venerdì 26 ottobre 2018

Ciambella soffice alle castagne: mamma avvocato in cucina

In occasione della castagnata e della gara di torte organizzati dall'asilo nido di Orsetto e Principessa, io ed il ricciolino abbiamo preparato una

CIAMBELLA SOFFICE ALLE CASTAGNE



Dopo i biscotti alle castagne, infatti, avevamo avanzato farina di castagne e volevamo realiizzare un'altro dolce al sapore d'autunno.
La ricetta originaria l'abbiamo trovata sul blog "In cucina con me" (la trovate qui), insieme a tante altren sfiziose ricette dolci e salate, e vi abbiamo apportato un paio di modifiche: la forma, a ciambella anzichè torta, che secondo me ha incrementato la sofficità della stessa, e lo zucchero di canna, sostituito con lo zucchero normale.
Alla fine, a freddo, abbiamo cosparso la cimabella di zucchero a velo.

Ecco allora gli ingredienti:
  • 200g farina di castagne
  • 100g  farina 00
  • 250g  zucchero
  • 200g di latte
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 150g burro morbido
  • 3 uova
  • zucchero a velo q.b.

    Procedimento

    Aggendere il forno e portarlo a 200°.
    Nella bastardella (o in una ciotola di vetro dai bordi alti), sbattere cone le fruste le tre uova e lo zucchero, fino ad amalgamare il composto.
    Poi aggiungere la farina 00, la farina di castagne, il lievito, il burro ammorbidito (io lo scaldo a microonde in un piattino) e il latte, mescolando.
    Forse vi sembrerà che ci sia troppo latte, ma non è così, fidatevi!
    Io ho continuato ad usare le fruste elettriche senza problemi, fino a che il composto non è diventato troppo denso.



    Imburrare bene la tortiera o la forma di ciambella scelta e versarvi l’impasto.


    Infornare nel forno preriscaldato a 200° e, dopo 5 minuti, abbassare la temperatura a 180°.
    La ciambella dovrebbe lievitare e poi prendere colore. Usate uno stuzzicadenti in legno per verificare se è cotta all'interno (se non rimane impasto attaccato, è cotta, altrimenti continuate la cottura).


    Nel mio forno, non ventilato, ci sono voluti più di 45 minuti.

    Et voilà!



    La ciambella rimane morbida e soffice.

    Da consumarsi entro un paio di giorni, sempre che resista tanto a lungo, visto che è talmente buona da averci fatto conquistare il quarto posto in bontà nella gara di torte ai frutti dell'autunno del nido!!!



    Altre ricette autunnali? I fiori di zucca in pastella, i biscotti alle castagne, la vellutata di zucca e l'immancabile zuppa di cavoli piemontese!