mercoledì 23 gennaio 2013

Di bimbi, di lettoni e di lettini

Dopo una serata in compagnia di una coppia di amici con una bimba coetanea del mio, in cui ci siamo confrontati sulla questione lettone o non lettone, ho riflettuto su questo post http://patatofriendly.blogspot.it/2013/01/oggi-ho-bisogno-di-umorismoo-forse-di.html#comment-form e su quelli, più o meno recenti, scritti da altre mamme sull'argomento.
 
I nostri amici ci hanno spiegato di non riuscire a far dormire la loro bimba nel suo lettino, anche se posto nella stanza dei genitori, perchè si addormenta solo nel lettone dopo la poppata al seno della sera, abitudine che mamma e piccola hanno sin dalla nascita e mantegono ancora.
Se la spostano una volta addormentata, si sveglia e piange.
Nessuno dei due era contento di questa situazione, che compromette la serenità del loro sonno, ma la mia amica non si sente ancora pronta ad affrontare il "problema".
Di fronte a queste confidenze e quelle di altre amiche alle prese con frequenti risvegli notturni e/o con la difficoltà a far dormire i bambini nel loro lettino, io mi sento contemporaneamente fortunata, orgogliosa e vergognosa.
Fortunata perchè sono una di quelle (forse poche) mamme (ssshh...non ditelo a nessuno, se no mi attiro la sfiga!!!) felicemente dotata di un nano che dai due mesi dormiva quasi ininterrottamente tutta la notte, e nel suo lettino.
Orgogliosa perchè per riuscire a far dormire il nano nel suo lettino e nella sua stanza praticamente da subito, io e l'Alpmarito abbiamo dovuto affrontare non pochi sforzi:
Non che non ci siano notti insonni, ma per ora (e incrocio le dita) sono eccezioni, non la regola.
Come abbiamo fatto? Siamo stati "cattivissimi".
Passati i primi due mesi, in cui il nano passava tutta o gran parte della notte nel lettone, per poterlo allattare a richiesta (e chiedeva sempre) o si addormentava sulla pancia del papà in preda a terribile coliche, abbiamo deciso di applicare, liberamente, il metodo descritto in questo libro, gentilmente imprestatomi da mia madre: "Come insegnare ai bambini a dormire tutta la notte", di Charles E. Schaefer e Michaele R. Petronko, edizione del 1989 (ebbene sì, non è cambiato nulla!).
Mettevamo il nano ancora sveglio nel suo lettino, nella sua stanzetta (aperta) con carillon e magari lettura di una favola (che non guasta mai) e poi ci allontanavamo spegnendo la luce.
Se piangeva, anadavamo a turno a controllare che stesse bene, a fargli due coccole, a volte prendendolo in braccio due minuti ma più spesso no, in modo da non farlo sentire solo e abbandonato e andando via di nuovo.
Una notte ha pianto ad intermittenza per ore (due-tre? Di notte i minuti sembrano ore, figurarsi le ore!): straziante e distruttivo.
Inutile dire che, in primi giorni, la mattina eravamo due stracci, piegati dalla stanchezza e pieni di sensi di colpa (o almeno io, l'Alpmarito non ne sono così sicura), ma HA FUNZIONATO!
In una settimana (con un paio di cedimenti per stanchezza che ci hanno costretti, la notte dopo, a ricominciare da capo, anzi peggio), l'operazione è riuscita.
Il ciuccio (abbiamo dovuto forzarlo per farglielo tenere in bocca, ma considerando che è anche raccomandato per diminuire il rischio di morte in culla ed è praticamente indispensabile con le coliche, abbiamo insistito) e il passaggio all'allattamento misto, diventato dopo i tre mesi esclusivamente artificiale, ci hanno aiutato.
Prima la pancia del nano non era mai sufficientemente piena, con il bibe, la storia è cambiata e sono passate anche le coliche (lo so che il latte materno è meglio, ma questa è un'altra storia).
Non dico che sia stato facile, anzi, resistere al pianto disperato del mio bimbo, peraltro in pieno baby blues o malinconia post parto che fosse, è stato veramente faticoso, mi sentivo male dentro.
Però con lui nel lettone non riuscivamo proprio a dormire (e non ci riusciamo adesso, quando è malato e vuole restare con noi, il che accade di rado).
A parte lo spazio e la straordinaria capacità del nano di contorcersi nel letto e mettersi in posizione che nenache un artista circense, io ero letteralmente terrorizzata all'idea di schiacciarlo o che soffocasse con il piumino o che avesse troppo caldo in mezzo a noi e questo potesse costituire un rischio per la morte in culla...mi svegliavo continuamente con l'ansia, gelando perchè il piumino era sempre in basso per non coprire il nano, dormivo con gli incubi.

Ora mettiamo il nano nel lettino, gli leggiamo una storia o due e spegniamo la luce e lui, due volte su tre si addormenta tranquillo (dopo aver chiesto lui stesso di fare "nanna"), l'altra rugna un pò ma passa in fretta, magari canticchia o si aziona da solo il carillon e poi si addormenta.
Perchè provo anche un pò di vergogna, allora? Perchè io ho comunque sempre e costantemente sonno e, anche quando il nano dorme dalle 9 di sera alle sette del mattino ininterrottamente,
non mi basta mai!
E sì, perchè qui la fortuna a cui accennavo prima si compensa con la sfiga di essere una di quelle persone (so che ne esistono altri esemplari, datemi un segno) che per essere al 100% dovrebbe dormire 10 ore per notte, che con 9 sopravvive bene ma con 8...accumula stanchezza e nervosismo a gogò!

E ora non venitemi a dire che la vera crisi "del lettone" e l'ansia da separazione non sono ancora arrivate e fra qualche mese o anno sarà mooolto peggio perchè magari è così ma, al momento, preferisco dormire beata!