venerdì 8 marzo 2013

A noi

A noi,
che ogni giorno all'alba ci svegliamo e iniziamo a correre
pur non essendo gazzelle della savana,
a noi,
considerate il sesso debole,
ma che facciamo girare il mondo,
a noi,
che sopportiamo tutto,
troppo spesso in silenzio,
a noi,
che sappiamo quanto un nuovo taglio di capelli possa influire sull'umore,
a noi,
che riconosciamo il potere delle parole,
a noi,
che abbiamo al responsabilità di crescere i futuri uomini del domani,
a noi,
bersaglio indifeso di uomini violenti,
a noi,
che incastriamo impegni e doveri con l'abilità di un'equilibrista,
a noi,
che improvvisiamo cene, merende e aperitivi,
per rendere tutti felici,
a noi,
che la macchina serve per spostarsi e non importano marca, modello, briciole sparse o colore,
ma solo che sia sicura per la nostra famiglia e..
vada avanti,
a noi,
maltrattate dal mercato del lavoro,
di cui però siamo la forza emergente,
a noi,
entrate con prepotenza in professioni per cui esiste soltanto, ancora, la definizione maschile,
a noi,
che dobbiamo faticare il doppio per raggiungere lo stesso risultato di un uomo,
a noi,
che se siamo belle siamo ritenute stupide
e se "normali", al massimo simpatiche
a noi,
che vorremmo parlare di amore e sogni,
e siamo costrette a farlo tra di noi,
a noi,
che sappiamo capire quando è davvero il momento di lottare,
e sappiamo farlo,
a noi,
vittime di pregiudizi, consigli e giudizi non richiesti,
a noi,
che piangiamo per nulla ma sopportiamo in silenzio il vero dolore,
a noi,
che inventiamo,
investiamo,
creamo,
procreamo,
cresciamo,
dialoghiamo,
discutiamo,
ci interroghiamo e ci rispondiamo,
a noi,
che lottiamo per i nostri diritti,
a noi,
che ancora non abbiamo reale possibilità di scelta,
a noi,
che ci emozioniamo per un paio di scarpe o una borsa nuova,
ma non siamo frivole,
o almeno,
non più di chi si emoziona per un calcio ad un pallone, visto in televisione,
a noi,
che leggiamo,
ci informiamo,
cuciniamo,
puliamo,
stendiamo il bucato,
ascoltiamo i nostri figli,
telefoniamo alle amiche,
tutto nello stesso momento,
e ce la facciamo davvero,
e neppure tanto male,
a noi,
che abbiamo i sensi di colpa quando ci dedichiamo a noi stesse,
a noi,
che amiamo gli sport
anche quelli ritenuti "maschili"
e ce ne freghiamo,
a noi,
che possiamo essere glamour
anche correndo o sciando,
a noi,
che ci trucchiamo in macchina, al semaforo,
a noi,
per cui fare acqusiti con le amiche è una terapia,
e qualche volta costa meno dell'analista,
a noi,
a cui un fiore è sempre gradito,
a noi,
in eterna lotta con una bilancia,
di cui in fondo, però, ce ne freghiamo,
a noi,
che un bacio appiccicoso
è meglio di un gioiello,
a noi,
che abbiamo la fortuna di sentirci chiamare "mamma",
a noi,
che spesso non possiamo decidere del nostro corpo,
ma non rinunciamo a decidere della nostra testa,
a noi,
che amiamo gli altri più di noi stesse,
a noi,
che quando vogliamo,
sappiamo trovare le parole giuste per un'amica,
a noi,
che conosciamo il potere di un abbraccio,
a noi,
che parliamo troppo,
ma mai a vanvera,
a noi,
che siamo brillanti nello studio,
a noi,
che l'organizzazione è il ostro forte,
anche quando non sembra,
a noi,
che qualunque cosa serva,
a chiunque,
è nella nostra borsa,
a noi,
che facciamo prima ancora che ci sia richiesto,
a noi,
che vediamo lavori ed incombenze che sfuggono anche all'uomo più attento,
a noi,
che troviamo vestiti nei cassetti e cibo in  frigo senza bisogna di domandarlo a qualcuno,
a noi,
che troppo spesso ancora chiniamo la testa,
a noi,
che sappiamo ironizzare su tutto,
anche su noi stesse,
a noi,
che la sindrome premestruale esiste davvero,
ma quanche volta la usiamo come scusa anche quando non c'è,
a noi,
che abbiamo pochi rappresentanti nella socità e nel potere,
ma solo perchè abbiamo troppo da fare nella vita quotidiana,
a noi,
per cui guerra uguale morte di persone care, nostre o altrui,
e null'altro,
a noi,
che l'economia domestica la padroneggiamo fin dalla culla,
a noi,
che con un sorriso e lo sguardo giusto,
sappiamo piegare le volontà maschili,
a noi,
che dietro un grande uomo,
c'è sempre una grande donna,
a noi,
che siamo disposte a riunciare a tutto,
tranne che ad essere donne.

A noi e a tutte le donne che ancora una festa non ce l'hanno, perchè è già tanto se hanno acqua potabile o possono uscire di casa senza rischiare la vita.