venerdì 22 marzo 2013

"Il problema è che viviamo"



“- Il problema non è il cibo, non è la fame a farci soffrire.
  - E allora cosa?
  - Il problema è che viviamo. Che troviamo sempre quel tanto che basta per tenerci in vita e così siamo obbigati a restare  in quest’inferno.”

Non credo e non voglio credere che un simile dialogo possa davvero avvenire tra due bambini di dieci  anni.
Forse, però, quando vivi in strada in una città come Bombay fin dalla nascita, dieci anni valgono una vita intera.
Chmadi, il protagonista di questo romanzo, così lirico e così drammatico nello stesso tempo, che è “Il bambino con i petali in tasca” di Anosh Irani,  sa  riconoscere i bambini orfani come lui dagli occhi, che hanno sempre una patina di tristezza che nulla sa far passare.
Però sopravvivono, almeno alcuni, e per questo si sentono fortunati e condannati al tempo stesso.
Chamdi soppravvive grazie al suo passato all’orfanotrofio, dove è stato in qualche modo amato e accudito e dove ha potuto fare scorta di sentimenti ed insegnamenti positivi.
Grazie ad essi, o forse perchè è la sua indole, Chamdi sogna ad occhi aperti e alimenta una speranza che non si infrangerà neppure dinnanzi alla morte di un amico, alla violenza di un “padrone”, alla tragedia di un omicidio.
Perchè , nonostante tutto, il cuore di Chamdi è  buono, come quello  della sua amica Guddu, c he vola con la forza di una canzone.
La speranza, la fantasia  e  l’amicizia sono paracaduti indistruttibili e preziosi, come i petali colorati di una bungavillea.

“L’uomo ha gli occhi chiusi ma parlotta tra sè. Anche Amma lo fa, pensa Chamdi. Una città di così tante persone, e loro non riescono a parlare con nessuno”.

Vale  senz’altro la pena di leggere questo romanzo ma forse, se stavate programmando un viaggio in India, ve ne passerà la voglia.
O forse no , e guarderete i bambini con altri occhi.

Questo post partecipa al Venerdì del Libro di HomeMade Mamma, http://www.homemademamma.com/category/venerdi-del-libro/