lunedì 25 marzo 2013

Il suono dell'amicizia



Nel tempo, alcune amicizie mi hanno deluso e fatto soffrire.
Ho vissuto la fine di un’amicizia come una tragedia, l’emozione amplificata dall’adolescenza, la delusione accuita dal fatto di aver dedicato anni e anni a coltivare quel sentimento, a condividere la vita, i giochi, i pensieri, i sogni, gli amori con una persona che poi ha scelto altre, non all’altezza ma più in vista, più “famose”.
Ed è stato un perdersi per mai più ritrovarsi, troppo cose non dette, non chiarite, troppi silenzi, troppi torti o presunti tali e adesso non so più neanche perchè è finita, ma so che è stato un dolore forte e ora quando la vedo non c’è più nulla, neppure rimapianto, solo indifferenza.
Altre volte, l’amicizia si è persa in scuole diverse, studi diverse, “giri” diversi, stemperandosi con il tempo, come un’acquarello bagnato dalla pioggia.
E mi è rimasto un senso di nostalgia, perchè il filo che ci uniova ci è scivolato di mano in un torrente vorticoso di impegni e conoscenze e quando ce ne siamo accorti era ormai troppo tardi, troppo difficile, o forse, semplicemente, non ci univa più nulla.
Poi ci sono le volte, tante, troppe, in cui credevo in quel sentimento più di quanto ci credesse l’altra/o e qaundo pensavi di essere importante, un amico intimo, un confidente prezioso e scopri che non lo sei, fa male, anche se sei già “grande” e di delusioni ne hai già patite.
Il fatto è che per me l’amicizia è qualcosa che dura nel tempo e non nasce mica con tutti, ma quando c’è è profonda e duratura.
Per altri, però, evidentemente no.
E allora è ancora più bello ed emozionanate scoprire che certi amici, invece, non mi hanno mai lasciata.
Ci sono stati in momenti per me cruciali, anche se forse non lo sapevano neppure che per me fosse così importante. Ci sono al di là del tempo e dello spazio.
Sono quelli amici che senti poco, ma ogni volta è come se non vi foste mai lasciati. Quelli che anche se hanno fatto scelte di vita e percorsi diversi, se sono diversi per idee e opinioni, sono uguali a te o complementari a te e vuoi loro bene, perchè loro ne vogliono a te e sai che ti conoscono davvero e ti accettano.
Sabato sera, finalmente, ho avuto a cena un’amica così e mi ha detto quello che pensavo anche io: so che non ho bisogno di chiamarti tutte le settimane per restare amici.
Ed è stato bello e piacevole e non c’era bisogno di parlare di massimi sistemi perchè il bello era essere insieme e basta, così, con i nostri nani che giocavano e interagivano e le risate “di pancia”, uno sguardo complice e tutto come 28 anni fa...quando eravamo poco più grandi dei nostri nani e ci divertivamo.
E allora, amica cara, anche se non sai neppure di questo blog, perchè mi vergogno a dire che c’è, che scrivo, che sono anche questa,, ho sentito voglia di renderti parte di questo, in qualche modo.
E forse, alla fine, a te lo dirò, che mi trovi anche qui.