarena fa lo stesso...



...rotolarsi nel prato di verde vestiti, ridendo e ridendo...


...alzarsi alle nove, fare colazione guardando i cartoni e poi vestirsi velocemente per uscire a giocare. Fuori, sempre fuori, anche quando piove, perchè tanto, come dice il tuo papà: "Non siam mica fatti di zucchero!"